Infotdgeova - LiberaMente - Il Forum


Lo scopo di questo forum è quello di analizzare in chiave critica la dottrina e l'organizzazione dei Testimoni di Geova

Lutto per i vivi: la morte sociale di ex testimoni di Geova

Segnalazioni di pagine web che abbiano attinenza con i TdG e con le scienze bibliche.

Moderatore: Achille

Lutto per i vivi: la morte sociale di ex testimoni di Geova

Messaggiodi Achille » 19/03/2021, 10:02

https://link.springer.com/article/10.10 ... 20-01156-8

Traduzione automatica:


Abstract

Affrontando una relativa mancanza di ricerca sulle esperienze di individui che hanno lasciato i Testimoni di Geova (JW), questa ricerca utilizza un approccio di identità sociale per esaminare qualitativamente, il processo di transizione verso la vita post-JW, le esperienze di ostracismo e le minacce percepite per se stessi -identità. Sono state condotte interviste semi-strutturate nelle case di sei ex TdG e le trascrizioni sono state analizzate utilizzando l'analisi fenomenologica interpretativa. I racconti suggeriscono che le esperienze di ostracismo in seguito all'uscita religiosa possono essere associate a una salute mentale ridotta, mentre avere un senso di azione e stabilire nuove connessioni sociali (online) può aiutare a mitigare le conseguenze negative. Vengono discusse le implicazioni e le future direzioni della ricerca.

introduzione

Fondati nel 1879 da Charles Taze Russell, i Testimoni di Geova (TdG) sono un gruppo cristiano fondamentalista "che rifiuta il mondo" (Wallis 1984 ) che ha come convinzione centrale che l'Armageddon è imminente e permetterà che il "regno di Dio" venga stabilito (Stark e Iannaccone 1997 ). Questa religione sostiene che tutta la malvagità sulla terra sarà distrutta durante questo cataclisma e che i suoi seguaci sopravviveranno come parte della "grande folla" per godersi mille anni di paradiso terrestre (Holden 2002). Con oltre otto milioni di membri in tutto il mondo, i JW sono attivi in ​​87 paesi ei membri trascorrono complessivamente più di due miliardi di ore all'anno predicando il loro messaggio. I JW non riportano dati sulla disaffiliazione e, sebbene ricerche precedenti indichino che avevano sostenuto una crescita di circa il 5% all'anno negli ultimi 75 anni (Stark e Iannaccone 1997 ), dati più recenti dal loro sito web (jw.org) suggeriscono che questa crescita sia rallentata all'1,3% tra il 2018 e il 2019 (Testimoni di Geova 2018 , 2019 ). Ricerca dal 2014 Religious Landscape Study che ha coinvolto oltre 35.000 americani (Pew Center 2018) indica che il gruppo ha un tasso di ritenzione tra i più bassi di qualsiasi tradizione religiosa con il 66% di quei JW cresciuti che non si identificano più con il gruppo e che il 65% di tutti i JW adulti si è convertito alla fede. Sebbene sia difficile accertare statistiche verificabili, questo lavoro implica che molte persone sembrano abbandonare la fede.

Il rigoroso codice morale dei TdG può essere implicato nelle uscite religiose. I membri sono tenuti ad agire in conformità con i divieti che includono il sesso al di fuori del matrimonio, la masturbazione, la pornografia, l'omosessualità, il gioco d'azzardo, l'uso di droghe e tabacco (Stark e Iannaccone 1997 ). I membri battezzati rischiano di essere disassociati quando trasgrediscono questi requisiti che, a seguito di un interrogatorio da parte di un "comitato giudiziario" di tre "anziani" (leader della chiesa) per accertare la gravità di una violazione delle regole, può comportare l'espulsione dalla fede (Stein 2012). I TdG possono anche andarsene per dissociazione, per cui un individuo "si dimette" ufficialmente dalla fede, di solito per iscritto. La dissociazione può anche essere imposta a un individuo che esprime disaccordo con la dottrina, o se gli anziani della chiesa sentono o testimoniano contravvenzioni (ad es. Celebrare il Natale). In questo modo, si dice che un JW "si dissocia con la sua condotta" e questo si traduce anche in un'immediata evasione da parte della comunità JW. Terzo, un JW può andarsene “svanendo”, per cui un individuo cessa silenziosamente l'adorazione (ad esempio, la partecipazione ai servizi dei JW) e attività come la predicazione pubblica. In passato, lo sbiadimento non veniva accolto con l'ostracismo obbligatorio, rendendolo un metodo di uscita preferito; tuttavia, ricerche recenti indicano che ex TdG che sono usciti in questo modo riportano anche esperienze di "evasione" sociale (Ransom et al. 2020 ).

Mentre i seguaci di JW beneficiano di un social network già pronto, insieme al prestigio che deriva dall'appartenenza, i JW sono considerati un gruppo "ad alto costo" (Scheitle e Adamczyk 2010 ), poiché l'uscita può avere conseguenze negative, inclusa la perdita di legami di supporto , sfide all'autopercezione e al disagio psicologico (Berger 2015 ; Fazzino 2014 ; Fenelon e Danielsen 2016 ; Iannaccone 1994 ). In effetti, coloro che escono dalla fede JW spesso affrontano la prospettiva di interrompere relazioni significative con la famiglia e gli amici (Miller 1988 ), che possono essere associate a sentimenti di solitudine e abbandono (Testoni et al.2019) e pongono sfide alla salute e al benessere (Friedson 2015 ). Tuttavia, mentre le esperienze di ostracismo sono comuni tra gli ex TdG, gli effetti di ciò, compresi i potenziali impatti negativi sul benessere e sulla salute mentale, rimangono poco studiati (Knox 2017 ).

Indipendentemente dal fatto che lasciare i TdG fosse volontario o meno, gli ex membri spesso riferiscono di essere stati ostracizzati e rifiutati dalla comunità religiosa di cui avevano fatto parte in precedenza (Holden 2002 ; Ransom et al.2020 ). La più ampia letteratura psicologica fornisce prove su come ciò possa avere un impatto negativo sugli individui (Case e Williams 2004 ; Williams 2001 , 2008 ). Ciò è illustrato da Williams '( 2009) necessita di un modello di minaccia secondo il quale l'ostracismo procede in tre fasi: primo, uno stadio riflessivo in cui il bersaglio sperimenta minacce a uno o più bisogni fondamentali (autostima, appartenenza, controllo, esistenza significativa), secondo, uno stadio riflessivo in cui il bersaglio riflette su come riparare le minacce percepite e, infine, una fase di dimissioni, in cui le risorse di coping possono esaurirsi man mano che i ripetuti sforzi per ristabilire le relazioni falliscono.

Sebbene questo quadro debba ancora essere applicato nel contesto dei TdG, le prove convergono a suggerire che l'esame degli effetti del percepito ostracismo tra coloro che abbandonano le religioni ad alto controllo è giustificato. Questo perché studi di altre fedi indicano gli effetti dannosi sull'identità e sul benessere che possono verificarsi quando si esce da ambienti religiosi rigorosi (Scheitle e Adamczyk 2010 ). In effetti, è stato suggerito che l'uscita da gruppi religiosi esclusivi sia associata a una diminuzione della salute e del benessere, mentre l'ostracismo anticipato e la perdita di identità sono stati identificati come barriere significative all'uscita (Scheitle e Adamczyk 2010 ). Allo stesso modo, i resoconti di coloro che hanno lasciato gli ultraortodossi ebrei (Berger 2015) e le fedi mormoni evidenziano le difficoltà nel fondere identità incompatibili (Joseph et al.2017 ). Questi studi su altre fedi rivelano quindi un tema emergente di identità di sé minacciata derivante dall'ostracismo post-abbandono e lo evidenziano come una possibile area di indagine tra i JW che lasciano.

Il lavoro formativo di Hookway e Habibis ( 2015 ), che hanno intrapreso un'esplorazione approfondita delle narrazioni in uscita di ex TdG, lo illustra ulteriormente. Qui, gli intervistati descrivono l'uscita dai TdG come un processo doloroso a causa della percezione che la loro fede JW sia incompatibile con il nuovo stile di vita e i valori scelti. Allo stesso modo, Lalich e McLaren ( 2010) documentano resoconti di idee suicide e / o comportamenti autodistruttivi tra ex JW gay / lesbiche che, secondo loro, erano causati da difficoltà nel fondere la loro identità JW strettamente definita con la loro identità omosessuale. A ciò fanno eco i risultati di un recente studio in cui ex TdG descrivono le conseguenze della disaffiliazione dalla fede come simili a un processo di lutto dovuto, in parte, a una perdita percepita di identità e legami sociali (Testoni et al.2019 ). Lo studio qualitativo più recente di Testoni e colleghi ( 2020 ) che esamina la perdita e il dolore che si verificano quando i propri cari scompaiono evidenzia utilmente possibili punti in comune per quanto riguarda le barriere che colpiscono gli individui che cercano una qualche forma di chiusura (Testoni et al.2020). Qui, in resoconti che sembrano mostrare somiglianze con quelli di TdG, i parenti in difficoltà di coloro che sono scomparsi in Italia riportano una forma ambigua di perdita, lutto e dolore anticipatori, con un'incertezza di risoluzione (cfr Hookway e Habibis 2015 ; Lalich e McLaren 2010 ; Testoni et al.2019 ). Gli studi esistenti hanno quindi iniziato a dipingere un quadro delle esperienze degli ex TdG e la letteratura più ampia sull'ostracismo e sui processi complicati del lutto sembra fornire utili spunti su come possono svolgersi gli esiti potenzialmente negativi associati all'abbandono dei TdG.

Ormai esiste anche un ampio corpo di prove basate sulla teoria che evidenziano sia i vantaggi dell'affiliazione religiosa sia i possibili svantaggi dell'uscita dalle fedi religiose (Baker et al.2018 ). Ad esempio, i benefici che l'appartenenza religiosa può conferire all'autostima attraverso la fede in una relazione sicura con il "divino" (Aydin et al. 2010 ), il supporto sociale (Gebauer et al. 2012 ), instillando sentimenti di comunanza (Pargament et al. al. 2000 ) sono state rese evidenti. Considerando il ruolo significativo dei legami sociali in questi studi, è possibile che i benefici dell'appartenenza religiosa possano, in parte, essere spiegati dai principi consolidati dell'approccio dell'identità sociale (Brown 2020 : Tajfel1978 ; Tajfel e Turner, 1979 ). Questa prospettiva suggerisce che l'appartenenza dei gruppi sociali può contribuire a creare un senso significativo di appartenenza (Gomez et al. 2011 ; Turner et al. 1987 ; Williams 2001 ), e l'allineamento con i gruppi può risultare in un senso viscerale di unità con il gruppo, o un fuso di identità (Gomez et al. 2011 ). Al contrario, una più ampia letteratura psicologica sociale indica che il distacco può essere associato a effetti negativi sul benessere e sul proprio senso di appartenenza (Baumeister e Leary 1995). L'abbandono di un gruppo sociale, quindi, può rappresentare una minaccia per il senso di identità delle persone e può richiedere l'avvio di un processo verso la costruzione di una nuova identità (Breakwell 1986 , 1992 ; Jaspal e Cinnirella 2010 ).

Applicando una lente teorica relativa alla riformulazione dell'identità, si possono quindi tracciare punti in comune tra l'abbandono delle religioni ad alto controllo e la desistenza dal crimine e dall'uso di sostanze. Qui, i ricercatori descrivono un processo di "transizione fuori" dai gruppi precedenti e postulano che fornire agli individui nuovi gruppi sociali di supporto può aumentare la probabilità di recupero e diminuire l'incidenza di ricadute (Best et al. 2016 ; Best et al. 2017 ; Buckingham et al. . 2013 ; Beckwith et al. 2019 ; Frings e Albery 2014 ;. Haslam et al 2019). Sebbene la transizione da un gruppo religioso non sia la stessa esperienza descritta nella desistenza dal crimine e dalla letteratura sull'uso di sostanze, è possibile identificare i punti in comune. Ad esempio, entrambi i gruppi affrontano tipicamente perdite sociali e, in misura maggiore o minore, hanno bisogno di "reinventarsi" per quanto riguarda il modo in cui si posizionano rispetto ai diversi gruppi sociali. Tuttavia, si notano anche differenze in quanto coloro che cercano un percorso lontano dalla dipendenza o dal crimine possono forgiare una nuova identità sociale attraverso la scelta, mentre questa può essere una necessità per gli exJW. Inoltre, coloro che trasferiscono la loro identità lontano da dipendenze dannose spesso ricevono sostegno familiare in questo sforzo, mentre gli exJW in genere perdono i rapporti familiari a causa dell'ostracismo obbligatorio. Allo stesso tempo,2013 ; Best et al. 2018 ; Scharp e Beck 2017 ).

Tenendo presente quanto sopra e lo scopo di contribuire alla letteratura sugli effetti dell'abbandono delle religioni ad alto costo, lo scopo della ricerca attuale è quindi quello di analizzare qualitativamente le esperienze di coloro che hanno lasciato i TdG. Nello specifico, lo studio esamina il modo in cui le persone negoziano il processo di transizione verso la vita post-JW e la misura in cui le esperienze di ostracismo e minacce all'identità possono avere un impatto su questo processo.

Metodologia

Partecipanti
Sei ex JW sono stati reclutati utilizzando un campionamento mirato contattando i conoscenti ( n  = 2) dell'intervistatore e cercando partecipanti tramite Facebook tramite post nei forum pertinenti ( n  = 4). I partecipanti erano britannici e di età compresa tra i 25 ei 65 anni. Due furono battezzati nella fede da adulti e quattro da adolescenti. Tutti i partecipanti stavano attualmente sperimentando la fuga religiosa dalla famiglia e dagli amici all'interno delle loro ex rispettive comunità JW. La tabella 1 utilizza pseudonimi e riassume (i) le caratteristiche dei partecipanti, (ii) i motivi dell'abbandono, (iii) il processo di uscita e (iv) i dettagli dei legami attuali con amici e familiari che rimangono membri JW.
"Tantum religio potuit suadere malorum".
Presentazione - Twitter - Facebook
Avatar utente
Achille
Amministratore
 
Messaggi: 15159
Iscritto il: 10/06/2009, 16:22

Torna a La pagina dei Links

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

Crisi di coscienza

Crisi di coscienza. Fedeltà a Dio o alla propria religione?
Parole franche di un testimone di Geova

Il libro biografia di un ex-membro del corpo direttivo tradotto in tutto il mondo che svela i segreti interni del gruppo. Ordinalo subito!
Sostienici