Infotdgeova - LiberaMente - Il Forum


Lo scopo di questo forum è quello di analizzare in chiave critica la dottrina e l'organizzazione dei Testimoni di Geova

La Corte Suprema proibisce ai Testimoni di Geova di utilizzare i dati personali di chi lascia

Segnalazioni di giornali, riviste, trasmissioni radio-televisive che riguardino i TdG

Moderatore: Cogitabonda

La Corte Suprema proibisce ai Testimoni di Geova di utilizzare i dati personali di chi lascia

Messaggiodi Achille » 15/03/2021, 9:06

https://cadenaser.com/ser/2021/03/11/tr ... 42163.html

Traduzione automatica:

I Testimoni di Geova possono solo mantenere il nome e la data del battesimo di chi lascia.

Madrid
11/03/2021

La Corte Suprema ha emesso una sentenza che pone fine all'uso che i Testimoni di Geova e altre congregazioni religiose possono fare dei dati personali delle persone che lasciano questi gruppi: possono conservare solo dati di base come nome e cognome e la data di ingresso e uscire dalla congregazione, e solo se quella persona vuole tornare: solo dati che " passano il giudizio di proporzionalità " e rispondono ai requisiti di "idoneità, necessità e proporzionalità" per i loro scopi religiosi.

I giudici hanno studiato il caso di una donna che nel 2017 ha lasciato la sua congregazione dei testimoni di Geova e che da allora ha fatto causa a questa congregazione, che conta più di otto milioni di membri in tutto il mondo, per non mantenere i suoi dati personali: nome, cognome, sesso, data di nascita e date di battesimo e abbandono. I Testimoni hanno affermato, ad esempio, che conservare i dati sul sesso era importante, hanno detto, per controllare "il divieto generale della pratica del travestimento e del cambio di sesso".

L' Agenzia spagnola per la protezione dei dati ha parzialmente concordato con la donna in una decisione successivamente confermata dal Tribunale nazionale e ora in ultima analisi dalla camera controversa-amministrativa della Corte suprema: i Testimoni di Geova possono solo mantenere il loro nome , cognome e date di congregazione e solo nel caso in cui la donna chieda il rientro.

Una dottrina che la Corte Suprema stabilisce per tutti i casi relativi a congregazioni religiose che vogliono nascondere i dati ai loro ex membri. "Una confessione religiosa ha il diritto di conservare i dati personali della persona che ha abbandonato la confessione necessaria per i suoi scopi religiosi" se ne viene richiesta la cancellazione e potendo conservare nei suoi database quelli che "in ogni caso, emettono il giudizio di proporzionalità che richiede il rispetto dei tre requisiti o condizioni di idoneità, necessità e proporzionalità in senso stretto ".

Sul loro sito web , i Testimoni di Geova affermano che si può lasciare la congregazione attraverso una richiesta formale o per "il loro comportamento", anche se rapporti come questo della BBC parlano di "esperienze traumatiche" a coloro che lasciano i loro ranghi. In questa causa, hanno affermato di conservare tutti quei dati per evitare un doppio battesimo ei giudici, con il magistrato José María del Riego come relatore, respingono categoricamente tale richiesta: "Una confessione religiosa ha il diritto alla conservazione dei dati personali di chi abbandonò le confessioni necessarie ai suoi scopi religiosi, prima di una richiesta iniziale per la loro totale soppressione.

Ciò sarà possibile solo quando "si emetterà il giudizio di proporzionalità che richiede il rispetto dei tre requisiti o condizioni di idoneità, necessità e proporzionalità in senso stretto". Per la Suprema Corte solo "il nome e cognome che, ovviamente, è il dato ideale e necessario per l'identificazione di chi ha cessato di essere un membro" aggiungendo che "i dati sul sesso devono essere considerati non necessari per quelle finalità identificative, essendo inoltre irrilevante che il nome proprio non identifichi il sesso della persona ".

Lo scorso dicembre, l'Alta Corte nazionale ha confermato una sanzione di 10.000 euro ai Testimoni di Geova per aver raccolto e utilizzato senza autorizzazione i dati di medici che sarebbero disposti a collaborare con la loro confessione religiosa in operazioni senza trasfusioni di sangue.
"Tantum religio potuit suadere malorum".
Presentazione - Twitter - Facebook
Avatar utente
Achille
Amministratore
 
Messaggi: 15159
Iscritto il: 10/06/2009, 16:22

Messaggiodi Achille » 15/03/2021, 19:59

A proposito di privacy, ad una mia lettera in cui chiedevo di togliere dai loro archivi i miei dati, risposero dicendo che loro conservavano solo nome, cognome, data disassociazione o annuncio e motivo biblico per cui la persona era stata disassociata. Quest'ultimo "motivo biblico" per me è una chiara violazione della privacy.

Immagine

Dopo questa risposta, scrissi al Garante per segnalare quella che ritenevo fosse appunto una violazione della privacy:

https://www.infotdgeova.it/lettera-garante.html

Mi auguro che la sentenza spagnola crei qualche precedente giuridico e anche in Italia si adottino le stesse regole.
"Tantum religio potuit suadere malorum".
Presentazione - Twitter - Facebook
Avatar utente
Achille
Amministratore
 
Messaggi: 15159
Iscritto il: 10/06/2009, 16:22


Torna a Rassegna stampa

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

Crisi di coscienza

Crisi di coscienza. Fedeltà a Dio o alla propria religione?
Parole franche di un testimone di Geova

Il libro biografia di un ex-membro del corpo direttivo tradotto in tutto il mondo che svela i segreti interni del gruppo. Ordinalo subito!
Sostienici