Infotdgeova - LiberaMente - Il Forum


Lo scopo di questo forum è quello di analizzare in chiave critica la dottrina e l'organizzazione dei Testimoni di Geova

Riflessione sul Diluvio

Tutto ciò che riguarda la dottrina dei Testimoni di Geova.

Moderatore: polymetis

Riflessione sul Diluvio

Messaggiodi Simon01 » 03/09/2019, 11:02

Cari apostati...

Da giorni riflettevo sul senso del diluvio.


La terra era piena di malvagità cosí Geova ha deciso di sterminare tutti ad eccezzione di Noè e la sua famiglia, non dimentichiamoci che Dio non si compiace della morte dei malvagi, quindi incaricó Noe di proclamare il messaggio di giudizio con la speranza che tutti si pentano.

Ma qui sorge un grande problema....chi è che crederebbe mai ad un uomo che afferma che avverrà un diluvio che spazzerà via tutti senza dimostrare con prove quello che dice?
Sarebbe come credere ad un barbone per strada che afferma di aver visto gli alieni, dubito che qualcuno gli crederebbe.....
Quindi mi chiedo se Dio non ha pensato di dare una prova o un segno in modo che quel povero uomo fosse credibile.

E qui sorge un altra domanda: Ma Dio vuole il massacro o il pentimento?

Ma spostiamoci all'arca di Noe, non voglio addentrarmi nei dettagli tecnici perchè ci ha già pensato Deliverance in un suo thread, la domanda è: Perche costruire un arca?
Non poteva dirgli di andare in un isola remota e fare in modo che le acque non colpissero quella specifica isola? Una cosa simile della divisione del Mar Rosso....

Spostiamoci dopo il Diluvio....ora mi chiedo, se sono rimasti solo Noè e la sua famiglia perchè non renderli perfetti e ricominciare da capo?

Invece no, la malvagità riappare ed ecco che si ricomincia... :ironico: , ma che senso ha avuto il Diluvio??
Simon01
Nuovo Utente
 
Messaggi: 14
Iscritto il: 16/08/2019, 16:44

Messaggiodi Mauro1971 » 03/09/2019, 11:16

E' stato il bidet di dio.
ATTENZIONE: ALTA POSSIBILITA' DI CONTENUTI FORTEMENTE DISSACRANTI.


"Sradica le tue domande dal loro terreno, e ne vedrai penzolare le radici. Altre domande!" (F. Herbert)

Su di me
Avatar utente
Mauro1971
Utente Gold
 
Messaggi: 9593
Iscritto il: 11/01/2011, 13:44

Messaggiodi VictorVonDoom » 03/09/2019, 11:35

Simon01 ha scritto:E qui sorge un altra domanda: Ma Dio vuole il massacro o il pentimento?


Beh, per uno che potrebbe far sparire tutti all'istante ma preferisce farli morire annegati (morte orribile)... penso che la risposta sia scontata. :occhiol:

Insomma, Thanos è stato più clemente con il guanto dell'infinito :risatina: ... schiocco di dita e polverizzati, senza sofferenze.

Meno male che è una leggenda così ci siamo tolti il pensiero, anche se il messaggio di fondo di un dio affascinato dalle morti cruente resta intatto.
Presentazione

"Nessuno dovrebbe sentirsi obbligato a seguire una forma di adorazione che considera inaccettabile o a scegliere fra le proprie credenze e la propria famiglia." (g 07/09 p.29)
Avatar utente
VictorVonDoom
Utente Senior
 
Messaggi: 2193
Iscritto il: 14/05/2016, 19:25

Messaggiodi Mario70 » 03/09/2019, 12:17

Ma anche facendo finta che veramente fossero tutti così malvagi meritevoli di morte eterna, che dire di tutti gli animali innocenti morti senza colpa? Parleremo di milioni e milioni di animali, una cosa del genere fa ribrezzo ad un uomo imperfetto e non lo avrebbe fatto per questo dio onnisapiente e amorevole? Tra l'altro (come un misero uomo moderno che ci ripensa come i corn...) dopo il diluvio questo dio si pente anche, troppo complicato per questo dio averci pensato prima?
Il dio di quel popolo di nomadi ebrei che hanno raccontato questa storiella, era più imperfetto di un semplice uomo moderno a quanto pare.
«È vero, in tempi passati vi sono stati alcuni che hanno predetto la "fine del mondo", annunciando perfino una data specifica. Alcuni hanno raccolto intorno a sé gruppi di persone ... aspettando la fine. Tuttavia non è accaduto nulla. La "fine" non è venuta. Si sono resi colpevoli di falsa profezia» (Svegliatevi!, 22/4/1969, p. 23).
Presentazione
Avatar utente
Mario70
Utente Master
 
Messaggi: 5864
Iscritto il: 10/06/2009, 20:28
Località: Roma

Quando avete finito....ce lo fate sapere grazie....

Messaggiodi Vieri » 03/09/2019, 13:38

A parte le solite battute da bar sport che identificano come sempre la vostra avversione di carattere religioso, mi meraviglio ancora che dopo tanti post scritti su questo argomento si ritorni sempre a insistere su questo tema ....
Questa storia del diluvio sicuramente è stata presa da fatti reali come le frequenti alluvioni fra il Tigri e l'Eufrate come da numerosi carotaggi hanno attestato come dall''Epopea di Gilgameš.
Relazioni e influenze con la Bibbia
Nei testi biblici, molto successivi, e nell'epica classica, compaiono svariate affinità con elementi del poema; si pensa che alcuni temi fossero diventati largamente diffusi nel mondo antico e che la loro attestazione testimoni rapporti culturali fra i popoli (ad esempio si presume l'influenza sugli ebrei del periodo della prigionia di questi ultimi a Babilonia). Le somiglianze degli elementi della trama e dei personaggi dell'Epopea con quelli della Bibbia comprendono ad esempio il Giardino dell'Eden e il racconto del Diluvio universale contenuto nella Genesi.

In base a questi precedenti, gli autori biblici del tempo pensarono bene di adattare tale idea di un diluvio, dove per "universale" si intendeva ovviamente tutta la terra conosciuta e non ovviamente inteso nel temine attuale di totalità, per impostare un insegnamento basato allora su un concetto sempre molto accessibile a tutti specie se formato da popolazioni ignoranti di pastori.
In breve il concetto di Dio, nei primi tempi era di assoluta devozione e se facevi il bravo venivi aiutato ma se lo rinnegavi Lui ti puniva severamente.
Dato poi che allora il concetto di pietà era molto aleatorio con la legge del taglione e della vendetta predominante, anche il Dio di allora si comportava "giustamente" con le stesse regole: quelle di ammazzare tutti.

Una visione pertanto legata sia ai tempi ed alle "regole" vigenti, sia ad una visione esemplificativa di Dio.

Poi, tutti i particolari citati, compreso quelli di dare le misure dell'arca, gli animali, i giorni, ecc. servivano solo per dare poi maggiore credibilità al racconto.

Se oggi dovessimo comportarci come allora prendendo per vere ed alla lettera certe storie leggendarie, escludendo la parte reale del succo degli insegnamenti, saremmo come i tdG,.......
Presentazione
Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente.
Bertolt Brecht
Avatar utente
Vieri
Utente Master
 
Messaggi: 6838
Iscritto il: 03/11/2015, 15:55

Messaggiodi VictorVonDoom » 03/09/2019, 14:39

Vieri ha scritto:Se oggi dovessimo comportarci come allora prendendo per vere ed alla lettera certe storie leggendarie, escludendo la parte reale del succo degli insegnamenti, saremmo come i tdG,.......


Infatti ho testè scritto: "Meno male che è una leggenda così ci siamo tolti il pensiero, anche se il messaggio di fondo di un dio affascinato dalle morti cruente resta intatto."

In ogni caso, qui si commentano le dottrine dei TdG quindi è solo normale criticarle anche mettendoci al loro "livello", cioè prendendo per veri e realmente accaduti certi racconti biblici come fanno loro. Come ha ben fatto Simon01, pure partendo dal presupposto che tali racconti siano veri si può arrivare a vedere che le loro dottrine, la loro teologia e le spiegazioni che danno per far quadrare il tutto siano illogiche e sconclusionate.
Il fatto che sappiamo siano leggende è, ovviamente, la pietra tombale.
Ma non reggono ad una semplice critica neanche prendendo per veri i racconti su cui si basano i loro ragionamenti.

Delle spiegazioni che da la tua religione, invece, per far "quadrare" il tutto penso che non ce ne freghi nulla! :ironico:
Presentazione

"Nessuno dovrebbe sentirsi obbligato a seguire una forma di adorazione che considera inaccettabile o a scegliere fra le proprie credenze e la propria famiglia." (g 07/09 p.29)
Avatar utente
VictorVonDoom
Utente Senior
 
Messaggi: 2193
Iscritto il: 14/05/2016, 19:25

Messaggiodi Socrate69 » 03/09/2019, 16:11

Noè&Family dopo il diluvio: Evviva l'incesto!
L'ignorante afferma, il saggio dubita, il sapiente riflette - Aristotele

Presentazione
Avatar utente
Socrate69
Veterano del Forum
 
Messaggi: 4035
Iscritto il: 18/12/2013, 15:44

Messaggiodi anima » 03/09/2019, 17:03

Dio non uso' solo il diluvio per distruggere tutti e lasciare in vita solo pochi :saggio:
Mi presento

“Le belle parole sono come i fiori, le belle azioni come i frutti.”

Immagine
Avatar utente
anima
Veterano del Forum
 
Messaggi: 4890
Iscritto il: 14/02/2013, 16:32

Messaggiodi Jeff » 03/09/2019, 18:06

Ricordo un dramma ad un'assemblea di distretto in cui si immaginava che Noè avesse un amico il quale era una brava persona e con il quale trascorreva del tempo conversando in tono amichevole del giudizio che Dio avrebbe portato.Purtroppo egli non credette a Noè o se la presa troppo comoda ,sappiamo tutti come andò a finire...Se volete salvarvi dovete salire sull'arca simbolica la WTS!
:bimbomare:
Avatar utente
Jeff
Nuovo Utente
 
Messaggi: 210
Iscritto il: 24/04/2018, 6:42

Messaggiodi Ray » 03/09/2019, 18:30

Se oggi dovessimo comportarci come allora prendendo per vere ed alla lettera certe storie leggendarie, escludendo la parte reale del succo degli insegnamenti, saremmo come i tdG,.......

Ma la vuoi smettere?
Ma se fino a ieri ti sei battuto e ci hai rotto le orbite infrastellari leggendo la tua stregua difesa sul diluvio accaduto
Noè et simile, ora te ne esci con il succo.
:uffa:
Che vuoi che ti spulcio i tuoi post primordiali ? :lingua:
______________
Ok ora ...

Caro neo-Apostata simon Barra 0I senza Barra, ma D-o cosa ? ma davvero pensi che se esiste D-o sta a perdere tempo
con noi sfigati ancorati su un piccolo pianetuccio, ci avrebbe inondati con l'acqua ? Ma una bella meteorite e via tutto come i dinosauri.
:addio:
Ray

Le falsificazioni e le varianti involontarie si accumulano man mano che un testo è ricopiato attraverso i secoli. Ogni scriba riproduce gli errori degli scribi precedenti e ne aggiunge di propri. Non possediamo alcun originale dei libri del nuovo testamento, ma neppure copie eseguite direttamente sugli originali, né copie di copie...Bart D. Ehrman
Genesi
Avatar utente
Ray
Utente Platinium
 
Messaggi: 11388
Iscritto il: 04/01/2012, 18:27
Località: "città nuova"

Messaggiodi Studente Biblico » 03/09/2019, 18:34

Tenterò di rispondere in maniera logica alle tue domande:

1) Secondo quanto narrato dalla Bibbia, nessuno credette alle parole di Noè e questo non dimostra affatto la malvagità di queste persone ma piuttosto l'ovvia incredulità data la mancanza assoluta di prove concrete che potessero dimostrare ciò. L'unica prova visibile sarebbe stata proprio l'arca che Noè stava costruendo alla luce del sole, infatti molti non poterono fare a meno di notarla e pensare quanto sia pazzo quell'uomo che decise di costruirla. Stranamente, la moglie, i tre figli con le rispettive mogli, pur non avendo alcuna possibilità di dialogare con Dio in persona, lo credettero senza indugi e lo seguirono. Lo aiutarono persino nella costruzione dell'arca. In conclusione, era ovvio che in mancanza di prove concrete, nessuno l'avrebbe creduto... e nemmeno io l'avrei fatto! Noè, non potendo dimostrare in alcun modo la concretezza delle sue affermazioni, non fu creduto. Un Dio che abbonda in saggezza lo avrebbe capito da sè che in mancanza di prove concrete non era possibile in alcun modo ottenere i risultati sperati, era peraltro scontata e prevedibile la loro reazione.

2) In base al racconto sembra che Dio si rammaricasse (o pentito) di aver creato l'uomo. E che quindi volesse distruggere tutto ciò che aveva creato. In realtà ciò non avrebbe avuto senso, poichè Dio era cosciente del fatto che benchè l'umanità fosse imperfetta, la malvagita a quei tempi si diffuse a causa di alcuni angeli che decisero di abbandonare la loro dimora celeste per poi accoppiarsi con gli umani (e questa è un'altra storia). Di certo non lo stabilirono gli umani. Ad un certo punto Dio notò che Noè era un uomo giusto e che si distingueva dal resto dell'umanità. Caso vuole che anche altre sette persone oltre a Noè erano persone giuste e meritevoli di salvezza, tra l'altro tutte imparentate con Noè (ma va?). Quindi Dio decise di rimanere in vita queste sette persone. In conclusione, sembra che Dio in quel periodo fosse pentito della sua scelta di creare la razza umana e volesse sterminarla in modo da abolire del tutto il suo progetto iniziale, ormai andato a male. Poi ci ha ripensato, ha deciso di continuare il suo progetto, ed ha stabilito chi fosse meritevole o meno di rimanere in vita. Quindi si presume che Dio non abbia fatto caso a Noè o volesse inizialmente ignorare la sua condizione di cuore per poi notarlo successivamente e cambiare idea. In effetti Dio desiderava appunto il massacro totale della razza umana in base al racconto biblico.

3) Le possibilità di salvezza erano infinite ovviamente, ma fu stabilito di costruire un arca perchè possa galleggiare sulle acque e contenere a coppia tutte le specie animali esistenti all'epoca, tranne ovviamente le creature marine, secondo il racconto biblico. Faccio alcuni esempi: avrebbe potuto stabilire che Noè, la famiglia e gli animali avrebbero potuto vivere e respirare sott'acqua. Avrebbe potuto miracolosamente posizionarli sulla cima di un monte molto alto ed evitare che l'acqua li raggiungesse. Avrebbe potuto posizionarli in un punto imprecisato dell'universo per poi reinserirli sul loro pianeta. Avrebbe potuto sterminare l'umanità in altri modi diversi è meno cruenti, ad esempio rendendoli inanimati e privi di vita. Le alternative sarebbero infinite. Per quanto riguarda l'isola, sarebbe improbabile poichè i livelli delle acque marine si sarebbero innalzate al punto da sommergere totalmente l'isola, a meno che, come dicevi, si fosse formata una barriera intorno all'isola come accadde al Mar Rosso.

4) Come ti direbbe un qualunque TdG, Dio non avrebbe potuto rendere perfetti Noè e la sua famiglia poichè in questo modo avrebbe dato ragione a Satana che insisteva apertamente che gli umani non fossero in grado di fare volontariamente la volontà di Dio, ma l'avrebbero fatto solo per tornaconto. Ovviamente ti darebbero una motivazione errata. In realtà hanno un concetto piuttosto errato di perfezione. Ad esempio l'imperfezione non comprende il fatto che invecchiamo e moriamo, ma possiamo comunque additarlo alle nostre azioni errate. Infatti in Genesi 3:22 leggiamo: "Il Signore Dio disse allora: «Ecco l'uomo è diventato come uno di noi, per la conoscenza del bene e del male. Ora, egli non stenda più la mano e non prenda anche dell'albero della vita, ne mangi e viva sempre!»". All'uomo fu impedito di nustrirsi dall'albero della vita ed è per questo semplice motivo che invecchiamo e moriamo, come puoi notare, non c'entra niente la nostra imperfezione. In conclusione, il diluvio presenta molte caratteristiche leggendarie e quindi poco realistiche, inoltre la narrazione è piena di contraddizioni ed elementi irrealistici.

Buona giornata!
Le religioni nascono dal desiderio dell'umanità di trovare le risposte alle proprie domande, e quando queste non si trovano, l'uomo se le inventa.

La mia Presentazione - Link al mio sito "La Torre ti Guarda!" - Opuscolo Un aiuto per chi rischia di cadere nella trappola del geovismo (PDF)
Avatar utente
Studente Biblico
Nuovo Utente
 
Messaggi: 110
Iscritto il: 25/05/2018, 20:28
Località: Provincia di Caserta

Messaggiodi Romagnolo » 03/09/2019, 19:44

Bravo Simon01, non avevo mai pensato al particolare dell' assenza di miracoli da parte di Noè.
Se pensiamo che per un evento così difficile a credersi...ovvero che nel primo secolo Dio scaricava la nazione di Israele per i cristiani, e per dimostrare ciò faceva si che gli apostoli ne compissero,...che dire riguardo a Noè e al diluvio ?
Pure l i ci sarebbe stato bene l' operato di qualche miracolo.
È stato detto che l' arca era il segnale per capire e credere,...ma non è la stessa cosa.
Per quanto imponente era pur sempre un' opera umana, frutto dell' ingegno e degli sforzi di Noè e famiglia, i miracoli compiuti dagli apostoli erano invece eventi eccezionali e incomprensibili per la gente dell' epoca.
Ma....volete sapere perché Noè non fece opere potenti di quel genere?
Perché non doveva convertire " nessuno"!
Dio fu ben chiaro fin dall' inizio...sull' arca dovevano salvarsi solo lui e la sua famiglia. :saggio:
Ricordati che lo studio biblico è si gratuito, ma poi ricordati che la WT richiederà che tu le dia altrettanto gratis il tuo impegno, tempo e risorse.
Presentazione
Romagnolo
Utente Master
 
Messaggi: 5574
Iscritto il: 27/07/2014, 13:08

Ray, ma stai prendendo lucciole per lanterne?

Messaggiodi Vieri » 03/09/2019, 19:46

Ray ha scritto:
Se oggi dovessimo comportarci come allora prendendo per vere ed alla lettera certe storie leggendarie, escludendo la parte reale del succo degli insegnamenti, saremmo come i tdG,.......

Ma la vuoi smettere?
Ma se fino a ieri ti sei battuto e ci hai rotto le orbite infrastellari leggendo la tua stregua difesa sul diluvio accaduto
Noè et simile, ora te ne esci con il succo.
:uffa:
Che vuoi che ti spulcio i tuoi post primordiali ? :lingua:
______________
Ok ora ...

Caro neo-Apostata simon Barra 0I senza Barra, ma D-o cosa ? ma davvero pensi che se esiste D-o sta a perdere tempo
con noi sfigati ancorati su un piccolo pianetuccio, ci avrebbe inondati con l'acqua ? Ma una bella meteorite e via tutto come i dinosauri.
:addio:

Scusa Ray, ma da quando ho fatto una strenua difesa del diluvio universale realmente accaduto e su tutta la terra ?
:boh: :boh: :risata: :risata: :risata:
Qui c'è qualche globulino che non è passato.....o frainteso alla grande....
:ciao:
Presentazione
Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente.
Bertolt Brecht
Avatar utente
Vieri
Utente Master
 
Messaggi: 6838
Iscritto il: 03/11/2015, 15:55

Difesa ad oltranza e totale? Parziale, si.

Messaggiodi Ray » 04/09/2019, 17:23

Poi alla fine tutte le congetture sono aperte ma almeno questo ritrovamento indica la storia di una alluvione locale avvenuta....

Il 3d.
viewtopic.php?f=14&t=21298&p=323717&hilit=diluvio+vieri#p323717

Quello che ne esce fuori e che quindi non si comprende bene
E se tu creda che il diluvio sia solo uno straordinario e catastrofico straripamento
tipo come quello del Po del I95I , che causò molte vittime
https://it.wikipedia.org/wiki/Alluvione ... embre_1951
Oppure sia la leggenda copiata e poi fatta propria per poi essere tramandata e infine scritta, fatto più probabile.
Ray

Le falsificazioni e le varianti involontarie si accumulano man mano che un testo è ricopiato attraverso i secoli. Ogni scriba riproduce gli errori degli scribi precedenti e ne aggiunge di propri. Non possediamo alcun originale dei libri del nuovo testamento, ma neppure copie eseguite direttamente sugli originali, né copie di copie...Bart D. Ehrman
Genesi
Avatar utente
Ray
Utente Platinium
 
Messaggi: 11388
Iscritto il: 04/01/2012, 18:27
Località: "città nuova"

Ray, parliamoci chiaro

Messaggiodi Vieri » 04/09/2019, 18:11

Ray ha scritto:
Poi alla fine tutte le congetture sono aperte ma almeno questo ritrovamento indica la storia di una alluvione locale avvenuta....

Il 3d.
https://forum.infotdgeova.it/viewtopic. ... ri#p323717

Quello che ne esce fuori e che quindi non si comprende bene
E se tu creda che il diluvio sia solo uno straordinario e catastrofico straripamento
tipo come quello del Po del I95I , che causò molte vittime
https://it.wikipedia.org/wiki/Alluvione ... embre_1951
Oppure sia la leggenda copiata e poi fatta propria per poi essere tramandata e infine scritta, fatto più probabile.

I punti di riferimento sono questi:

-Sicuramente nella zona fra il Tigri e l'Eufrate come da numerosi carotaggi della zona effettuati, ci furono nei secoli numerose alluvioni.

- L'Ipotesi Ryan-Pitman o dell'inondazione preistorica del Mar Nero è una teoria che propone un'inondazione repentina e catastrofica del Mar Nero da parte di acque provenienti dal Mar Mediterraneo, avvenuta nel 7150 a.C.[1] o nell'8500 a.C.[2]. Secondo questa ipotesi l'evento sarebbe stato ricordato nelle varie mitologie come il Diluvio universale.
https://it.wikipedia.org/wiki/Inondazio ... l_Mar_Nero

- Leggende antecedenti come quella nell'epopea di Gilgamesh

Conclusione:
In base a queste notizie e leggende tramandate nel tempo relative a fatti catastrofici più o meno portati all'esagerazione, ritengo molto probabile che gli scrittori di allora di quei passi della Bibbia abbiano preso spunto da tali notizie per impostare un messaggio educativo sulla potenza di Dio e sulla necessità di essergli fedele.
Per dare poi maggiore credibilità ad un racconto sicuramente fantastico (tecnica psicologica nota allora come oggi) il racconto era stato completato con numerosi dettagli anche tecnici tipo le dimensioni, la calafatatura, ecc.tutte informazioni alle quali credono in molti come veritiere......tdG compresi.

Chiaro il concetto ?
Presentazione
Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente.
Bertolt Brecht
Avatar utente
Vieri
Utente Master
 
Messaggi: 6838
Iscritto il: 03/11/2015, 15:55

Messaggiodi Morpheus » 05/09/2019, 0:57

Romagnolo ha scritto:Dio fu ben chiaro fin dall' inizio...sull' arca dovevano salvarsi solo lui e la sua famiglia. :saggio:


Sai che casino dover rifare l'arca per accomodare altri milioni di persone convertite?!??

Un mito senza alcun senso, anzi dal senso orribile, che puo' piacere solo a persone superficiali che non danno valore alla vita degli uomini e degli animali.
“I nostri nemici sono stati l’ignoranza e la rassegnazione”. Non so perché, ma ormai è andata così.

Presentazione
Morpheus
Utente Senior
 
Messaggi: 1101
Iscritto il: 13/01/2014, 10:52

Messaggiodi deliverance1979 » 05/09/2019, 20:59

Sull'infattibilità dell'Arca ne parlammo qui...

https://forum.infotdgeova.it/viewtopic.php?f=17&t=24602&hilit=+analisi+critica

Devastare un mondo per una questione di malvagità.

E' come tirare 100 bombe atomiche sulla Siria quando c'era l'ISIS, per risolvere il problema del terrorismo... :fronte:

L'unica spiegazione logica, ma rimanendo nelle fanta vaccate, è che prima del Diluvio, c'erà un determinato ecosistema, dove non pioveva e dove praticamente il cielo, aveva un'enorme quantità d'acqua, quella che poi cadde sulla terra e formò i mari.

Ora, sempre restando nel mondo delle fanta vaccate, forse, questa specie di densa coltre di nubi che bloccava molti dei raggi ultravioletti e formava una specie di effetto serra, che non faceva piovere, ma bensì, il suolo si inumidiva con una specie di vapore derivante da tale situazione climatica, forse, faceva si che la vita degli uomini fosse diversa e che la longevità dell'umanità, poteva essere influenzata da tale meccanismo.
Quindi, Dio, portando il Diluvio, ruppe questa specie di "vantaggio biologico", cosi da permettere l'esistenza del mondo con l'alternarsi delle stagioni, e le radiazioni ultraviolette per come lo conosciamo oggi.

Ma tolta questa spiegazione con un risvolto pseudo pragmatico, il perchè annientare un pianeta per punire al massimo pochi milioni di esseri umani malvagi, non ha proprio senso.
« Senza aver visto la Cappella Sistina non è possibile formare un'idea apprezzabile di cosa un uomo solo sia in grado di ottenere. »
Johann Wolfgang von Goethe

Presentazione
Avatar utente
deliverance1979
Utente Master
 
Messaggi: 5507
Iscritto il: 20/12/2009, 16:36

Messaggiodi VictorVonDoom » 06/09/2019, 9:23

deliverance1979 ha scritto:L'unica spiegazione logica, ma rimanendo nelle fanta vaccate, è che prima del Diluvio, c'erà un determinato ecosistema, dove non pioveva e dove praticamente il cielo, aveva un'enorme quantità d'acqua, quella che poi cadde sulla terra e formò i mari.


Ma non è tanto logica, dato che una cosa del genere avrebbe impedito la vita sulla terra, quindi niente malvagi da distruggere!
E poi tutta quell'acqua oggi dove sarebbe? A meno di aggiungere alla spiegazione che dio se l'è bevuta!
Presentazione

"Nessuno dovrebbe sentirsi obbligato a seguire una forma di adorazione che considera inaccettabile o a scegliere fra le proprie credenze e la propria famiglia." (g 07/09 p.29)
Avatar utente
VictorVonDoom
Utente Senior
 
Messaggi: 2193
Iscritto il: 14/05/2016, 19:25

Messaggiodi deliverance1979 » 06/09/2019, 20:46

VictorVonDoom ha scritto:Ma non è tanto logica, dato che una cosa del genere avrebbe impedito la vita sulla terra, quindi niente malvagi da distruggere!
E poi tutta quell'acqua oggi dove sarebbe? A meno di aggiungere alla spiegazione che dio se l'è bevuta!


Stando alle fantasticherie fanta bibliche di molti religiosi stile TDG, i mari che osserviamo oggi si formarono dopo il Diluvio.
Molto probabilmente prima, la terra aveva un'estensione più grande di quella di oggi.

Una volta, un sorvegliante viaggiante, oggi non più tra noi, che era anche un insegnante della scuola speciale per pionieri, tenne un discorso nella nostra congregazione, dove parlò appunto del Diluvio.
All'epoca io ero affascinato da certi argomenti (fanta biblici) e mi ricordo come se fosse oggi quanto segue, cito testuali parole:

"Non dovete pensare al Diluvio come ad una pioggerellina che cade (sui tetti e sugli orti, citazione poetica di non mi ricordo chi), ma come un pesante anello acqueo che si schianta sulla terra facendo sprofondare il terreno e facendo sollevare colline e montagne".

Quindi, il Diluvio non era una semplice tempesta ma uno sconvolgimento climatico.

Mah, che senso aveva quest'azione non lo so.
Ripeto, l'unica mia interpretazione, è quella che prima gli uomini vivevano molto più a lungo per via di quelle condizioni terrestri che esistevano con la coltre di nubi precedenti al Diluvio, oltre che, vivevano più vicini ad Adamo ed Eva e quindi alla perfezione iniziale che Dio aveva immaginato per l'uomo.

Il Diluvio doveva essere una sorta di spartiacque (scusate il gioco di parole), tra quanto avveniva prima e quanto sarebbe avvenuto poi.

Altre spiegazioni logiche più plausibili non mi vengono in mente.

Anche perchè, in altre situazioni bibliche, Geova o Dio, impiegò degli angeli per distruggere grandi moltitudini di uomini.

Comunque, è anche vero che la bibbia è piena di falle e contraddizioni, quindi, stiamo solo giocando di fantasia...
« Senza aver visto la Cappella Sistina non è possibile formare un'idea apprezzabile di cosa un uomo solo sia in grado di ottenere. »
Johann Wolfgang von Goethe

Presentazione
Avatar utente
deliverance1979
Utente Master
 
Messaggi: 5507
Iscritto il: 20/12/2009, 16:36

Messaggiodi VictorVonDoom » 07/09/2019, 12:16

Quello che voglio dire è che un anello d'acqua attorno alla Terra non avrebbe permesso la vita.

"Inoltre, se l’intero globo fosse stato coperto da un tetto di nuvole prima del diluvio, avrebbe causato un intollerabile effetto serra, aumentando la pressione dell’aria e bloccando la luce del sole. L’effetto termodinamico necessario a condensare quell’acqua atmosferica in pioggia avrebbe rilasciato 2,26 milioni di joule di calore per ogni chilogrammo di acqua, che avrebbe aumentato le temperature nell’aria e negli oceani ben al di sopra del punto di ebollizione [2]. Le nuvole non avrebbero potuto fornire l’acqua necessaria per inondare la terra fin sopra montagne alte migliaia di metri."
Presentazione

"Nessuno dovrebbe sentirsi obbligato a seguire una forma di adorazione che considera inaccettabile o a scegliere fra le proprie credenze e la propria famiglia." (g 07/09 p.29)
Avatar utente
VictorVonDoom
Utente Senior
 
Messaggi: 2193
Iscritto il: 14/05/2016, 19:25

Messaggiodi deliverance1979 » 07/09/2019, 15:01

VictorVonDoom ha scritto:Quello che voglio dire è che un anello d'acqua attorno alla Terra non avrebbe permesso la vita.

"Inoltre, se l’intero globo fosse stato coperto da un tetto di nuvole prima del diluvio, avrebbe causato un intollerabile effetto serra, aumentando la pressione dell’aria e bloccando la luce del sole. L’effetto termodinamico necessario a condensare quell’acqua atmosferica in pioggia avrebbe rilasciato 2,26 milioni di joule di calore per ogni chilogrammo di acqua, che avrebbe aumentato le temperature nell’aria e negli oceani ben al di sopra del punto di ebollizione [2]. Le nuvole non avrebbero potuto fornire l’acqua necessaria per inondare la terra fin sopra montagne alte migliaia di metri."


Quello che dici è corretto, infatti i TDG o i credenti integralisti biblici, ti diranno che la fisica era distorta dal potere divino che a quell'epoca gestiva la biosfera ed il pianeta terra in quella determinata maniera.

Purtroppo non se ne esce, visto che quando fa loro comodo, per avvalorare le tesi strampalate bibliche, utilizzano le scoperte scientifiche, mentre quando le cose non riportano, allora dicono che Dio o Geova è onnipotente e può fare ogni cosa.

Logicamente è un discorso molto infantile, che poi, si trascina dietro innumerevoli falle.

La loro tecnica è sempre e comunque quella di giustificare le cose a priori e mai di anticiparle.
Spesso la frase tipica di questo culti, quando attaccati su questioni che non stanno in piedi, è la seguente: "Dio è perfetto ed onnipotente, motivo per cui se ha agito in quella maniera, era la soluzione migliore".... oppure... "Dio sa ciò che è meglio, chi siamo noi uomini imperfetti per capire i progetti di una creatura millenaria..."

Come si può ben vedere, le giustificazioni spicce abbondano e se uno che ha creato l'universo deve difendersi d'ufficio in questa maniera, bè, effettivamente stiamo messi maluccio...
« Senza aver visto la Cappella Sistina non è possibile formare un'idea apprezzabile di cosa un uomo solo sia in grado di ottenere. »
Johann Wolfgang von Goethe

Presentazione
Avatar utente
deliverance1979
Utente Master
 
Messaggi: 5507
Iscritto il: 20/12/2009, 16:36

Ragazzi buon giorno....la Bibbia ed il libro di Pinocchio

Messaggiodi Vieri » 07/09/2019, 16:22

Certe volte quando rileggo le vostre spiegazioni circa l'impossibilità scientifica assolutamente consolidata del diluvio universale mi viene ancora da sorridere per la ovvietà delle vostre considerazioni.

Poi sorrido di meno quando mi portate davanti delle vostre esperienze personali circa la convinzione di molti tdG a credere in una "pioggerellina", tra l'altro, avvenuta nemmeno moltissimi millenni fa, che avrebbe completamente rivoluzionato la vita su questo pianeta.

Mi domando come sia possibile ancora nel XXI secolo che ci siano persone che senza un minimo di logica possano credere ancora integralmente, senza "se e senza ma", ad un libro scritto 3000 anni fa che aveva tutti i buoni intenti morali ed istruttivi eccetto quello di essere un libro di storia e di scienza.

Non prendetemi ora per un "miscredente" ma se prendiamo allora il libro di Pinocchio,... era vera la storia del burattino che ad un certo punto si animò, parlava, entrò nella balena, che c'era una fata turchina, il paese dei balocchi, il gatto e la volpe, ecc.?
Se facciamo una domanda del genere ad un tdG, sicuramente vi dirà allora che è una favola per bambini con lo scopo istruttivo di dimostrare che nonostante le tentazioni e le vicissitudini della vita se uno persegue il bene alla fine ha un premio che in questo caso era quello di diventare un bambino vero.

Tutte queste considerazioni morali, in questo caso di stile massonico, sono evidenziate nel sito:
http://www.centrosangiorgio.com/occulti ... occhio.htm

Conclusioni spicciole:
Ovviamente non voglio paragonare la Bibbia al libro di Pinocchio ma evidenziare il fatto che ambedue i libri alla fine, il primo scritto per l'umanità intera, ed il secondo per i bambini come una favola,.......mantengono delle grandi analogie di fondo ?
Se per raggiungere allora gli stessi scopi prefissati,mi spiegate allora perchè del primo libro, tutti i fatti raccontati debbano essere presi assolutamente per veri, mentre per il secondo considerati come una "favola immaginaria"?

Sarei curioso di sapere cosa ne pensa un tdG anziano......
Presentazione
Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente.
Bertolt Brecht
Avatar utente
Vieri
Utente Master
 
Messaggi: 6838
Iscritto il: 03/11/2015, 15:55

Messaggiodi Mauro1971 » 07/09/2019, 16:35

Vieri ha scritto:Mi domando come sia possibile ancora nel XXI secolo che ci siano persone che senza un minimo di logica possano credere ancora integralmente, senza "se e senza ma", ad un libro scritto 3000 anni fa che aveva tutti i buoni intenti morali ed istruttivi eccetto quello di essere un libro di storia e di scienza.

Quelli scritti 2000 invece... :risata: :risata: :risata:
Trave e pagliuzza.
ATTENZIONE: ALTA POSSIBILITA' DI CONTENUTI FORTEMENTE DISSACRANTI.


"Sradica le tue domande dal loro terreno, e ne vedrai penzolare le radici. Altre domande!" (F. Herbert)

Su di me
Avatar utente
Mauro1971
Utente Gold
 
Messaggi: 9593
Iscritto il: 11/01/2011, 13:44

Mauro....

Messaggiodi Vieri » 07/09/2019, 17:31

Mauro1971 ha scritto:
Vieri ha scritto:Mi domando come sia possibile ancora nel XXI secolo che ci siano persone che senza un minimo di logica possano credere ancora integralmente, senza "se e senza ma", ad un libro scritto 3000 anni fa che aveva tutti i buoni intenti morali ed istruttivi eccetto quello di essere un libro di storia e di scienza.

Quelli scritti 2000 invece... :risata: :risata: :risata:
Trave e pagliuzza.

Carissimo, direi che la tua sia una battuta decisamente infelice e fuori luogo per il semplice fatto che, COME BEN SAI, I Vangeli narrano le parabole e la storia di Gesù senza "storie" o "leggende".
Parabola: narrazione di un fatto verisimile, atto ad adombrare una verità o a illustrare un insegnamento morale o religioso, caratteristica della predicazione di Gesù.

Fatti eccezionali ?
Sicuramente ma solo miracoli, cioè numerose guarigioni fatte con la resurrezione di Gesù stesso.

Potrai crederci o meno ma sicuramente non potrai mai scientificamente dimostrare che UNA SOLA PERSONA nata e vissuta su questa terra, sia stata capace di tanto, poichè ritenuto Figlio di Dio.

Se poi, invece lo consideri un umano qualsiasi, rimane ovvio che non possa crederci.
PS. però per essere stato un "umano" qualsiasi....qualche cosa di "diverso" dovrà aver pur fatto e detto per ricordarsi di Lui ed in tanti, anche dopo 2000 anni.... :ironico:
Presentazione
Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente.
Bertolt Brecht
Avatar utente
Vieri
Utente Master
 
Messaggi: 6838
Iscritto il: 03/11/2015, 15:55

Messaggiodi Mauro1971 » 07/09/2019, 18:12

Vieri ha scritto:Carissimo, direi che la tua sia una battuta decisamente infelice e fuori luogo per il semplice fatto che, COME BEN SAI, I Vangeli narrano le parabole e la storia di Gesù senza "storie" o "leggende".

:risata: :risata: :risata: :risata: :risata: :risata: :risata: :risata: :risata: :risata:
senza "storie" o "leggende"
:risata: :risata: :risata: :risata: :risata: :risata: :risata: :risata: :risata: :risata:

Come ben dovrei sapere in base a cosa???? A quali prove???? Ma dai su Vieri quello che dovresti ben sapere tu è che a parte la tua "fede", cioè la capacità di credere vere cose false, non c'è proprio nulla ad indicare che quei racconti siano in alcun modo "veri".
Per cui no Vieri, quello che ben so è che sono proprio storie e leggende come tutti i miracolismi di quel periodo storico in giro per il mondo.

Ma per favore, "come ben sai"... :risata: :risata: :risata: :risata: :risata: :risata: :risata: :risata: :risata: :risata: :risata: :risata:
ATTENZIONE: ALTA POSSIBILITA' DI CONTENUTI FORTEMENTE DISSACRANTI.


"Sradica le tue domande dal loro terreno, e ne vedrai penzolare le radici. Altre domande!" (F. Herbert)

Su di me
Avatar utente
Mauro1971
Utente Gold
 
Messaggi: 9593
Iscritto il: 11/01/2011, 13:44

dove sta il confine fra verità e mito ?

Messaggiodi Ray » 07/09/2019, 18:42

Vieri spesso confonde la storia con la fede.
È un buon cristianuccio ruspante è abituato a mangiare quello che trova alla tavola dei neocat...

Quando deciderà di accostarsi al pensiero critico senza fare apologia e citare sempre le scritture come fanno i tdg
allora... :spumante:
Ray

Le falsificazioni e le varianti involontarie si accumulano man mano che un testo è ricopiato attraverso i secoli. Ogni scriba riproduce gli errori degli scribi precedenti e ne aggiunge di propri. Non possediamo alcun originale dei libri del nuovo testamento, ma neppure copie eseguite direttamente sugli originali, né copie di copie...Bart D. Ehrman
Genesi
Avatar utente
Ray
Utente Platinium
 
Messaggi: 11388
Iscritto il: 04/01/2012, 18:27
Località: "città nuova"

Messaggiodi deliverance1979 » 07/09/2019, 19:11

Ora, la prima grande problematica del Diluvio la si osserva nel trattamento dei malvagi.
Come mai, millenni dopo, ad un Re israelita come Manasse, che aveva la Legge mosaica, i miracoli ed i profeti, e fece in grandi proporzioni il male, Dio concesse una seconda possibilità.

Al tempo del Diluvio, cosi come a Sodoma e Gomorra, non poteva intervenire miracolosamente con portenti per salvare il salvabile?

Perchè spazzare via un intero pianeta... tutti cattivi?
che senso ha.

E se erano tutti cattivi, non scordiamoci che era per colpa degli angeli che vennero sulla terra ed ebbero rapporti con le figlie degli uomini.
E Dio dove stava?

Dio distrusse gli uomini ma gli angeli no? :fronte: :ciuccio:

Un Dio cosi che se l'aggiusta alla bisogna non mi sembra il massimo...

Noè predicò 40 anni che cosa, una cosa astratta, un evento meteorologico mai visto, visto che neanche pioveva....

Eppure i Nefilim, ovvero i figli degli angeli, camminavano tra le persone, quindi a chi credere, ad uno sciroccato come Noè che predicava un qualcosa di mai visto, o il figlio di un angelo che ti gonfia come una zampogna?

Mah, controsensi a go, go...
Poi però, per altri personaggi biblici come Gedeone, o Mosè, le prove miracolose vennero fornite prima di iniziare una missione per conto di Dio...

Dieci pesi e dieci misure diverse... che logicamente noi poveri umani imperfetti e sfigati non possiamo capire, ma dobbiamo continuare a giustificare questo invisibile, intangibile ed inutile Dio....
Mah...
« Senza aver visto la Cappella Sistina non è possibile formare un'idea apprezzabile di cosa un uomo solo sia in grado di ottenere. »
Johann Wolfgang von Goethe

Presentazione
Avatar utente
deliverance1979
Utente Master
 
Messaggi: 5507
Iscritto il: 20/12/2009, 16:36

Messaggiodi VictorVonDoom » 07/09/2019, 20:15

Mauro1971 ha scritto:
Vieri ha scritto:Carissimo, direi che la tua sia una battuta decisamente infelice e fuori luogo per il semplice fatto che, COME BEN SAI, I Vangeli narrano le parabole e la storia di Gesù senza "storie" o "leggende".

:risata: :risata: :risata: :risata: :risata: :risata: :risata: :risata: :risata: :risata:
senza "storie" o "leggende"
:risata: :risata: :risata: :risata: :risata: :risata: :risata: :risata: :risata: :risata:

Come ben dovrei sapere in base a cosa???? A quali prove???? Ma dai su Vieri quello che dovresti ben sapere tu è che a parte la tua "fede", cioè la capacità di credere vere cose false, non c'è proprio nulla ad indicare che quei racconti siano in alcun modo "veri".
Per cui no Vieri, quello che ben so è che sono proprio storie e leggende come tutti i miracolismi di quel periodo storico in giro per il mondo.

Ma per favore, "come ben sai"... :risata: :risata: :risata: :risata: :risata: :risata: :risata: :risata: :risata: :risata: :risata: :risata:


Cioe ma io davvero non ho parole... :risatina:
Presentazione

"Nessuno dovrebbe sentirsi obbligato a seguire una forma di adorazione che considera inaccettabile o a scegliere fra le proprie credenze e la propria famiglia." (g 07/09 p.29)
Avatar utente
VictorVonDoom
Utente Senior
 
Messaggi: 2193
Iscritto il: 14/05/2016, 19:25

Figliolo caro, che la pace sia con te.....

Messaggiodi Vieri » 07/09/2019, 21:47

Mauro1971 ha scritto:
Vieri ha scritto:Carissimo, direi che la tua sia una battuta decisamente infelice e fuori luogo per il semplice fatto che, COME BEN SAI, I Vangeli narrano le parabole e la storia di Gesù senza "storie" o "leggende".

:risata: :risata: :risata: :risata: :risata: :risata: :risata: :risata: :risata: :risata:
senza "storie" o "leggende"
:risata: :risata: :risata: :risata: :risata: :risata: :risata: :risata: :risata: :risata:

Come ben dovrei sapere in base a cosa???? A quali prove???? Ma dai su Vieri quello che dovresti ben sapere tu è che a parte la tua "fede", cioè la capacità di credere vere cose false, non c'è proprio nulla ad indicare che quei racconti siano in alcun modo "veri".
Per cui no Vieri, quello che ben so è che sono proprio storie e leggende come tutti i miracolismi di quel periodo storico in giro per il mondo.

Ma per favore, "come ben sai"... :risata: :risata: :risata: :risata: :risata: :risata: :risata: :risata: :risata: :risata: :risata: :risata:

Cos'è questa eccessiva libidine sgodereccia di risate a non finire che ignoro per far finta di non capire che mi stai prendendo per i fondelli per quello che penso e che credo ?
Non ti pare di esagerare ?

Gesù Cristo è attestato da tutti gli storici che è stato un personaggio realmente esistito e vissuto ai tempi di Ponzio Pilato.Punto.
La sua presenza nella storia NON E' PERTANTO UNA LEGGENDA.
Come a sua volta discusso più volte con Valentino sulla faccenda del Gesù storico sai benissimo che i miracoli non sono contemplati a livello storico ma tali fatti vengono interpretati come "persone che a quel tempo come testimoni oculari asserirono di averli visti"....

In breve, mentre tu scientificamente puoi oggi dimostrare che il diluvio non potè essere avvenuto su tutto il globo terrestre, non puoi però dimostrare che Gesù non avesse fatto delle guarigioni improvvise affermando solo che ad una persona umana queste cose non riescono....Puoi crederci o meno ma ciò non toglie che tali guarigioni non possano essere avvenute.
Che poi il mondo sia stato anche pieno di ciarlatani come oggi che sfruttano l'ignoranza e la buona fede per fini personali, non rappresnta certo una novità visto che anche Gesù stesso ci mise in guardia dai falsi profeti che verranno dopo di Lui.

Dormi sereno e non ridere troppo....e se volessi ancora farlo raccontatevi delle barzellette con Victor...
:sogna:
Presentazione
Chi non conosce la verità è uno sciocco, ma chi, conoscendola, la chiama bugia, è un delinquente.
Bertolt Brecht
Avatar utente
Vieri
Utente Master
 
Messaggi: 6838
Iscritto il: 03/11/2015, 15:55

Messaggiodi VictorVonDoom » 07/09/2019, 21:49

Invece è possibilissimo il diluvio. Ricorda che a dio tutto è possibile. Ha fatto sparire le prove e l'acqua in più. D'altronde se tu non vuoi credere sono fatti tuoi, non puoi dimostrare che non è andata così.
Presentazione

"Nessuno dovrebbe sentirsi obbligato a seguire una forma di adorazione che considera inaccettabile o a scegliere fra le proprie credenze e la propria famiglia." (g 07/09 p.29)
Avatar utente
VictorVonDoom
Utente Senior
 
Messaggi: 2193
Iscritto il: 14/05/2016, 19:25

Prossimo

Torna a Argomenti dottrinali

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti

Crisi di coscienza

Crisi di coscienza. Fedeltà a Dio o alla propria religione?
Parole franche di un testimone di Geova

Il libro biografia di un ex-membro del corpo direttivo tradotto in tutto il mondo che svela i segreti interni del gruppo. Ordinalo subito!
Sostienici