Infotdgeova - LiberaMente - Il Forum


Lo scopo di questo forum è quello di analizzare in chiave critica la dottrina e l'organizzazione dei Testimoni di Geova

USA: JW.org spaccia FOOD-BOX pubblici per aiuti alimentari propri in emergenza Covid?

Spazio dove discutere dei problemi relativi ai rapporti tra i TdG e il mondo che li circonda

Moderatore: Gocciazzurra

USA: JW.org spaccia FOOD-BOX pubblici per aiuti alimentari propri in emergenza Covid?

Messaggiodi Mauro1971 » 22/09/2020, 7:31

Ho appena appreso questa notizia da Mentalmente Liberi, non ho conferme precise sulla veridicità ma sembrerebbe sia reale da una veloce ricerca in rete.

In pratica sembrerebbe che intorno a Marzo-Maggio di questo anno negli USA siano stati distribuiti degli aiuti alimentari per la popolazione in necessità a causa del Covid e che questi aiuti siano stati distribuiti anche tramite organizzazioni religiosi.
JW sembra li abbia distribuiti senza riportarne la provenienza pubblica, quindi spacciandoli come propri, dati alle famiglie anche non in stato di bisogno ma ricordando bene a tutti di fare una donazione "volontaria" pari a quanto risparmiato in spesa alimentare dalle famiglie grazie a questi food-box.

Nel caso fosse effettivamente vero sarebbe gravissimo. Lascio un video, ovviamente è in Inglese perchè in Italiano non vi è nulla, e spero qualcuno al momento abbia più tempo di me per fare una verifica più precisa di quanto abbia potuto fare io per ora.

ATTENZIONE: ALTA POSSIBILITA' DI CONTENUTI FORTEMENTE DISSACRANTI.


"Sradica le tue domande dal loro terreno, e ne vedrai penzolare le radici. Altre domande!" (F. Herbert)
"Io riconosco di essere un dilettante nella misura in cui io cerco ricavare diletto da tutto ciò che faccio" (Philo Vance)

Su di me
Avatar utente
Mauro1971
Utente Platinium
 
Messaggi: 10446
Iscritto il: 11/01/2011, 13:44

Messaggiodi Achille » 22/09/2020, 8:24

"Tantum religio potuit suadere malorum".
Presentazione - Twitter - Facebook
Avatar utente
Achille
Amministratore
 
Messaggi: 15159
Iscritto il: 10/06/2009, 16:22

Messaggiodi Tranqui » 22/09/2020, 9:26

Chiari come al solito
PRESENTAZIONE

Non ci sono vecchi senza dolori, giovani senza amori e maggio senza fiori.

Immagine
Avatar utente
Tranqui
Utente Gold
 
Messaggi: 5922
Iscritto il: 14/02/2013, 16:32

Messaggiodi Sandro » 22/09/2020, 10:27

Achille ha scritto:Ne avevano parlato su Reddit:
https://www.reddit.com/r/exjw/comments/ ... =post_body

Grazie Mauro. Grazie Achille. Qui da Achille c'è la traduzione in italiano. Potete scorrere commenti ed esperienze in calce. ME QUANTI TESTIMONI SI STANNO RAVVEDENDO !!!!
Se la W.T dovesse continuare così la vedo nera.
Sandro
Veterano del Forum
 
Messaggi: 1223
Iscritto il: 30/06/2019, 11:55

Messaggiodi Achille » 23/09/2020, 10:44

sandrosolustri ha scritto:
Achille ha scritto:Ne avevano parlato su Reddit:
https://www.reddit.com/r/exjw/comments/ ... =post_body

Grazie Mauro. Grazie Achille. Qui da Achille c'è la traduzione in italiano. Potete scorrere commenti ed esperienze in calce. ME QUANTI TESTIMONI SI STANNO RAVVEDENDO !!!!
Se la W.T dovesse continuare così la vedo nera.
Penso che sia il browser che usi che ti traduce automaticamente la pagina. Reddit è in inglese.
Copio/incollo un commento tradotto automaticamente che fa capire cosa è successo:

Quindi, avevo visto alcuni post sugli anziani che consegnavano scatole di cibo alle famiglie nella loro zona e finalmente ho alcune informazioni di prima mano.

A tutti viene detto che queste sono scatole donate e che fondamentalmente sono costretti a prenderle anche se non hai bisogno del cibo. Si scopre che fanno parte della risposta al coronavirus degli Stati Uniti e sono tutti etichettati come "Farmers to Families USDA Food Box".

Questo è un programma incentivato degli Stati Uniti volto a sostenere gli agricoltori nel mettere effettivamente i loro prodotti nelle mani di persone che ne hanno bisogno - https://www.ams.usda.gov/selling-food-t ... armers-to- famiglie-food-box

Per semplificare la logistica delle consegne, il governo utilizza organizzazioni di beneficenza / senza scopo di lucro per distribuirle alla comunità.

In modo standard, mi fa impazzire vedere i TdG che li distribuiscono come una sorta di provvigione speciale quando è chiaramente uno sforzo del governo per i tempi, costringendoli a membri che NON ne hanno bisogno perché - perché mai dovremmo aiutare qualcun altro, e l'atteggiamento generale "più santo di te".

Stanno usando sfacciatamente risorse che avrebbero potuto andare a organizzazioni che aiutano effettivamente le persone bisognose, per quella che è essenzialmente una trovata di pubbliche relazioni non corretta.

Quindi queste scatole con il cibo dovrebbero essere regalate e distribuite indiscriminatamente solo alle persone bisognose.
Invece, a quanto pare, i TdG le danno solo ai loro membri.
"Tantum religio potuit suadere malorum".
Presentazione - Twitter - Facebook
Avatar utente
Achille
Amministratore
 
Messaggi: 15159
Iscritto il: 10/06/2009, 16:22

Messaggiodi Samuele Florio » 23/09/2020, 11:01

In realtà non ne capisco il senso...cioè, perché sostenere fratelli che non ne hanno bisogno scusate? da quello che ho potuto leggere, lo farebbero per farsi donare dei soldi? contribuzioni "volontarie"? a questo punto la logica del C.D. è: "abbiamo bisogno di soldi ma non possiamo dire ai nostri adepti questo quindi spacciamo quello che lo stato fa di buono a nostro nome, però facendolo sapere solo ai fratelli ovviamente sennò lo stato ci querela...
Ma, io a questo punto rabbrividisco...mi vengono delle domande: ma così facendo gli adepti non si faranno 2 domande sulla giustezza di queste azioni? Oppure mi chiedo: ma non si rendono conto che così facendo infangano ciò che lo stato sta facendo di buono per il suo popolo, e se della merce doveva essere indirizzata a chi ne aveva davvero bisogno e invece è andata a finire ad una coppia di adepti che non ne aveva alcun bisogno? non stanno infangano anche Dio così facendo? :s.parole:
Avatar utente
Samuele Florio
Nuovo Utente
 
Messaggi: 57
Iscritto il: 18/09/2020, 9:14
Località: Pescara

Messaggiodi Achille » 23/09/2020, 11:40

La luce in fondo al tunnel ha scritto:In realtà non ne capisco il senso...cioè, perché sostenere fratelli che non ne hanno bisogno scusate? da quello che ho potuto leggere, lo farebbero per farsi donare dei soldi? contribuzioni "volontarie"? a questo punto la logica del C.D. è: "abbiamo bisogno di soldi ma non possiamo dire ai nostri adepti questo quindi spacciamo quello che lo stato fa di buono a nostro nome, però facendolo sapere solo ai fratelli ovviamente sennò lo stato ci querela...
Ma, io a questo punto rabbrividisco...mi vengono delle domande: ma così facendo gli adepti non si faranno 2 domande sulla giustezza di queste azioni? Oppure mi chiedo: ma non si rendono conto che così facendo infangano ciò che lo stato sta facendo di buono per il suo popolo, e se della merce doveva essere indirizzata a chi ne aveva davvero bisogno e invece è andata a finire ad una coppia di adepti che non ne aveva alcun bisogno? non stanno infangano anche Dio così facendo?
La questione andrebbe approfondita. Ho visto che ne hanno parlato su Reddit ma non sull'altro forum americano. Bisognerebbe aere qualche contatto negli USA che ci dia ulteriori informazioni su come si sono svolti i fatti.
"Tantum religio potuit suadere malorum".
Presentazione - Twitter - Facebook
Avatar utente
Achille
Amministratore
 
Messaggi: 15159
Iscritto il: 10/06/2009, 16:22

Messaggiodi Ray » 23/09/2020, 18:13

Chi conosce bene l'inglese può mandare un messaggio al link
sotto ,è un gruppo su face di ex tdg "americani"... degli USA.



https://www.facebook.com/nobodyaskedusto/
Ray

Le falsificazioni e le varianti involontarie si accumulano man mano che un testo è ricopiato attraverso i secoli. Ogni scriba riproduce gli errori degli scribi precedenti e ne aggiunge di propri. Non possediamo alcun originale dei libri del nuovo testamento, ma neppure copie eseguite direttamente sugli originali, né copie di copie...Bart D. Ehrman
Genesi
Avatar utente
Ray
Utente Platinium
 
Messaggi: 11567
Iscritto il: 04/01/2012, 18:27
Località: "città nuova"

Messaggiodi Achille » 05/10/2020, 15:00

La traduzione di un articolo (segnalato da Metallo Pesante qui: https://forum.infotdgeova.it/viewtopic.php?f=17&t=26788 ) dove si parla di questa faccenda.
I TdG sono in buona compagnia, visto che quello che hanno fatto loro lo hanno fatto anche diverse altre "chiese":

L’articolo inglese è visualizzabile qui:

https://thecounter.org/churches-usda-co ... and-state/

"Per favore, dedica un momento a ringraziare Geova": le chiese che distribuiscono scatole di cibo USDA stanno offuscando i confini tra chiesa e stato
di Jessica Fu + H. Claire Brown
29.09.2020, 13:41

I gruppi religiosi che distribuiscono scatole Covid per alleviare la fame pregano con i destinatari, registrano versetti biblici sui lembi delle scatole e sollecitano donazioni. Alcune di queste pratiche possono violare i regolamenti federali.

A metà giugno Heather ha ricevuto una scatola di prodotti da 20 libbre da una filiale locale dei Testimoni di Geova per conto di sua nonna, un membro attivo della chiesa. Conteneva patate, cipolle, mele e un cavolfiore e arrivava con una lettera inaspettata: "Cari fratelli e sorelle, siamo certi che concordate sul fatto che ogni lode e onore va al nostro grande Dio Geova per le sue abbondanti provviste!" si legge. La lettera continuava chiedendo ai destinatari di "mantenere riservato questo regalo" e li incoraggiava ad accettare le scatole, anche se non avevano bisogno del cibo.
La scatola era una delle 100 milioni distribuite finora nell'ambito del programma Farmers to Families Food Box del Dipartimento dell'agricoltura (USDA), l'iniziativa di soccorso della fame Covid-19 dell'amministrazione Trump destinata a fornire aiuti alimentari di emergenza alle famiglie bisognose.
La dichiarazione della lettera che le scatole provenivano da Geova, invece che dai contribuenti, rappresenta un significativo allontanamento dalla procedura operativa standard per gli aiuti alimentari federali. Lo stesso vale per la sua richiesta di riservatezza, che ha suscitato un segnale di allarme in Heather *, che sospettava che i testimoni di Geova stessero conservando le scatole esclusivamente per i loro membri. (* Heather è un membro inattivo del gruppo e stiamo custodendo il suo cognome su sua richiesta). Altro fatto strano: il suggerimento che i destinatari accettino le scatole indipendentemente dalle necessità. Secondo le linee guida dell'USDA, i distributori pagati dal governo per assemblare le scatole avrebbero dovuto garantire che sarebbero state date "solo alle persone bisognose".

Immagine

Lettera dalla fonte "Heather" / Grafica di Tricia Vuong
La lettera sull'aiuto alimentare federale proviene dal Comitato per i soccorsi in caso di calamità dei Testimoni di Geova. La richiesta di mantenere riservate le scorte di cibo ha sollevato preoccupazione in “Heather”.

Secondo la confezione, la scatola è stata distribuita da Travel Well Holdings, una società di chioschi aeroportuali con sede a Santa Rosa, in California, che a maggio ha ricevuto un contratto da 12 milioni di dollari per assemblare e distribuire le scatole come parte del programma. (In un'intervista telefonica, l'amministratore delegato di Travel Well Holdings Desiree Rodriguez ha affermato che la società non era a conoscenza del fatto che alcune delle sue scatole venivano distribuite insieme alle lettere dei Testimoni di Geova.)
In un'intervista telefonica, Robert Hendriks, portavoce statunitense dei Testimoni di Geova, ha confermato che una filiale locale aveva fatto circolare la lettera con alcune scatole durante le prime settimane del programma, ma senza l'autorizzazione dei superiori. "Questa formulazione non rappresenta necessariamente le direttive date ai nostri comitati di soccorso in caso di catastrofe", ha detto Hendriks. Quando è stato chiesto se l'organizzazione stesse distribuendo solo ai testimoni di Geova, Hendriks ha detto che l'organizzazione consegna scatole di cibo anche ai non credenti che frequentano lo studio biblico o i servizi.

Questo offuscamento dei confini tra chiesa e Stato quando si distribuiscono le scatole di cibo degli agricoltori alle famiglie non è esclusivo dei Testimoni: The Counter ha scoperto più casi in cui le chiese hanno promosso i propri messaggi mentre distribuivano scatole finanziate dai contribuenti, in potenziale violazione delle linee guida dell'USDA. I problemi vanno da quelli relativamente minori, come applicare i loghi della chiesa su ogni scatola, ai più significativi: apparentemente "salvare" le persone nei siti di distribuzione, dire ai destinatari che le scatole provengono da Dio e chiedere ai volontari di pregare "di persona" per ogni singolo destinatario della scatola.

Secondo i regolamenti federali , alle chiese e ad altre organizzazioni religiose è vietato mescolare attività esplicitamente religiose con aiuti alimentari finanziati a livello federale, "comprese le attività che coinvolgono contenuti religiosi palesi come il culto, l'istruzione religiosa o il proselitismo". In quanto programma USDA, i contenitori per alimenti Farmers to Families sono soggetti a queste regole.
Le linee guida dell'agenzia pubblicate alla fine del 2016 relative a un programma di soccorso della fame dell'USDA indipendente hanno sottolineato che qualsiasi sovrapposizione tra servizi religiosi e distribuzione di aiuti è inaccettabile. Ad esempio, i servizi di preghiera devono essere separati nel tempo e nel luogo dalla distribuzione degli aiuti finanziata dal governo federale; e mentre le chiese possono distribuire volantini affinché i destinatari possano ritirarli, non possono attaccarli direttamente alle scatole di cibo. The Counter ha trovato prove di entrambi questi incidenti. Ad esempio, a Warner Robins, in Georgia, la Chiesa dell'Ottavo Giorno sembra aver allegato dei volantini alle scatole del cibo con la scritta "Dio pensa a te" e presenta un versetto della Bibbia, secondo diversi post sulla sua pagina Instagram. (Ironia della sorte, l'amministrazione Trump ha inserito delle lettere dal presidente in molte delle scatole, spingendo alcune organizzazioni non profit a preoccuparsi di violare i loro impegni per evitare la partecipazione politica.

In risposta a un elenco di domande, l'USDA ha rilasciato una dichiarazione in cui ribadiva che tutti i distributori di scatole per alimenti dovevano aderire alle linee guida federali di cui sopra. Ha anche aggiunto che: "Un'organizzazione religiosa senza scopo di lucro che partecipa al programma Farmers to Families Food Box è autorizzata a esprimere credenze religiose nella distribuzione di scatole di cibo, a condizione che l'attività non interrompa la distribuzione dei benefici USDA o subordinare la ricezione dei sussidi USDA alla partecipazione ad attività religiose o all'assenso alle credenze religiose ".
Sebbene la dichiarazione dell'agenzia lasci spazio all'interpretazione, alcuni esperti legali ritengono che alcuni di questi casi abbiano superato i confini legali. "Sono casi in cui sembra che i benefici siano condizionati dall'impegno in attività religiose", ha detto David Barkey, consulente nazionale per la libertà religiosa per l'Anti-Defamation League, riferendosi agli incidenti presentati da The Counter. “Questo è illegale…. Le persone non dovrebbero dover scegliere tra soffrire la fame e impegnarsi in attività religiose che non vogliono ".

Altri esperti legali con cui abbiamo parlato hanno parlato un po', dicendo che il posizionamento dell'USDA sembra consentire tacitamente alle chiese di tenere la linea nei loro sforzi di distribuzione. "Ci stiamo avvicinando a superare il limite se non lo abbiamo già superato", ha detto Chad Flanders, professore di religione e diritto presso la Saint Louis University.

L'iniziativa del food box ha svolto un ruolo centrale negli sforzi di soccorso della fame dell'amministrazione Trump durante la pandemia di coronavirus. La premessa è semplice: i distributori acquistano cibo dagli agricoltori, lo imballano in scatole e lo consegnano a organizzazioni non profit, comprese le organizzazioni religiose, che lo distribuiscono. Lanciato per la prima volta a metà maggio come soluzione a breve termine per le catene di approvvigionamento gravemente interrotte, il programma ha subito due cicli di distribuzione per un valore di quasi 2,7 miliardi di dollari. Non è andato tutto liscio: l'USDA ha dovuto affrontare critiche per aver stipulato contratti con aziende inesperte e prive di licenza, pagato in eccesso i fornitori per cibo mediocre e distribuito ingiustamente scatole per regione. Eppure il mese scorso il presidente Trump ha approvato un altro miliardo di dollari di finanziamento per un terzo round di scatole da consegnare da metà settembre al 31 ottobre.

Nei primi due round di distribuzione, l'USDA ha posto poche restrizioni alle organizzazioni non profit che ricevevano le scatole. Gli operatori delle banche alimentari ci hanno detto che gran parte del programma operava su un sistema d'onore: ci si aspettava che le organizzazioni non profit fornissero il cibo alle persone che ne avevano bisogno, e l'onere era su di loro di assicurarsi che lo facessero in modo sicuro ed equo. (L'agenzia ha rafforzato i requisiti di sicurezza alimentare e di ammissibilità per appaltatori e destinatari nel terzo round del programma, iniziato a metà settembre.)

Non è così che normalmente vengono distribuiti gli aiuti alimentari federali. Quando il CEO della San Antonio Food Bank, Eric Cooper, collabora con organizzazioni religiose per distribuire cibo in Texas - un evento comune, poiché stima che chiese e altre organizzazioni religiose costituiscano circa il 70% della distribuzione della banca alimentare - devono firmare un contratto promettente che maneggeranno il cibo in modo sicuro, che non lo venderanno, che possono dimostrare che ogni persona che riceve cibo ne ha bisogno e che rispetteranno i diritti civili dei destinatari astenendosi dall'abbinare l'aiuto alimentare a qualsiasi attività esplicitamente religiosa. Se l'organizzazione di Cooper sente che una chiesa richiede ai destinatari di assistere a un sermone o di partecipare a una preghiera, a volte conduce un audit per affrontare il problema.

Molti di queste raccomandazioni sembrano essere cadute nel dimenticatoio con le scatole di cibo Farmers to Families. The Counter ha identificato diverse chiese che pubblicizzavano, semplicemente, "cibo gratis", a disposizione di chiunque lo richiedesse. Vieni a prendere una scatola, "anche se non hai bisogno di cibo", ha detto un volontario in Arizona in un video promozionale su Facebook. Un portavoce dell'USDA ha indicato una parte della richiesta di contratto per il cibo in scatola che diceva, in apparente contraddizione con questa affermazione: "L'offerente deve autocertificare che le organizzazioni non profit hanno la capacità di garantire che solo le persone bisognose, o la popolazione con insicurezza alimentare, riceveranno le scatole di cibo tramite questo programma."

“Mi sono commosso quando ho visto il 'cibo gratis'. Non è solo questo il messaggio. Così tante persone si feriscono quando ciò accade", ha detto Cooper. “Quello che credo è che questo investimento fosse per aiutare coloro che stavano lottando. Aiuta gli agricoltori, aiuta i partner del settore e aiuta le famiglie bisognose. Se il beneficio andava a qualcun altro, le persone venivano derubate del nutrimento".
Nel caso dei Testimoni di Geova, Hendriks ha affermato che il suggerimento della chiesa secondo cui i destinatari accettano una scatola indipendentemente dal bisogno aveva lo scopo di impedire ai membri di minimizzare qualsiasi lotta privata con l'insicurezza alimentare.

"Non volevamo dare loro la scelta di rifiutarlo perché molti avrebbero detto semplicemente: 'Qualcun altro ne ha bisogno di più'", ha detto.

Altre chiese si sono avvicinate ancora di più per oltrepassare il confine tra l'assistenza al governo nella distribuzione degli aiuti alimentari e l'utilizzo degli eventi per promuovere le proprie opinioni. Distribuendo scatole alla Word of God Church di Oklahoma City, Brendon Laubhan ha detto in un video su Instagram che i volontari di Revival America OKC sono stati istruiti a pregare per ogni destinatario, secondo un video pubblicato su Instagram. "Riceviamo cibo gratis dal governo e lo distribuiamo, ma la cosa speciale è ... preghiamo con ogni famiglia che viene e riceve cibo", ha detto Laubhan in un video su Instagram. "Preghiamo per loro, preghiamo con loro, chiediamo allo Spirito Santo di venire nelle loro vite ... Non siamo stati rifiutati una volta per la preghiera". Laubhan non ha risposto alla richiesta di commento al momento della stampa.

Barkey ha affermato che una tale sfocatura dei confini mette i destinatari di insicurezza alimentare in una posizione difficile, in cui potrebbero essere disposti ad acconsentire temporaneamente a pratiche basate sulla fede a cui tipicamente non partecipano, al fine di garantire i bisogni di base.

"Se ci sono attività religiose che si svolgono nello stesso luogo, nello stesso tempo e nello stesso spazio della distribuzione del cibo, penso che sia piuttosto coercitivo", ha detto. “Quando qualcuno dice: 'Cosa vuoi che preghi per te?'… La conclusione è che non dovrebbero fare quella domanda. Dovrebbero semplicemente fare quello che fanno gli altri fornitori, secolari o religiosi, semplicemente distribuendo il cibo".
Oltre alla preghiera, alcune chiese sembrano usare il loro ruolo di apertura al pubblico distribuendo scatole di cibo USDA per sollecitare donazioni.

"Dio ha fornito miracolosamente questo cibo - GRATIS!" ha scritto la Church of Hope, con sede in Florida, in un post su Instagram, annunciando i suoi piani per distribuire 1.334 scatole Farmers to Families a settimana. I video pubblicati sulla piattaforma mostravano volontari che premevano adesivi con il logo della chiesa sulle scatole. “Ma ci costa ancora affittare il semirimorchio refrigerato, fornire il diesel per mantenere in funzione la refrigerazione e altri elementi di cui abbiamo bisogno per realizzare tutto questo. Ti chiediamo di continuare ad andare oltre, donando il tuo tempo, il tuo talento e il tuo denaro.
Il motivo sottolinea una critica in corso al programma: mentre i contratti USDA dovrebbero coprire tutti i costi di distribuzione di scatole di cibo, molte banche alimentari e altre organizzazioni non profit si sono lamentate del fatto che stanno sostenendo spese significative e impreviste legate allo stoccaggio e alla consegna dell'ultimo miglio. Un portavoce della Church of Hope ha detto che i volontari della distribuzione di contenitori di cibo "hanno offerto la preghiera se lo volevano".

Altrove, sembra che almeno una chiesa abbia celebrato le “salvazioni” nei siti di distribuzione. "Oggi abbiamo appena distribuito 2.000 scatole di cibo ... Abbiamo avuto cinque salvati, più di duecento persone per cui hanno pregato ... Vi siete divertiti tutti?" ha chiesto un rappresentante della California's Victorville First Assembly of God, in un altro video su Instagram. La chiesa non ha risposto a una richiesta di commento.

Secondo la presidente dell'organizzazione, Beth Giesler, nel Missouri, la Christian No-profit Heavenly Hope ha incluso una cartolina con versetti della Bibbia con ciascuna delle 17.000 scatole di cibo che ha consegnato finora. "La nostra cosa è che non si tratta di scatole, si tratta di diffondere l'amore di Dio", ha detto Giesler in un'intervista telefonica. I post di Facebook mostrano i versi attaccati alle alette della scatola del cibo. Alla domanda se l'organizzazione sapesse che stava violando le linee guida federali, Giesler ha detto: “Se [i destinatari] hanno scelto di leggere [la cartolina], hanno scelto di leggerla. Se non lo fanno, non lo fanno. "

Presi da soli, alcuni di questi non violano esplicitamente le linee guida dell'USDA, altri potrebbero persino oltrepassare il limite. Presi insieme, tuttavia, dipingono un quadro di organizzazioni religiose in tutto il paese che utilizzano il sollievo dalla fame finanziato dai contribuenti come mezzo per promuovere pratiche basate sulla fede, in particolare tra le famiglie alle prese con l'insicurezza alimentare. Cioè, se stanno raggiungendo le persone in base alle necessità in primo luogo. In definitiva, spetta all'USDA far rispettare le proprie regole e garantire che le scatole di cibo vengano distribuite equamente.
"Se l'USDA [lo sa], dovrebbe dire francamente, 'Ehi, ragazzi, smettetela'", ha detto Flanders. "Se non lo fanno, se lo perdonano, allora abbiamo l'ulteriore problema costituzionale di favorire la religione e consentire alla religione di utilizzare i fondi del governo per fare proselitismo".

Jessica Fu è una scrittrice per The Counter.
"Tantum religio potuit suadere malorum".
Presentazione - Twitter - Facebook
Avatar utente
Achille
Amministratore
 
Messaggi: 15159
Iscritto il: 10/06/2009, 16:22

Messaggiodi Ray » 05/10/2020, 18:28

"Se l'USDA [lo sa], dovrebbe dire francamente, 'Ehi, ragazzi, smettetela'", ha detto Flanders. "Se non lo fanno, se lo perdonano, allora abbiamo l'ulteriore problema costituzionale di favorire la religione e consentire alla religione di utilizzare i fondi del governo per fare proselitismo".


Oltre a quello costituzionale , quando una religione si comporta in questo modo cioè approfitta di queste situazioni
non lo fa per amore di D-o, ma per il proprio "ego". Per la forma ...ma in realtà è una falsità ciò che fanno.
Matteo cap.6




Matteo 6

Condanna del formalismo religioso
Lu 12:1-2; Cl 3:23-24
1 «Guardatevi dal praticare la vostra giustizia davanti agli uomini, per essere osservati da loro; altrimenti non ne avrete premio presso il Padre vostro che è nei cieli.
2 Quando dunque fai l'elemosina, non far suonare la tromba davanti a te, come fanno gli ipocriti nelle sinagoghe e nelle strade, per essere onorati dagli uomini. Io vi dico in verità che questo è il premio che ne hanno. 3 Ma quando tu fai l'elemosina, non sappia la tua sinistra quel che fa la destra, 4 affinché la tua elemosina sia fatta in segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, te ne darà la ricompensa.
Ray

Le falsificazioni e le varianti involontarie si accumulano man mano che un testo è ricopiato attraverso i secoli. Ogni scriba riproduce gli errori degli scribi precedenti e ne aggiunge di propri. Non possediamo alcun originale dei libri del nuovo testamento, ma neppure copie eseguite direttamente sugli originali, né copie di copie...Bart D. Ehrman
Genesi
Avatar utente
Ray
Utente Platinium
 
Messaggi: 11567
Iscritto il: 04/01/2012, 18:27
Località: "città nuova"

Messaggiodi Mauro1971 » 05/10/2020, 20:18

Minchia se hanno toccato il fondo, squallidissimi.

Grazie Achille, direi che si possa dare il fatto per assodato a questo punto.
ATTENZIONE: ALTA POSSIBILITA' DI CONTENUTI FORTEMENTE DISSACRANTI.


"Sradica le tue domande dal loro terreno, e ne vedrai penzolare le radici. Altre domande!" (F. Herbert)
"Io riconosco di essere un dilettante nella misura in cui io cerco ricavare diletto da tutto ciò che faccio" (Philo Vance)

Su di me
Avatar utente
Mauro1971
Utente Platinium
 
Messaggi: 10446
Iscritto il: 11/01/2011, 13:44

Messaggiodi Romagnolo » 06/10/2020, 13:27

Io oserei dire penosi!
Ma mica solo i tdg, anche tutte le altre chiese implicate nella vicenda.
Se vogliono credere che quel cibo glielo manda Dio che nel loro intimo lo credano pure, ma sbandierarlo ai 4 venti neanche fosse come quando Dio mandò le quaglie agli israeliti diventa veramente eccessivo!
Ricordati che lo studio biblico è si gratuito, ma poi ricordati che la WT richiederà che tu le dia altrettanto gratis il tuo impegno, tempo e risorse.
Presentazione
Romagnolo
Utente Gold
 
Messaggi: 6583
Iscritto il: 27/07/2014, 13:08


Torna a Costume e società

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

Crisi di coscienza

Crisi di coscienza. Fedeltà a Dio o alla propria religione?
Parole franche di un testimone di Geova

Il libro biografia di un ex-membro del corpo direttivo tradotto in tutto il mondo che svela i segreti interni del gruppo. Ordinalo subito!
Sostienici