Infotdgeova - LiberaMente - Il Forum


Lo scopo di questo forum è quello di analizzare in chiave critica la dottrina e l'organizzazione dei Testimoni di Geova

BRASILE: abusi sessuali, eresia e controllo sociale nei testimoni di Geova

Segnalazioni di giornali, riviste, trasmissioni radio-televisive che riguardino i TdG

Moderatore: Cogitabonda

BRASILE: abusi sessuali, eresia e controllo sociale nei testimoni di Geova

Messaggiodi Achille » 09/03/2021, 9:17

https://a-jw.org/education/brazil-sexua ... l-control/

Interessantissima e molto esauriente intervista.

Traduzione:

"Era come un castello di carte che è crollato", dice un ex anziano della setta.

Per 40 anni della sua vita, António Madaleno, nato in Portogallo, ha fatto parte dei Testimoni di Geova, che definisce un "culto". Aveva solo un anno quando sua madre andò nella Sala del Regno, come vengono chiamati i luoghi di culto dei Testimoni di Geova.

Dopo aver raggiunto la vetta della gerarchia dei Testimoni di Geova, diventando un anziano, Madaleno si è trovato in una situazione in cui ha iniziato ad affrontare le loro eresie mentre sua moglie era incinta nel 2003.

“Come al solito in questi casi, la prima preoccupazione di un Testimone di Geova è la questione della necessità di una trasfusione di sangue”, dice a Gospel Prime, in un'intervista esclusiva.

António Madaleno dice che questo lo ha portato a ricercare, studiare la Bibbia e mettere in discussione gli insegnamenti dei testimoni di Geova. Per la prima volta stava usando la mente e la coscienza per cercare la verità su ciò che aveva appreso nella Sala del Regno, anche se si considerava un esperto delle dottrine dei Testimoni.

La sua ricerca lo ha portato a quello che definisce "un castello di carte che è crollato", poiché sostiene che "ha portato a molte altre ricerche e indagini".

"Quello che ho scoperto mi ha portato a perdere tutta la credibilità e la fiducia dell'organizzazione Watchtower", dice.

L'ex anziano divenne quello che definiscono un "apostata", allontanandosi dall'associarsi con i membri del culto e iniziando a parlare contro ciò che accade lì, compresi i crimini coperti dalla leadership. In un'intervista esclusiva, António Madaleno parla della sua esperienza.

Come sei diventato parte dei testimoni di Geova?

I testimoni di Geova entrarono nella mia vita grazie alla loro consueta opera di proselitismo di casa in casa. Mia madre li ha ricevuti alla porta in un momento della sua vita in cui era molto depressa e aveva tendenze suicide. Avevo circa un anno.

Attraverso queste visite, iniziò a studiare un libro blu, chiamato " La verità che conduce alla vita eterna ", chiamato da molti la "bomba blu". Negli anni '70 molte persone entrarono nei testimoni di Geova attraverso questo libro, che avrebbe smascherato il cosiddetto "cristianesimo" e presentato la religione dei testimoni di Geova come la vera religione: la restaurazione del vero cristianesimo.

A quel tempo, il Portogallo aveva appena subito la rivoluzione del 25 aprile. Questo ha finalmente permesso ai testimoni di Geova di esercitare liberamente la loro religione, senza timore di rappresaglie e persecuzioni. Ha contribuito a un aumento dei membri negli anni successivi.

Quando hai iniziato a mettere in dubbio i metodi di insegnamento distorti di questo gruppo religioso?

È stato dopo che mia moglie è rimasta incinta nel 2003. Come al solito in questi casi, la prima preoccupazione di un testimone di Geova è la questione della necessità di una trasfusione di sangue. Appena possibile, abbiamo presentato questa domanda all'ostetrica, spiegando che se necessario avremmo rifiutato una trasfusione.

Credevamo fortemente nella dottrina dell'astensione dal sangue, come spiegato dall'organizzazione. A quel tempo ho sottolineato che ero già un anziano nella congregazione, l'equivalente di un pastore in una chiesa evangelica. Quindi conoscevo bene l'argomento. Ma qualcosa stava già infastidendo la mia mente e la mia coscienza, che aveva a che fare con l'uso delle frazioni sanguigne consentite dall'organizzazione.

Dopo aver parlato con il medico, ho deciso di approfondire l'argomento da diversi punti di vista: scientifico e biblico. Naturalmente, questa ricerca mi ha portato a rendermi conto di quanto i testimoni di Geova fossero sbagliati nella loro interpretazione dottrinale riguardo alla questione. Era come un castello di carte che è crollato, poiché questa ricerca ha portato a molte altre ricerche e indagini. Quello che ho scoperto mi ha portato a perdere tutta la credibilità e la fiducia dell'organizzazione Watchtower.

Spesso chiamate i testimoni di Geova una "setta". Perché sei così enfatico a questo riguardo?

Quando conosci le caratteristiche di una setta o di un gruppo di alto controllo e le confronti con le pratiche esercitate dai leader dei testimoni di Geova, diventa evidente che la tua organizzazione religiosa è una setta.

Una delle caratteristiche principali di una setta è l'obbedienza cieca al leader o ai leader. Tutto ciò che insegna o ordina di fare è legge. È indiscutibile! Questa cieca obbedienza viene promossa attraverso un indottrinamento intensivo e settimanale, con una routine che lascia poco spazio all'individuo. I testimoni di Geova sono indottrinati in modo tale da usare poco la loro coscienza individuale.

Le regole e le leggi all'interno del gruppo sono numerose, dove i membri vivono una vita robotica e programmata: oltre alle ore che devono dedicare alla predicazione, devono prepararsi per le riunioni della Sala del Regno, fare studio familiare e studio della Bibbia con gli interessati, partecipare ad assemblee e convegni. Hanno poco tempo per sviluppare i propri interessi e praticamente tutto ciò che possono o non possono fare è dettato dall'organizzazione, attraverso la sua leadership - l'organo di governo. È un controllo quasi assoluto. E guai a coloro che disobbediscono o criticano i leader!

Dici che il culto promuove il controllo degli individui. Come avviene questo controllo?

Il controllo è visto nel modo in cui il gruppo presenta le sue dottrine come linee guida divine, che hanno lo stesso peso o più della Bibbia stessa. In altri gruppi, il leader è visto come un avatar o un essere illuminato che ha contatto con il divino. Quando le persone seguono questi leader, obbediscono, senza dubbi o domande.

I testimoni di Geova sono indottrinati a seguire lealmente il Corpo Direttivo, i massimi dirigenti dell'organizzazione, anche se non capiscono l'insegnamento. L'obbedienza all'interno del gruppo deve essere assoluta e inequivocabile. E questo fa sì che le persone vengano valutate per quell'obbedienza. Pertanto, la loro spiritualità è misurata esattamente nella stessa proporzione della loro dedizione e lealtà ai leader.

Ad esempio, TUTTO quello che fa un Testimone di Geova è suscettibile di valutazione da parte dei dirigenti e può portare ad essere benvoluto o disapprovato all'interno del gruppo. In quest'ultimo caso, può comportare la loro espulsione con conseguente ostracizzazione o morte sociale. È qui che non si può dare nemmeno un "ciao" quando si passa per strada da una persona "disassociata" e ogni contatto dovrebbe essere evitato.

I leader promuovono un'atmosfera di condanna, in cui le persone finiscono per guardarsi l'un l'altro e qualsiasi passo falso può portare la persona a essere chiamata prima degli anziani. Immagina la paura che ogni Testimone di Geova prova di perdere, da un giorno all'altro, la propria cerchia sociale e persino i propri rapporti familiari perché è stato espulso dal gruppo!

Anche coloro che sono in disaccordo con qualsiasi insegnamento o interpretazione devono rimanere in silenzio, poiché sanno che se rivelano il loro disaccordo saranno etichettati come "apostati". Altrimenti, la conseguenza è un'umiliante espulsione dal gruppo.

Secondo te, quali sono gli insegnamenti più controversi dei testimoni di Geova?

Per me, la questione del sangue è una delle dottrine più controverse, poiché implica decisioni di vita o di morte e ha provocato decenni di migliaia di morti che avrebbero potuto essere salvati utilizzando i componenti del sangue proibiti dall'organizzazione. Anche i componenti del sangue che sono ora consentiti dai leader, come l'albumina, l'emoglobina e altri, sono stati vietati in passato. Alcuni stimano che non meno di 50.000 persone potrebbero essere morte a causa di questa interpretazione estremista e incoerente, in tutto il mondo.

Un altro insegnamento che poche persone conoscono - anche all'interno del gruppo - è che l'organizzazione religiosa insegna che Gesù non è il mediatore di tutti i cristiani. Secondo i dirigenti, solo i cristiani “unti” hanno Gesù come mediatore.

Per dirla meglio: nell'insegnamento ufficiale dei testimoni di Geova, i cristiani sono divisi in due gruppi. C'è un gruppo che vivrà in un paradiso terrestre; indicato come la Grande Folla. L'altro gruppo è un piccolo numero di cristiani che hanno la chiamata celeste: 144.000. Solo quest'ultimo gruppo ha Gesù come mediatore e solo questi possono essere chiamati “Figli di Dio”.

Per me, questo insegnamento è direttamente contro ciò che viene insegnato nel Nuovo Testamento, dove tutti i cristiani hanno Gesù come loro mediatore, il che implica direttamente la salvezza dell'individuo.

I testimoni di Geova possono essere classificati come cristiani?

Questa è una bella domanda. Ho alcune riserve sull'affermare che non sono cristiani in senso assoluto. Guardano a Gesù come il modello da seguire e credono in Gesù come il "Figlio di Dio", che ha dato la sua vita per noi. Ma lì hanno una visione distorta di Gesù. Dal momento che guardano a Gesù attraverso l'obiettivo dell'organizzazione, non hanno alcun rapporto personale con lui. In effetti, è l'organizzazione Watchtower, attraverso i suoi leader, che media la relazione di ogni Testimone di Geova con Dio.

Gesù risulta essere un mezzo per un fine, poiché viene insegnato che Gesù diede alla Società Torre di Guardia la sua approvazione per essere il suo rappresentante sulla terra. Si dice che anche i leader dell'organizzazione sostituiscano Cristo, secondo la Traduzione del Nuovo Mondo di 2 Corinzi 5:20.

Credi che tra loro ci siano cristiani sinceri che vengono ingannati dagli insegnamenti dei testimoni di Geova?

Sì, credo di sì! Quando qualcuno inizia a studiare con i testimoni di Geova e si converte al gruppo, crede sinceramente di aver trovato la verità biblica e di avere la giusta forma di adorazione che piace a Dio. Tuttavia, questa fede viene poi incanalata in una forma di idolatria organizzativa, in cui la persona deve dimostrarsi degna di salvezza, praticando le opere che la Watchtower richiede per lui. È un processo graduale e la persona non se ne rende nemmeno conto.

Qual è la caratteristica principale che differenzia i testimoni di Geova dalle tradizionali denominazioni cristiane?

Penso che ci siano diverse caratteristiche a livello dottrinale, come il rifiuto dell'insegnamento della Trinità, l'immortalità dell'anima, il fuoco dell'inferno, l'insegnamento che Gesù fu intronizzato re in cielo nel 1914, tra gli altri insegnamenti. Penso che sia difficile evidenziare solo una caratteristica.

Il culto ha una sua traduzione “biblica”, con molte distorsioni rispetto al testo originale. I membri se ne rendono conto? Qual è la spiegazione di queste distorsioni?

I testimoni di Geova hanno i loro insegnamenti, come tutti sanno. Per decenni hanno utilizzato traduzioni che non supportavano tali insegnamenti e nel tempo i leader hanno sentito il bisogno di una traduzione che si adattasse alla loro visione teologica. Non mi spingo fino a dire che hanno fatto molte distorsioni. Tuttavia, fecero i cambiamenti necessari nei testi chiave che non erano in armonia con la loro comprensione dottrinale. Questo è particolarmente vero per quanto riguarda la divinità di Gesù. Hanno inserito il nome divino nel Nuovo Testamento. E usano l'espressione "palo di tortura" invece di "croce".

In ciascuno di questi casi l'organizzazione spiega i motivi della traduzione e perché ritiene che sia la forma più corretta. Nella maggior parte dei casi, da un punto di vista puramente grammaticale, queste traduzioni non sono corrette. Ma divergono profondamente dalla forma di traduzione ortodossa, anch'essa basata sulla teologia dominante. Fondamentalmente, è quasi sempre la teologia del traduttore che si riflette nella traduzione, qualunque essa sia.

Da un punto di vista spirituale, è una cosa seria distorcere i testi biblici per adattare la loro visione dottrinale. Potete fare un esempio di questo tipo di cambiamento nel testo usato dai testimoni di Geova?

Uno dei testi più noti e controversi è quello di Giovanni 1: 1, dove nel testo greco si dichiara che la Parola è Dio e nella Traduzione del Nuovo Mondo viene aggiunto l'articolo indefinito [a], che si legge come segue:

"In principio era il Verbo, e il Verbo era presso Dio, e il Verbo era un dio".

Questo è forse uno dei testi più controversi e dibattuti a livello dottrinale e teologico contro i testimoni di Geova.

Come funziona la gerarchia dei testimoni di Geova? Cosa ci vuole per essere un anziano?

L'organizzazione dei Testimoni di Geova ha una gerarchia molto chiara e marcata, sebbene l'organizzazione sostenga ai sette venti che non c'è separazione tra clero e laici, come nel "cristianesimo".

In cima alla piramide gerarchica c'è il Corpo Direttivo, che è una forma di "papato collettivo". Sono quelli che hanno il potere effettivo sulla comunità religiosa e si considerano custodi della dottrina. Sono considerati come rappresentanti di Cristo sulla terra.

Poi, a livello nazionale, abbiamo le filiali che hanno un collegamento diretto con la sede mondiale negli USA. Questi sovrintendono a tutte le congregazioni nel loro paese, controllando tutto ciò che riguarda la nomina di anziani e servitori di ministero (diaconi), questioni giudiziarie o questioni legali, ecc.

I rappresentanti di questi rami visitano ogni congregazione ogni anno, in tutto il paese, per fare una radiografia dello stato della congregazione: i loro bisogni spirituali, la promozione della lealtà all'organizzazione e l'adempimento degli obiettivi che propone. Sono chiamati 'sorveglianti di circoscrizione'.

Poi ci sono gli anziani della congregazione, che sono nominati da questi rappresentanti, su richiesta del corpo degli anziani che già esercitano potere sulla loro congregazione. Per diventare anziano bisogna avere una 'fedina penale pulita', per così dire: non può avere una cattiva testimonianza, deve essere un esempio nella congregazione, avere una buona media mensile di ore di predicazione, essere un buon oratore ed essere un insegnante di qualità.

Poi ci sono i servitori di ministero, l'equivalente di un diacono, che forniscono servizi più pratici nella congregazione a sostegno degli anziani. Tale assistenza da parte dei servitori di ministero consente agli anziani di rimanere dediti all'insegnamento e alla guida spirituale.

È noto che l'organizzazione religiosa dei Testimoni di Geova ha avuto problemi legali con la copertura degli abusi sessuali su minori. È davvero così grave?

Sì, certamente. L'organizzazione Watchtower, sia negli Stati Uniti che in diversi paesi in tutto il mondo, è stata alle prese con successivi scandali a questo livello. A causa delle loro politiche interne, migliaia di casi di abusi sessuali sono stati, per decenni, "nascosti" nel tentativo di nascondere tali abusi alle autorità.

Dal chiedere che una vittima abbia due testimoni prima che un presunto aggressore possa essere punito internamente, al chiedere che la vittima affronti l'aggressore di fronte agli anziani della congregazione, i leader dei Testimoni di Geova hanno fatto di tutto per garantire che le vittime non segnalino tali casi alle autorità .

La commissione reale australiana ha portato questo al pubblico durante un sondaggio del 2015, dove hanno deposto diversi rappresentanti della Watchtower Society, tra cui un membro del corpo direttivo, Geoffrey Jackson . È stato più che dimostrato che l'organizzazione religiosa non si è occupata adeguatamente della sicurezza dei bambini nelle congregazioni per più di 50 anni, perché non hanno denunciato presunti molestatori alle autorità e perché hanno intimidito le vittime attraverso l'uso della loro politiche interne dannose.

E c'erano molti autori di abusi scoperti dalla Commissione reale australiana. Complessivamente, hanno scoperto 1006 molestatori nei file segreti della filiale australiana. Sì, perché nei testimoni di Geova ci sono registrazioni segrete di tali casi, sia nelle congregazioni che nel ramo.

Lo stesso è accaduto in Brasile, dove per decenni ci sono sospetti e denunce di casi così nascosti!

Hai partecipato a questa mostra di casi di abusi sessuali su minori qui in Brasile, giusto?

Giusto! Dopo aver compromesso i documenti interni nelle mie mani che rivelavano che la filiale brasiliana della Watchtower era a conoscenza di questo tipo di crimini sessuali, ho contattato Vana Lopes, vittima di Roger Abdelmassih e leader del gruppo 'Victims United', e ho esposto la situazione.

Attraverso di esso, ho conosciuto il progetto AVARC, fondato dal pubblico ministero, Celeste Leite dos Santos, e ho presentato la denuncia, insieme ad altri ex testimoni di Geova. Questo gruppo comprendeva diverse donne vittime di abusi sessuali da bambini o adolescenti all'interno del gruppo.

Ciò ha portato all'apertura di un processo di indagine che è ancora in corso, per quanto ne so.

Come ho appreso, la stessa filiale brasiliana è stata oggetto di perquisizioni e sequestro di materiale, nel tentativo di trovare prove di insabbiamenti di abusi sessuali, come riportato più tardi dai media brasiliani.

Hai un libro che tratta dei testimoni di Geova. Qual è lo scopo del libro?

È vero. Il libro “Apostati! - Perché ho lasciato i Testimoni di Geova ”è stato scritto su richiesta di un prestigioso editore internazionale (Penguin Random House in Portogallo). Ciò è accaduto dopo aver rilasciato alcune interviste ai media portoghesi riguardo alla mia esperienza come testimone di Geova dissidente.

Il libro è un'autobiografia e racconta la mia storia di vita all'interno di questo gruppo religioso, di cui ho fatto parte per quasi 40 anni della mia vita. È una testimonianza e un'esperienza personale che cerca di esporre cosa significa essere istruiti come Testimoni di Geova. Descrive in dettaglio l'esperienza che si è vissuta nel gruppo nel corso degli anni. Non è un attacco odioso alla religione, ma mette a nudo ciò che penso sia sbagliato, comprese molte cose che la maggior parte dei testimoni di Geova e il pubblico in generale non saprebbero.

Ha ricevuto critiche fantastiche dal pubblico portoghese e persino dal pubblico brasiliano che l'ha letto. Come è un'edizione portoghese è disponibile solo come un e-book per il pubblico brasiliano attraverso Amazon e Google in Brasile, oppure ordinando il libro fisico attraverso WOOK.pt .

Stavo cercando un editore brasiliano che potrebbe essere interessato a modificare il libro in modo che il libro possa essere letto anche in Brasile. Ci sono molte persone interessate ad avere il libro nelle loro mani e credo che sarebbe anche molto richiesto.

Credi che attraverso la tua esperienza puoi aiutare a prevenire che altre persone vengano ingannate dalle sette?

Senza dubbio! Solo chi vive l'esperienza di appartenere a un tale gruppo può apprezzare e comprendere i meccanismi ed i processi utilizzati in questi gruppi, dal reclutamento all'indottrinamento, passando per il cosiddetto 'lavaggio del cervello', e l'adozione di una personalità a immagine di il leader e il gruppo.

Negli anni ho utilizzato la mia esperienza per aiutare tante persone che si sono rivolte a me per pareri, consigli e aiuto pratico. Fondamentalmente, la mia autobiografia è stata il culmine di questo processo che è in corso dal 2006, quando ho iniziato a denunciare in modo anonimo i Testimoni di Geova e la questione del sangue online.

Sei stato paragonato a un Davide che combatte contro un Golia. Ti vedi in questo modo?

Non sono esattamente basso, dato che misuro 1,86 metri (ride). Ma sì, chiunque decida di smascherare una multinazionale religiosa come i Testimoni di Geova, con un vasto impero immobiliare e finanziario, diventa un David in senso figurato.

Ma il mio obiettivo non è "uccidere" nessuno! Il mio obiettivo è quello di esporre ciò che so, condividendo informazioni che ritengo sia vitale affinché una persona abbia una visione chiara delle cose in modo che possa agire con "consenso informato", per così dire.

Non ho nulla contro i testimoni di Geova come individui e detesto qualsiasi persecuzione religiosa. Le persone hanno il diritto di praticare la loro fede e di appartenere a un gruppo religioso. Ma credo che proprio come hanno questo diritto, io e altri che apparteniamo a questa organizzazione religiosa per decenni, e tutto ciò che sappiamo su di essa, abbiamo anche il diritto di esporre ciò che crediamo sia sbagliato e che può persino influenzare negativamente il vita delle persone e delle famiglie.

Quindi, credo che chiunque PRIMA di diventare un Testimone di Geova dovrebbe ricercare molto bene il gruppo, non solo leggendo le informazioni che i dirigenti dei Testimoni di Geova vogliono che leggano, ma ricercando ciò che gli ex membri hanno da dire sull'argomento. Questo vale per qualsiasi gruppo, non solo per i testimoni di Geova. Credo che il mio libro, sotto questo aspetto, possa essere d'aiuto!

Hai un corso sulle sette. Riguarda solo i testimoni di Geova?

Il corso che ho iniziato di recente e che si trova su una nota piattaforma brasiliana, Hotmart.com , si chiama "Destructive Sects" e può essere visto su http://www.seitasdestrutivas.com .

Ha lo scopo di esporre informazioni precise e chiare su questi tipi di gruppi. Non si tratta dei testimoni di Geova, né si concentra su un particolare gruppo di alto controllo. Il corso è trasversale a tutti i Culti e Gruppi di Alto Controllo esistenti.

Le informazioni fornite nel corso, in formato video-classe, si basano sull'argomento degli specialisti di questi gruppi e cercano di trasmettere in modo semplice ma autorevole ciò che si conosce sull'argomento: quali sono le caratteristiche e il modo di agire in questi gruppi, i meccanismi psicologici utilizzati dai leader, le dinamiche di gruppo che esistono in essi e molto altro ancora.

Sfortunatamente, la maggior parte delle persone non ne sa nulla o ha nozioni distorte al riguardo. Il corso non si concentra sulla discussione di dottrine religiose o teologiche. Tutto il materiale che trasmetto allo studente è basato su materiale accademico e di specialisti di fama internazionale, come Steven Hassan, Janja Lalich e altri.

Quali sono le caratteristiche delle sette?

Ci sono diverse caratteristiche, ma una delle principali che ho menzionato prima è che in un Culto tutto ruota attorno al leader. Quest'ultimo ha un potere assoluto e indiscutibile all'interno del gruppo e richiede una cieca obbedienza alle sue regole e leggi.

Di solito sono persone narcisiste e megalomani. Alcuni soffrono di disturbi mentali come manie di grandezza, altri rischiano di soffrire della sindrome del Messia, credendo di essere stati incaricati da Dio di eseguire in qualche modo il suo piano divino. Altri sono veri ciarlatani che usano la loro personalità magnetica a proprio vantaggio e usano le persone solo per raggiungere interessi personali e materiali.

I leader di tali gruppi utilizzano 3 strumenti, per così dire, per manipolare i membri: leadership autoritaria, inganno e controllo mentale. Nel mio corso lo spiego in dettaglio. Credo che sia molto interessante e ci aiuti a capire come, molte volte, persone intelligenti finiscono per unirsi a questi gruppi, finendo per perdere la loro individualità e capacità critica. Diventano totalmente dipendenti dal leader e dal gruppo, regredendo a una sorta di infanzia mentale, dove anche per prendere decisioni semplici devono consultare il leader o il gruppo.

È un argomento che merita ricerca e approfondimento, poiché ogni anno migliaia di persone sono attratte da questo tipo di gruppi. Lo scopo del mio corso è aiutare a esporre l'argomento in modo che le persone non siano ingannate. Credo che psicologi, psichiatri e terapisti della salute mentale in generale trarrebbero grandi benefici da questo corso, in quanto potrebbero aiutare meglio le persone che hanno vissuto tali esperienze.

Anche i leader religiosi dovrebbero conoscere questo problema, poiché spesso si concentrano su questioni dottrinali e teologiche e dimenticano che questi gruppi hanno modi per persuadere le persone che vanno oltre le questioni dottrinali. È un vero gioco psicologico!

Qual è il tuo rapporto con la fede dopo un'esperienza negativa in una setta?

Nonostante sia disilluso dalla religione organizzata, mi considero un cristiano e non ho perso la fede. Sono semplicemente arrivato a valorizzare di più la mia relazione personale con Dio, attraverso Cristo, senza sentire il bisogno di intermediari umani, che spesso servono solo ad abusare della fede individuale e finiscono per condurla all'idolatria organizzativa.
"Tantum religio potuit suadere malorum".
Presentazione - Twitter - Facebook
Avatar utente
Achille
Amministratore
 
Messaggi: 15223
Iscritto il: 10/06/2009, 16:22

Messaggiodi VictorVonDoom » 09/03/2021, 11:50

Interessante. Davvero equilibrata e, soprattutto, accurata come esposizione dei fatti.
Presentazione

"Nessuno dovrebbe sentirsi obbligato a seguire una forma di adorazione che considera inaccettabile o a scegliere fra le proprie credenze e la propria famiglia." (g 07/09 p.29)
Avatar utente
VictorVonDoom
Utente Master
 
Messaggi: 3414
Iscritto il: 14/05/2016, 19:25

Messaggiodi Achille » 09/03/2021, 12:28

VictorVonDoom ha scritto:Interessante. Davvero equilibrata e, soprattutto, accurata come esposizione dei fatti.
E' quello che ho pensato anch'io.
"Tantum religio potuit suadere malorum".
Presentazione - Twitter - Facebook
Avatar utente
Achille
Amministratore
 
Messaggi: 15223
Iscritto il: 10/06/2009, 16:22

Messaggiodi Romagnolo » 09/03/2021, 12:41

Concordo totalmente con la sua conclusione, il rapporto col divino deve essere prevalentemente personale e non mediato da altre persone che si frappongono tra il credente e la divinità.
Ricordati che lo studio biblico è si gratuito, ma poi ricordati che la WT richiederà che tu le dia altrettanto gratis il tuo impegno, tempo e risorse.
Presentazione
Romagnolo
Utente Gold
 
Messaggi: 6631
Iscritto il: 27/07/2014, 13:08


Torna a Rassegna stampa

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

Crisi di coscienza

Crisi di coscienza. Fedeltà a Dio o alla propria religione?
Parole franche di un testimone di Geova

Il libro biografia di un ex-membro del corpo direttivo tradotto in tutto il mondo che svela i segreti interni del gruppo. Ordinalo subito!
Sostienici