Infotdgeova - LiberaMente - Il Forum


Lo scopo di questo forum è quello di analizzare in chiave critica la dottrina e l'organizzazione dei Testimoni di Geova

Risurrezione

Tutto ciò che riguarda la dottrina dei Testimoni di Geova.

Moderatore: polymetis

Risurrezione

Messaggiodi Anonymous72 » 15/06/2013, 19:46

una domanda che mi frulla da molto tempo ,come spiega la CC questa scrittura; se i morti vanno in cielo ,perche parla di una risurrezione carnale ?e dopo questa risurrezione cosa accadra' ? Giovanni 5:28 Non vi maravigliate di questo; perché l'ora viene in cui tutti quelli che son nei sepolcri, udranno la sua voce e ne verranno fuori (Luzzi Riveduta)

nel commentario on line di La parola.net dice:
......Il Signore non ci permette di dubitare che la medesima voce, la quale chiamò nel principio l'universo all'esistenza, sveglierà all'ultimo giorno i dormienti in ogni tomba, sulla terra o in fondo al mare, ma del modo nel quale la sua voce sarà udita egli non ci dice nulla. San Paolo dichiara in 1Corinzi 15:52 che "la tromba sonerà e i morti risusciteranno", ed in 1Tessalonicesi 4:16 che "il Signore con acclamazione, con voce di arcangelo e con tromba di Dio, discenderà dal cielo"; al di là di questo, tutto è mera supposizione. in che senso mera supposizione? :boh:
Anonymous72
 

Messaggiodi Mario70 » 15/06/2013, 20:04

Anonymous72 ha scritto:una domanda che mi frulla da molto tempo ,come spiega la CC questa scrittura; se i morti vanno in cielo ,perche parla di una risurrezione carnale ?e dopo questa risurrezione cosa accadra' ? Giovanni 5:28 Non vi maravigliate di questo; perché l'ora viene in cui tutti quelli che son nei sepolcri, udranno la sua voce e ne verranno fuori (Luzzi Riveduta)

nel commentario on line di La parola.net dice:
......Il Signore non ci permette di dubitare che la medesima voce, la quale chiamò nel principio l'universo all'esistenza, sveglierà all'ultimo giorno i dormienti in ogni tomba, sulla terra o in fondo al mare, ma del modo nel quale la sua voce sarà udita egli non ci dice nulla. San Paolo dichiara in 1Corinzi 15:52 che "la tromba sonerà e i morti risusciteranno", ed in 1Tessalonicesi 4:16 che "il Signore con acclamazione, con voce di arcangelo e con tromba di Dio, discenderà dal cielo"; al di là di questo, tutto è mera supposizione. in che senso mera supposizione? :boh:



La bibbia parla di questa resurrezione "nell'ultimo giorno" nel quale le anime si ricongiungeranno ai corpi risorti, cosa non ti è chiaro?

La resurrezione della carne è una delle dottrine principali del cristianesimo, proprio perché l'uomo ha un'anima che sopravvive alla morte del corpo,si può parlare di resurrezione, altrimenti sarebbe una ricreazione ex novo.
"La cosa più triste è che molto spesso chi viene ingannato, o illuso, tende a rimanere strettamente ancorato a quello in cui crede nonostante le evidenze indichino chiaramente che la realtà è diversa. Forse è talmente affezionato alle sue credenze che preferisce chiudersi gli occhi e tapparsi le orecchie di fronte a qualunque cosa possa farle vacillare."
(Torre di Guardia 1/9/2010 p 10)
Avatar utente
Mario70
Utente Gold
 
Messaggi: 6106
Iscritto il: 10/06/2009, 21:28
Località: Roma

Messaggiodi Anonymous72 » 15/06/2013, 20:18

Mario70 ha scritto:
Anonymous72 ha scritto:una domanda che mi frulla da molto tempo ,come spiega la CC questa scrittura; se i morti vanno in cielo ,perche parla di una risurrezione carnale ?e dopo questa risurrezione cosa accadra' ? Giovanni 5:28 Non vi maravigliate di questo; perché l'ora viene in cui tutti quelli che son nei sepolcri, udranno la sua voce e ne verranno fuori (Luzzi Riveduta)

nel commentario on line di La parola.net dice:
......Il Signore non ci permette di dubitare che la medesima voce, la quale chiamò nel principio l'universo all'esistenza, sveglierà all'ultimo giorno i dormienti in ogni tomba, sulla terra o in fondo al mare, ma del modo nel quale la sua voce sarà udita egli non ci dice nulla. San Paolo dichiara in 1Corinzi 15:52 che "la tromba sonerà e i morti risusciteranno", ed in 1Tessalonicesi 4:16 che "il Signore con acclamazione, con voce di arcangelo e con tromba di Dio, discenderà dal cielo"; al di là di questo, tutto è mera supposizione. in che senso mera supposizione? :boh:



La bibbia parla di questa resurrezione "nell'ultimo giorno" nel quale le anime si ricongiungeranno ai corpi risorti, cosa non ti è chiaro?

La resurrezione della carne è una delle dottrine principali del cristianesimo, proprio perché l'uomo ha un'anima che sopravvive alla morte del corpo,si può parlare di resurrezione, altrimenti sarebbe una ricreazione ex novo.



Non mi e chiaro il fatto ho forse non riesco a comprendere io per le mie ex credenze da tdg ,in che senso e in che modo " si ricongiungeranno ai corpi risorti nell'ultmo giorno" quando una persona muore va in paradiso questo e quello che penso credano i cattolici .... allora suppongo che la cc aspetti questo giorno come i tdg? dove avverra questa risurrezione sulla terra? non so se sono stato chiaro!
Anonymous72
 

Messaggiodi agabo » 15/06/2013, 20:34

Anonymous72 ha scritto:una domanda che mi frulla da molto tempo ,come spiega la CC questa scrittura; se i morti vanno in cielo ,perche parla di una risurrezione carnale ?e dopo questa risurrezione cosa accadra' ? Giovanni 5:28 Non vi maravigliate di questo; perché l'ora viene in cui tutti quelli che son nei sepolcri, udranno la sua voce e ne verranno fuori (Luzzi Riveduta)

nel commentario on line di La parola.net dice:
......Il Signore non ci permette di dubitare che la medesima voce, la quale chiamò nel principio l'universo all'esistenza, sveglierà all'ultimo giorno i dormienti in ogni tomba, sulla terra o in fondo al mare, ma del modo nel quale la sua voce sarà udita egli non ci dice nulla. San Paolo dichiara in 1Corinzi 15:52 che "la tromba sonerà e i morti risusciteranno", ed in 1Tessalonicesi 4:16 che "il Signore con acclamazione, con voce di arcangelo e con tromba di Dio, discenderà dal cielo"; al di là di questo, tutto è mera supposizione. in che senso mera supposizione? :boh:


Caro amico, non cercare la risposta nell'insegnamento cattolico perchè è una vera babele: insegnano che gli esseri umani in effeti non muoiono perchè una parte di loro, la cosiddetta "anima", cioè qualcosa di indefinibile e in effetti estranea all'insegnamento biblico, andrebbe in un altro luogo dopo la morte, per ricongiungersi al corpo chissà quando.
Questo modo di interpretare la vita dopo la morte comporta molti problemi.
Intanto si afferma che la morte non esiste se non in senso fisico, un dualismo estraneo alla Bibbia.
Poi, perchè l'anima dovrebbe ricongiungersi al corpo (quale corpo?) se ne ha fatto a meno per secoli e millenni? Non potrebbe vivere allo stato di "anima" che, a quanto pare, è senza limiti spazio-temporali, non sarebbe più vantaggioso?
La cosiddetta risurrezione dei corpi la si insegna solo perchè il Nuovo Testamento ne parla, in effetti tutto il pensiero cattolico è concentrato su quell' "aldilà" etereo e indefinibile dove i trapassati sarebbero come "dei": possono vedere, sentire e intervenire nelle cose di quaggiù!
Altre conseguenze nefaste sono il culto dei morti, il culto dei "santi" e lo spiritismo.
Sei un ex Testimone di Geova? Continua pure a credere che i morti sono incoscienti e che aspettano la Risurrezione!

Ti propongo la visione di questo video:

Ultima modifica di agabo il 15/06/2013, 20:44, modificato 1 volta in totale.
"Come può uno scoglio arginare il mare? Anche se non voglio torno già a volare..." - Mogol
Avatar utente
agabo
Utente Senior
 
Messaggi: 929
Iscritto il: 27/07/2009, 12:33
Località: Piemonte

Messaggiodi Francesco Franco Coladarci » 15/06/2013, 20:39

La dottrina dei Testimoni di Geova afferma che con la morte la persona(intesa come essere pensante), cessa di esistere, è come se non fosse mai nata, il suo ricordo è nella mente di Geova, il quale ricreerà la persona, ma, non può essere la stessa persona, bensì una copia di quella persona morta, sicché non si può parlare di "Resurrezione" ma di "Ri-creazione".

Che la persona, in quanto essere pensante e quindi non materiale(Anima) sussista alla morte del corpo lo afferma tra l'altro anche l'Apostolo Paolo, il quale dice che "Tutti compariremo dinanzi al tribunale di Dio, per essere giudicati in base alle opere compiute quando eravamo nel corpo"

I primi martiri cristiani affrontarono il martirio ben sapendo che sarebbero andati presso il Signore, ed è commovente la lettera scritta da Sant'Ignazio d'Antiochia ai Romani, il quale li supplicò di non intervenire in suo favore (salvandogli la vita), poiché Ignazio scrisse che, voleva essere pasto per le belve affinché fosse pane per Cristo, esprimendo la volontà di essere il più presto possibile con Cristo.

Quindi, c'è un abisso tra la dottrina dei TdG e quella dei cattolici.
Franco
“Al di sopra del Papa, come espressione della pretesa vincolante dell’autorità ecclesiastica, resta comunque la coscienza di ciascuno, che deve essere obbedita prima di ogni altra cosa, se necessario anche contro le richieste dell’autorità ecclesiastica.”
(Cardinal Joseph Ratzinger )

skype: el_condor4
Avatar utente
Francesco Franco Coladarci
Moderatore
 
Messaggi: 3862
Iscritto il: 16/07/2009, 21:24

Messaggiodi Francesco Franco Coladarci » 15/06/2013, 20:42

Agabo
Sei un ex Testimone di Geova? Continua pure a credere che i morti sono incoscienti e che aspettano la Risurrezione!


Nulla di strano, i TdG condividono lo stesso pensiero degli Avventisti, infatti avete la stessa radice.
Franco
“Al di sopra del Papa, come espressione della pretesa vincolante dell’autorità ecclesiastica, resta comunque la coscienza di ciascuno, che deve essere obbedita prima di ogni altra cosa, se necessario anche contro le richieste dell’autorità ecclesiastica.”
(Cardinal Joseph Ratzinger )

skype: el_condor4
Avatar utente
Francesco Franco Coladarci
Moderatore
 
Messaggi: 3862
Iscritto il: 16/07/2009, 21:24

Messaggiodi Anonymous72 » 15/06/2013, 20:46

Grazie Franco della tua spiegazione ,quindi il cattolicesimo insegna che ci sara' una risurezzione "nell'ultimo giorno"cioe' in un futuro, nel mentre le anime sono in cielo...questo e quando penso di aver capito..correggimo se sbaglio
Anonymous72
 

per agabo

Messaggiodi Anonymous72 » 15/06/2013, 21:01

Sono fermamente convinto che Dio esista ..mia madre e stata testimone oculare di avvenimenti inspiegabili da forze S.........e quindi credo che come esista il male esiste anche il bene.
Anonymous72
 

Messaggiodi Trianello » 15/06/2013, 21:03

Anonymous72 ha scritto:una domanda che mi frulla da molto tempo ,come spiega la CC questa scrittura; se i morti vanno in cielo ,perche parla di una risurrezione carnale ?e dopo questa risurrezione cosa accadra' ? Giovanni 5:28 Non vi maravigliate di questo; perché l'ora viene in cui tutti quelli che son nei sepolcri, udranno la sua voce e ne verranno fuori (Luzzi Riveduta)


Ne deduco che hai le idee a dir poco confuse sulla dottrina cattolica. I cattolici, come tutti i cristiani, credono che tutti i morti risorgeranno. Alcuni per un destino di beatitudine, altri per un destino di dannazione.
Quando si dice che i beati saliranno in cielo non si vuole mica indicare il fatto che i beati sfrecceranno nella stratosfera come meteore, ma si usa un linguaggio figurato (un semitismo derivante dal linguaggio biblico) per indicare che i beati staranno alla presenza di Dio (in quanto è proprio nella contemplazione di Dio che consiste la beatitudine).
Presentazione

Deus non deserit si non deseratur

Augustinus Hipponensis (De nat. et gr. 26, 29)
Avatar utente
Trianello
Utente Master
 
Messaggi: 3356
Iscritto il: 10/06/2009, 23:45

Messaggiodi Francesco Franco Coladarci » 15/06/2013, 21:16

Anonymous

Leggiti qualcosa qui.

http://aiconfinidelsapere.freeforumzone ... d=10382262

Franco
“Al di sopra del Papa, come espressione della pretesa vincolante dell’autorità ecclesiastica, resta comunque la coscienza di ciascuno, che deve essere obbedita prima di ogni altra cosa, se necessario anche contro le richieste dell’autorità ecclesiastica.”
(Cardinal Joseph Ratzinger )

skype: el_condor4
Avatar utente
Francesco Franco Coladarci
Moderatore
 
Messaggi: 3862
Iscritto il: 16/07/2009, 21:24

Messaggiodi Anonymous72 » 15/06/2013, 21:32

Non pensate che io voglia fare polemica o screditare la religione cattolica ...la mia domanda e solo curiosità di quello che credono i cattolici riguardo la risurrezione ,cercate di capirmi sono stato tdg per 35 anni cioe da quando sono nato ,la mia e solo ignoranza sul credo cattolico.
Anonymous72
 

Messaggiodi Francesco Franco Coladarci » 15/06/2013, 21:41

Vedi, non si tratta di fare polemica, ma di acquistare la conoscenza degli insegnamenti Apostolici, di Cristo sappiamo ciò che la Chiesa Cattolica Apostolica ci ha trasmesso, e questo sin da duemila anni fa, e non come quelle settucole sorte agli albori del XIX secolo, quelle frange estremiste del protestantesimo, fondate da qualche "illuminato" e spacciandosi per detentori di chissà quali verità.
Franco
“Al di sopra del Papa, come espressione della pretesa vincolante dell’autorità ecclesiastica, resta comunque la coscienza di ciascuno, che deve essere obbedita prima di ogni altra cosa, se necessario anche contro le richieste dell’autorità ecclesiastica.”
(Cardinal Joseph Ratzinger )

skype: el_condor4
Avatar utente
Francesco Franco Coladarci
Moderatore
 
Messaggi: 3862
Iscritto il: 16/07/2009, 21:24

Chissà dove sta la verità....

Messaggiodi Ray » 15/06/2013, 22:54

Franco Coladarci ha scritto:Vedi, non si tratta di fare polemica, ma di acquistare la conoscenza degli insegnamenti Apostolici, di Cristo sappiamo ciò che la Chiesa Cattolica Apostolica ci ha trasmesso, e questo sin da duemila anni fa, e non come quelle settucole sorte agli albori del XIX secolo, quelle frange estremiste del protestantesimo, fondate da qualche "illuminato" e spacciandosi per detentori di chissà quali verità.
Franco


Insegnamenti apostolici ?

Ma altri pure vengono da quelle tradizioni o ceppo...diciamo...

Più che altro insegnamenti di una corrente di cristiani ,quelli appunto che hanno formato questo canone biblico attuale...la Grande Chiesa.

Una domanda ?
Perché dovrei prendere per buoni questi e non accettare gli altri insegnamenti o tradizioni che circolavano già insieme a quelli scelti dalla G. C . ?
Certo non dico che questa sia la verità assoluta ma mettono in discussione un po di cose...sono veri insegnamenti... :boh:

55.) Gesù disse: - Se vi domandano: «Di dove siete venuti?», rispondete: «Siamo venuti dalla Luce, dove la luce si è originata da se stessa. Essa è sorta e si è manifestata nella nostra immagine»¹. Se vi domandano: «Che cosa siete voi?», rispondete: «Noi siamo i figli e gli eletti del Padre Vivente»². Se vi domandano: «Quale segno del vostro Padre è in voi?», rispondete loro: «È un movimento e una quiete»³.
1) Tutte le religioni uraniche, come il cristianesimo, identificano nel cielo luminoso il loro Dio. Secondo gli gnostici, nell'atto di manifestarsi, per emanazione, Dio (dimora della luce) diventa Luce (=illuminazione): Luce nata dalla Luce, Lumen de Lumine (cfr. 1Jo. I 5). Che poi le anime abbiano origine da questa Luce e in essa debbano tornare rientra nella dottrina neoplatonica delle emanazioni. Allo stato iniziale (prima di entrare nella materia) e allo stato finale (al loro ritorno nell'iperuranio) le anime sono pure «immagini» o «idee».
2) Cfr. Rom. IX 26 (=Os. I 10). Invece in Lc. XVI 8; Jo. XII 36; Eph. V 8; 1Tess V 5 si parla di «figli della Luce». Inoltre in Jo. XVII 14, 16 è detto degli apostoli («i perfetti»): «essi non sono di questo mondo».
3) Al concetto dell'Empireo come quiete e immobilità assoluta, segno di perfezione aliena da ogni perturbamento, si associa l'idea di Dio (che in esso ha sede e con esso si identifica) come Primo Motore. Le anime portano in sé, in quanto esistono, il segno di questo moto che le ha create e della quiete perfetta a cui aspirano di tornare. Sul concetto di «riposo in Dio» si veda Hebr. IV 1-11, che però deriva da Ps. XV 8-11.

Questi brani tratti dal vangelo di Tommaso Apostolo non è che sono proprio nuovi di zecca....certamente non sono dottrine o scritture del XIX secolo..... ma molto prima... ma moltissimo prima ,diciamo pure uno dei primi.... :ironico: certo rispecchia la corrente gnostica,ma chi ha la verità assoluta veramente oggi ? :boh:

54.) Gesù disse: - Beati voi, solitari ed eletti, perché troverete il Regno! Infatti da esso voi siete usciti e in esso tornerete di nuovo¹.
1) Il paragrafo ripete i concetti esposti anche in altri punti di questo Vangelo: della perfezione («gli eletti») della solitudine e del ritorno all'anima, caduta nella materia, al mondo iperuranio. (Cfr. Jo. XIV 23).

56.) I discepoli gli dissero: - Quando verrà il riposo per coloro che sono morti, e quando verrà il nuovo mondo? - Ed egli disse loro: - Ciò che voi attendete è già venuto, ma voi non lo riconoscete¹.
1) La prima parte del paragrafo si ricollega a quanto precede. Per la seconda cfr. Jo. V 25-29, 43a e, per la somiglianza dei vocaboli, anche Mt. XVII 11-12.


Penso che sulla terra nessuno possieda la verità intorno al Cristo Gesù.....purtroppo troppe congetture filosofiche cristiane sono state fatte e dette. :help:

In conclusione come Gesù disse: - Ho gettato il fuoco sul mondo ed ecco, veglio su di questo, finché esso arda¹.
Ray

Le falsificazioni e le varianti involontarie si accumulano man mano che un testo è ricopiato attraverso i secoli. Ogni scriba riproduce gli errori degli scribi precedenti e ne aggiunge di propri. Non possediamo alcun originale dei libri del nuovo testamento, ma neppure copie eseguite direttamente sugli originali, né copie di copie...Bart D. Ehrman
Genesi
Avatar utente
Ray
Utente Platinium
 
Messaggi: 11576
Iscritto il: 04/01/2012, 19:27
Località: "città nuova"

Messaggiodi Cicciuzzo » 15/06/2013, 23:07

:quoto100:
Ray ha scritto:
Franco Coladarci ha scritto:Vedi, non si tratta di fare polemica, ma di acquistare la conoscenza degli insegnamenti Apostolici, di Cristo sappiamo ciò che la Chiesa Cattolica Apostolica ci ha trasmesso, e questo sin da duemila anni fa, e non come quelle settucole sorte agli albori del XIX secolo, quelle frange estremiste del protestantesimo, fondate da qualche "illuminato" e spacciandosi per detentori di chissà quali verità.
Franco


Insegnamenti apostolici ?

Ma altri pure vengono da quelle tradizioni o ceppo...diciamo...

Più che altro insegnamenti di una corrente di cristiani ,quelli appunto che hanno formato questo canone biblico attuale...la Grande Chiesa.

Una domanda ?
Perché dovrei prendere per buoni questi e non accettare gli altri insegnamenti o tradizioni che circolavano già insieme a quelli scelti dalla G. C . ?
Certo non dico che questa sia la verità assoluta ma mettono in discussione un po di cose...sono veri insegnamenti... :boh:

55.) Gesù disse: - Se vi domandano: «Di dove siete venuti?», rispondete: «Siamo venuti dalla Luce, dove la luce si è originata da se stessa. Essa è sorta e si è manifestata nella nostra immagine»¹. Se vi domandano: «Che cosa siete voi?», rispondete: «Noi siamo i figli e gli eletti del Padre Vivente»². Se vi domandano: «Quale segno del vostro Padre è in voi?», rispondete loro: «È un movimento e una quiete»³.
1) Tutte le religioni uraniche, come il cristianesimo, identificano nel cielo luminoso il loro Dio. Secondo gli gnostici, nell'atto di manifestarsi, per emanazione, Dio (dimora della luce) diventa Luce (=illuminazione): Luce nata dalla Luce, Lumen de Lumine (cfr. 1Jo. I 5). Che poi le anime abbiano origine da questa Luce e in essa debbano tornare rientra nella dottrina neoplatonica delle emanazioni. Allo stato iniziale (prima di entrare nella materia) e allo stato finale (al loro ritorno nell'iperuranio) le anime sono pure «immagini» o «idee».
2) Cfr. Rom. IX 26 (=Os. I 10). Invece in Lc. XVI 8; Jo. XII 36; Eph. V 8; 1Tess V 5 si parla di «figli della Luce». Inoltre in Jo. XVII 14, 16 è detto degli apostoli («i perfetti»): «essi non sono di questo mondo».
3) Al concetto dell'Empireo come quiete e immobilità assoluta, segno di perfezione aliena da ogni perturbamento, si associa l'idea di Dio (che in esso ha sede e con esso si identifica) come Primo Motore. Le anime portano in sé, in quanto esistono, il segno di questo moto che le ha create e della quiete perfetta a cui aspirano di tornare. Sul concetto di «riposo in Dio» si veda Hebr. IV 1-11, che però deriva da Ps. XV 8-11.

Questi brani tratti dal vangelo di Tommaso Apostolo non è che sono proprio nuovi di zecca....certamente non sono dottrine o scritture del XIX secolo..... ma molto prima... ma moltissimo prima ,diciamo pure uno dei primi.... :ironico: certo rispecchia la corrente gnostica,ma chi ha la verità assoluta veramente oggi ? :boh:

54.) Gesù disse: - Beati voi, solitari ed eletti, perché troverete il Regno! Infatti da esso voi siete usciti e in esso tornerete di nuovo¹.
1) Il paragrafo ripete i concetti esposti anche in altri punti di questo Vangelo: della perfezione («gli eletti») della solitudine e del ritorno all'anima, caduta nella materia, al mondo iperuranio. (Cfr. Jo. XIV 23).

56.) I discepoli gli dissero: - Quando verrà il riposo per coloro che sono morti, e quando verrà il nuovo mondo? - Ed egli disse loro: - Ciò che voi attendete è già venuto, ma voi non lo riconoscete¹.
1) La prima parte del paragrafo si ricollega a quanto precede. Per la seconda cfr. Jo. V 25-29, 43a e, per la somiglianza dei vocaboli, anche Mt. XVII 11-12.


Penso che sulla terra nessuno possieda la verità intorno al Cristo Gesù.....purtroppo troppe congetture filosofiche cristiane sono state fatte e dette. :help:

In conclusione come Gesù disse: - Ho gettato il fuoco sul mondo ed ecco, veglio su di questo, finché esso arda¹.
"Peggio che dire una menzogna è passare tutta la vita rimanendo fedeli ad una menzogna." (Robert Brault)

http://forum.infotdgeova.it/viewtopic.p ... 13#p252414
Cicciuzzo
Utente Senior
 
Messaggi: 575
Iscritto il: 18/02/2013, 20:48
Località: Nord Italia

Messaggiodi agabo » 16/06/2013, 10:09

Franco Coladarci ha scritto:Vedi, non si tratta di fare polemica, ma di acquistare la conoscenza degli insegnamenti Apostolici, di Cristo sappiamo ciò che la Chiesa Cattolica Apostolica ci ha trasmesso, e questo sin da duemila anni fa, e non come quelle settucole sorte agli albori del XIX secolo, quelle frange estremiste del protestantesimo, fondate da qualche "illuminato" e spacciandosi per detentori di chissà quali verità.
Franco

Se ti richiami "alla conoscenza degli insegnamenti Apostolici", come scrivi, devi cambiare registro. La chiesa cattolica nasce come fatto storico nel IV secolo. Degli insegnamenti apostolici ha preso qualcosa e ne ha tralascita altri. Importanti. Se una tradizione ecclesiastica comporta insegnamenti sbagliati non è un vanto affermare che risale a molti secoli addietro perchè più vecchia è più è ostinata nei suoi errori. La fedeltà agli insegnamenti di Cristo non si valuta in anni o in secoli, questo lo ha insegnato Cristo stesso che portò nell'ultima parte della storia d'Israele molte cose contrarie alla tradizione ebraica: Gesù e i suoi apostoli vennero tacciati di settarismo e di eresia, ma portavano l'essenza vera del messaggio salvifico.
La tua, e quella di altri in questo forum, è autoconsolazione: siamo i più antichi quindi siamo nella verità. Chi conosce davvero la storia della vostra chiesa può smentirvi alla grande. Le frangie estremiste del protestantesimo, come tu le definisci, hanno molto da insegnarvi e non si vergognano d'essere tacciati come settari.
La vostra fede nella cosiddetta immortalità dell'anima è di origine pagana, per dimostrarlo basta leggere il capitolo 15 della Prima Corinti. Noi non ce ne facciamo niente di Ignazio e di vattelapesca. Ci basta l'apostolo Paolo.
"Come può uno scoglio arginare il mare? Anche se non voglio torno già a volare..." - Mogol
Avatar utente
agabo
Utente Senior
 
Messaggi: 929
Iscritto il: 27/07/2009, 12:33
Località: Piemonte

Messaggiodi Victor67 » 22/06/2013, 10:08

Leggendo il post di Agabo in merito al fondamento biblico del concetto di anima, e
quello di Anonymous72 in merito al concetto di risurrezione, da semplice cattolico
vorrei cercare di rispondere con alcune riflessioni, mi scuso in anticipo per la
lunghezza del post che dividerò in due parti.
Occorre innanzitutto premettere alcune questioni di metodo: le Sacre Scritture non
sono un trattato di teologia sistematica, pertanto concetti come quello di "anima",
"corpo", "risurrezione" non sono definiti in modo chiaro come ci aspetteremmo
leggendo un dizionario contemporaneo. Se ci proponiamo di ricercare all'interno
dell'Antico e del Nuovo Testamento tali concetti, dobbiamo fare uno sforzo
ermeneutico, ossia avere un criterio di interpretazione che ci permetta di individuare
quello che stiamo cercando. Fu il teologo protestante Rudolf Bultmann a chiarire che
non possiamo accostarci al testo biblico senza avere una determinata
precomprensione che inevitabilmente guida l'interpretazione. Al riguardo, per
approfondire l'argomento, è possibile consultare il documento della Pontificia
Commissione Biblica: “L'interpretazione della Bibbia nella Chiesa” a questo link:
http://www.vatican.va/roman_curia/congr ... ne_it.html.
Fatta questa premessa, per rispondere alla domanda sul fondamento biblico del
concetto di anima immortale, la teologia cattolica, tramite una riflessione sviluppatasi
attraverso i secoli, ha espresso la definizione di anima sintetizzata in questi punti del
Catechismo :
362 La persona umana, creata a immagine di Dio, è un essere insieme corporeo e spirituale. Il
racconto biblico esprime questa realtà con un linguaggio simbolico, quando dice: « Dio plasmò l'uomo
con polvere del suolo e soffiò nelle sue narici un alito di vita, e l'uomo divenne un essere vivente
» (Gn 2,7). L'uomo tutto intero è quindi voluto da Dio.

363 Spesso, nella Sacra Scrittura, il termine anima indica la vita umana, oppure tutta la persona
umana. Ma designa anche tutto ciò che nell'uomo vi è di più intimo e di maggior valore, ciò per cui
più particolarmente egli è immagine di Dio: « anima » significa il principio spirituale nell'uomo.

364 Il corpo dell'uomo partecipa alla dignità di « immagine di Dio »: è corpo umano proprio perché è
animato dall'anima spirituale, ed è la persona umana tutta intera ad essere destinata a diventare, nel
corpo di Cristo, il tempio dello Spirito.
« Unità di anima e di corpo, l'uomo sintetizza in sé, per la sua stessa condizione corporale, gli
elementi del mondo materiale, così che questi, attraverso di lui, toccano il loro vertice e prendono
voce per lodare in libertà il Creatore. Allora, non è lecito all'uomo disprezzare la vita corporale; egli
anzi è tenuto a considerare buono e degno di onore il proprio corpo, appunto perché creato da Dio e
destinato alla risurrezione nell'ultimo giorno ».

365 L'unità dell'anima e del corpo è così profonda che si deve considerare l'anima come la « forma »
del corpo; ciò significa che grazie all'anima spirituale il corpo, composto di materia, è un corpo umano
e vivente; lo spirito e la materia, nell'uomo, non sono due nature congiunte, ma la loro unione forma
un'unica natura.

366 La Chiesa insegna che ogni anima spirituale è creata direttamente da Dio – non è « prodotta » dai
genitori – ed è immortale: essa non perisce al momento della sua separazione dal corpo nella morte, e
di nuovo si unirà al corpo al momento della risurrezione finale.
(Catechismo della Chiesa Cattolica, 1992)

È chiaro che i primi cristiani non possedevano la stessa visione del concetto di anima
che abbiamo ora dopo duemila anni di riflessioni teologiche, e confluita nel
Catechismo. Gli autori del Nuovo Testamento erano convinti
che dopo la morte avrebbero incontrato Gesù, e probabilmente non erano interessati
ad avere una definizione del termine "anima" come lo siamo noi oggi.
I primi cristiani credevano alla risurrezione di Gesù perché lo avevano visto vivo
dopo la sua morte. La risurrezione era la prova della verità del suo insegnamento: se
era risorto dai morti, le cose che aveva detto di sé e del suo rapporto con il Padre
dovevano essere vere. Chi ha il potere di sconfiggere la morte se non Dio stesso? Di
conseguenza, l'intento principale di chi ha scritto il Nuovo Testamento non era
certamente quello di parlare dell'anima, ma farci conoscere la figura di Cristo,
invitandoci a seguirlo fino al dono della nostra vita. Tuttavia, leggendo brani come ad esempio
quello del martirio di Stefano (At 7, 55-60), possiamo dedurre che, siccome Stefano è
certo di incontrare Gesù dopo la morte, lasciando il suo corpo martirizzato nelle mani
dei persecutori, deve esistere un elemento, un principio che ne preservi l'identità post
mortem. A questo elemento la tradizione cristiana ha dato il nome di "anima".
Fin qui ho parlato del Nuovo Testamento, ma gli autori dell'Antico Testamento sono
ancor meno interessati a dirci cosa succede dopo la morte. Gli antichi ebrei, ma
anche quelli di oggi, avevano concezioni escatologiche molto diverse. Nel tardo
giudaismo esistevano gruppi come quello dei Sadducei che non credevano alla
risurrezione, mentre i Farisei invece vi credevano. La concezione prevalente
dell'Antico Testamento, almeno fino agli scritti profetici, è che dopo la morte
qualcosa di umano, che preserva l'identità individuale, finisce in un luogo sotterraneo
chiamato Sheol, e lì vive in uno stato larvale. Lo Sheol dell'Antico Testamento
corrisponde al concetto di "stato intermedio" delle anime che si sarebbe sviluppato
nella tradizione cattolica.
Essendo molto diversificate nella Bibbia le concezioni escatologiche, non ha senso,
per dimostrare una determinata tesi sull'anima, basarsi su un solo brano dell'Antico
Testamento. Faccio riferimento al filmato presente nel post di Agabo in cui il relatore
cita il libro di Qoèlet 9, 5-6-10 per dimostrare che l'anima non sarebbe immortale. In
tal caso viene commesso un errore ermeneutico proiettando le proprie convinzioni
su un testo antico il cui autore non aveva nessun interesse a parlarci del concetto di
anima come lo intendiamo noi oggi.
(fine prima parte)
Victor67
 

Messaggiodi Amalia » 22/06/2013, 18:36

Ciao Victor67
grazie per la tua approfondita analisi, veramente molto ben fatta. Tutto materiale prezioso per sviscerare il discorso.
Non vedo l'ora di leggere il seguito! :ok:

Noto che ti sei appena iscritto e, come da abitudine del forum, ti consiglio di postare una tua breve presentazione nella sezione apposita (http://forum.infotdgeova.it/viewforum.php?style=10&f=7) così da poterti conoscere meglio (anche solo poche righe, non è necessaria una biografia completa :sorriso: ) e darti tutti il nostro caloroso benvenuto nel forum!

A rileggerci presto!
"Chi porta il paraocchi si ricordi che del completo fanno parte il morso e la sferza."
Stanisław Jerzy Lec
"Non condivido la tua idea, ma darei la vita perché tu la possa esprimere." Voltaire
Presentazione - FacebookImmagine
Avatar utente
Amalia
Utente Gold
 
Messaggi: 5512
Iscritto il: 07/11/2011, 3:31
Località: Torino

Non dimenticarti di presentarti e dirci chi sei...anche se un po si è capito----

Messaggiodi Ray » 22/06/2013, 19:38

Occorre innanzitutto premettere alcune questioni di metodo: le Sacre Scritture non
sono un trattato di teologia sistematica,


.....e meno male.... :ironico:

pertanto concetti come quello di "anima",
"corpo", "risurrezione" non sono definiti in modo chiaro come ci aspetteremmo


... si sa che sono elaborazioni e forse dovuti ai conflitti dei vari vescovi che vi partecipavano e quindi ..dopo concili e concili e concili... ....? :cer:

la teologia cattolica, tramite una riflessione sviluppatasi
attraverso i secoli, ha espresso la definizione di anima sintetizzata in questi punti del
Catechismo :


Ma che ci vuoi fare scuola di catechesi? :test: :test:


È chiaro che i primi cristiani non possedevano la stessa visione del concetto di anima
che abbiamo ora dopo duemila anni di riflessioni teologiche, e confluita nel
Catechismo. Gli autori del Nuovo Testamento erano convinti
che dopo la morte avrebbero incontrato Gesù, e probabilmente non erano interessati
ad avere una definizione del termine "anima" come lo siamo noi oggi.


Forse la chiesa cattolica non ha la stessa definizione dei padri della chiesa .... non saprei dirti con precisione ma l'abbiamo scritto sopra..... :ironico:

Ma dire che i i primi cristiani non erano interessati.......non penso.Posso solo postarti ...

...Qualche esempio di come qualche corrente cristiana la pensasse.... questi sono versetti del vangelo di Tommaso non inclusi nel canone biblico ... :ironico:

1.) Egli disse: - Chiunque trova la spiegazione di queste parole non gusterà la morte¹.

119.) Gesù disse: - Guai alla carne che è soggetta all'anima e guai all'anima che è soggetta alla carne¹.

94.) Gesù disse: - Infelice il corpo che è soggetto ad un corpo, e infelice l'anima che è soggetta a tutti e due!

http://web.tiscalinet.it/Agrapha/Vangel ... descr.html
Ray

Le falsificazioni e le varianti involontarie si accumulano man mano che un testo è ricopiato attraverso i secoli. Ogni scriba riproduce gli errori degli scribi precedenti e ne aggiunge di propri. Non possediamo alcun originale dei libri del nuovo testamento, ma neppure copie eseguite direttamente sugli originali, né copie di copie...Bart D. Ehrman
Genesi
Avatar utente
Ray
Utente Platinium
 
Messaggi: 11576
Iscritto il: 04/01/2012, 19:27
Località: "città nuova"

Messaggiodi Francesco Franco Coladarci » 22/06/2013, 20:40

Ray
questi sono versetti del vangelo di Tommaso non inclusi nel canone biblico ...

Mio caro, è proprio questo il punto, sarà pure interessante come le varie decine di vangeli, lettere, apocalisse, ecc, ma, non è canonico, almeno su questo siamo tutti d'accordo.
Franco
“Al di sopra del Papa, come espressione della pretesa vincolante dell’autorità ecclesiastica, resta comunque la coscienza di ciascuno, che deve essere obbedita prima di ogni altra cosa, se necessario anche contro le richieste dell’autorità ecclesiastica.”
(Cardinal Joseph Ratzinger )

skype: el_condor4
Avatar utente
Francesco Franco Coladarci
Moderatore
 
Messaggi: 3862
Iscritto il: 16/07/2009, 21:24

Messaggiodi Ray » 22/06/2013, 21:11

Franco Coladarci ha scritto:Ray
questi sono versetti del vangelo di Tommaso non inclusi nel canone biblico ...

Mio caro, è proprio questo il punto, sarà pure interessante come le varie decine di vangeli, lettere, apocalisse, ecc, ma, non è canonico, almeno su questo siamo tutti d'accordo.
Franco


Mai detto che appartenesse al canone biblico ......è meno male.... :ironico:
Ray

Le falsificazioni e le varianti involontarie si accumulano man mano che un testo è ricopiato attraverso i secoli. Ogni scriba riproduce gli errori degli scribi precedenti e ne aggiunge di propri. Non possediamo alcun originale dei libri del nuovo testamento, ma neppure copie eseguite direttamente sugli originali, né copie di copie...Bart D. Ehrman
Genesi
Avatar utente
Ray
Utente Platinium
 
Messaggi: 11576
Iscritto il: 04/01/2012, 19:27
Località: "città nuova"

Messaggiodi arwen » 23/06/2013, 9:13

Ray ha scritto:
Franco Coladarci ha scritto:Ray
questi sono versetti del vangelo di Tommaso non inclusi nel canone biblico ...

Mio caro, è proprio questo il punto, sarà pure interessante come le varie decine di vangeli, lettere, apocalisse, ecc, ma, non è canonico, almeno su questo siamo tutti d'accordo.
Franco


Mai detto che appartenesse al canone biblico ......è meno male.... :ironico:

Eh, ma tu non puoi postarlo ad un cattolico come prova che Gesù dicesse anche quelle cose, un cattolico lo prende come un romanzo, non come la Parola di Dio...

Non so se ci siamo capiti, ha lo stesso valore del codice da Vinci.... :ironico: :strettamano:
Presentazione

" Amore non è amore se muta quando scopre un mutamento o tende a svanire quando l'altro si allontana.
Oh no !. Amore è un faro sempre fisso che sovrasta la tempesta e non vacilla mai;
Amore non muta in poche ore o settimane, ma impavido resiste al giorno estremo del giudizio;
Se questo è errore e mi sarà provato, io non ho mai scritto, e nessuno ha mai amato. "
William Shakespeare
Avatar utente
arwen
Utente Gold
 
Messaggi: 6558
Iscritto il: 03/05/2010, 9:48

Messaggiodi Ray » 23/06/2013, 10:04

arwen :
Ray ha scritto:
Franco Coladarci ha scritto:Ray
questi sono versetti del vangelo di Tommaso non inclusi nel canone biblico ...

Mio caro, è proprio questo il punto, sarà pure interessante come le varie decine di vangeli, lettere, apocalisse, ecc, ma, non è canonico, almeno su questo siamo tutti d'accordo.
Franco


Mai detto che appartenesse al canone biblico ......è meno male.... :ironico:

Eh, ma tu non puoi postarlo ad un cattolico come prova che Gesù dicesse anche quelle cose, un cattolico lo prende come un romanzo, non come la Parola di Dio...

Non so se ci siamo capiti, ha lo stesso valore del codice da Vinci...
. :ironico: :strettamano:
----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Ma che fai ti tiri la zappa sui piedi ? :risata: :risata:

Adesso devo andare ad una prima comunione......e si....fra funerali, :triste: battesimi e comunioni ,in questi ultimi tempi vado più io in chiesa che un cattolico... :ironico:

Comunque fatti spiegare meglio questa tua affermazione,ora non ho tempo , se nessuno interverrà... quando ritornerò stasera ne discuteremo....
:ciao:
Ray

Le falsificazioni e le varianti involontarie si accumulano man mano che un testo è ricopiato attraverso i secoli. Ogni scriba riproduce gli errori degli scribi precedenti e ne aggiunge di propri. Non possediamo alcun originale dei libri del nuovo testamento, ma neppure copie eseguite direttamente sugli originali, né copie di copie...Bart D. Ehrman
Genesi
Avatar utente
Ray
Utente Platinium
 
Messaggi: 11576
Iscritto il: 04/01/2012, 19:27
Località: "città nuova"

Messaggiodi arwen » 23/06/2013, 10:09

Si, un cattolico crede nella sacra scrittura, perché è la Chiesa stessa che ha decretato che quella è la parola di Dio ed ha scartato tutti gli altri vangeli ( tra cui quello di Tommaso ). Se tu parli con un cattolico ( o anche un ortodosso, stessa cosa :occhiol: ), continuando a prendere a sostegno delle tue opinioni, un vangelo apocrifo non inserito nel canone, come già ti hanno fatto notare altri, è come che continui a postare aria fritta, o il codice da Vinci, a sostegno delle tue tesi, non so se mi son spiegata.

Con un cattolico, se vuoi che ti dia retta, devi usare la scrittura codificata dalla sua Chiesa, altrimenti posta pure anche stralci di "guerra e pace", che è lo stesso... :strettamano: :timido2: :occhiol:
Presentazione

" Amore non è amore se muta quando scopre un mutamento o tende a svanire quando l'altro si allontana.
Oh no !. Amore è un faro sempre fisso che sovrasta la tempesta e non vacilla mai;
Amore non muta in poche ore o settimane, ma impavido resiste al giorno estremo del giudizio;
Se questo è errore e mi sarà provato, io non ho mai scritto, e nessuno ha mai amato. "
William Shakespeare
Avatar utente
arwen
Utente Gold
 
Messaggi: 6558
Iscritto il: 03/05/2010, 9:48

Messaggiodi Francesco Franco Coladarci » 23/06/2013, 10:25

Si da il caso che anche i Protestanti accettano i quattro vangeli come canonici, quindi non si capisce dove Ray voglia collocare il vangelo di Tommaso, mi sorge un dubbio, non è che Ray voglia fondare una nuova religione con un nuovo cannone? :ironico:
Franco
“Al di sopra del Papa, come espressione della pretesa vincolante dell’autorità ecclesiastica, resta comunque la coscienza di ciascuno, che deve essere obbedita prima di ogni altra cosa, se necessario anche contro le richieste dell’autorità ecclesiastica.”
(Cardinal Joseph Ratzinger )

skype: el_condor4
Avatar utente
Francesco Franco Coladarci
Moderatore
 
Messaggi: 3862
Iscritto il: 16/07/2009, 21:24

Messaggiodi 607Evolved » 23/06/2013, 10:48

Credo che Ray voglia voglia semplicemente far notare che alcune confessioni religiose stanno in piedi solo perché hanno scelto minuziosamente quello che sosteneva le loro convinzioni e l'hanno 'decretato' canonico, demonizzando e screditando tutto il resto come se fosse pura invenzione (romanzi?).

La domanda è con che diritto decidi che il resto non è attendibile, frutto di fantasia, alla pari di un romanzo di Dan Brown, mentre altri libri, inizialmente sullo stesso piano, li elevi sul piedistallo?

Non potrebbe essere come per i TdG che estrapolano da un discorso solamente le frasi (magari ironiche) che prese a sé stanti sostengono le loro idee e mettendo tra dei bei puntini ( . . . ) tutto il resto che contraddice apertamente le loro tesi?

Quando Ray tornerà mi dovrà dare il voto! :risata:

:ciao:


ps: Cari e ferventi cattolici del forum, se vi attanagliate sulla difensiva fate sembrare questo intervento come polemica, ma polemica non vuole essere: sto solo tentando di spiegare parole non mie. Tanto più che potrebbe essere una domanda legittima per chiunque.
Il mio brodo
C'è un solo problema con le religioni che hanno tutte le risposte. Non permettono le domande.

Immagine
Lo scetticismo è la mia natura. Il libero pensiermo è il mio metodo. L'agnosticismo è la mia conclusione.
L'ateismo è la mia opinione. L'umanitarismo è la mia motivazione.
J. DeWitt, Hope after faith
Avatar utente
607Evolved
Utente Junior
 
Messaggi: 499
Iscritto il: 03/03/2013, 11:52

Messaggiodi arwen » 23/06/2013, 11:13

Franco Coladarci ha scritto:Si da il caso che anche i Protestanti accettano i quattro vangeli come canonici, quindi non si capisce dove Ray voglia collocare il vangelo di Tommaso, mi sorge un dubbio, non è che Ray voglia fondare una nuova religione con un nuovo cannone? :ironico:
Franco

:quoto100: Anche perché Anonymous, nel suo post iniziale chiedeva :

Anonymous72 ha scritto:una domanda che mi frulla da molto tempo ,come spiega la CC questa scrittura; se i morti vanno in cielo ,perche parla di una risurrezione carnale ?e dopo questa risurrezione cosa accadra' ? Giovanni 5:28 Non vi maravigliate di questo; perché l'ora viene in cui tutti quelli che son nei sepolcri, udranno la sua voce e ne verranno fuori (Luzzi Riveduta)

nel commentario on line di La parola.net dice:
......Il Signore non ci permette di dubitare che la medesima voce, la quale chiamò nel principio l'universo all'esistenza, sveglierà all'ultimo giorno i dormienti in ogni tomba, sulla terra o in fondo al mare, ma del modo nel quale la sua voce sarà udita egli non ci dice nulla. San Paolo dichiara in 1Corinzi 15:52 che "la tromba sonerà e i morti risusciteranno", ed in 1Tessalonicesi 4:16 che "il Signore con acclamazione, con voce di arcangelo e con tromba di Dio, discenderà dal cielo"; al di là di questo, tutto è mera supposizione. in che senso mera supposizione? :boh:
Presentazione

" Amore non è amore se muta quando scopre un mutamento o tende a svanire quando l'altro si allontana.
Oh no !. Amore è un faro sempre fisso che sovrasta la tempesta e non vacilla mai;
Amore non muta in poche ore o settimane, ma impavido resiste al giorno estremo del giudizio;
Se questo è errore e mi sarà provato, io non ho mai scritto, e nessuno ha mai amato. "
William Shakespeare
Avatar utente
arwen
Utente Gold
 
Messaggi: 6558
Iscritto il: 03/05/2010, 9:48

Messaggiodi arwen » 23/06/2013, 11:21

607Evolved ha scritto:Credo che Ray voglia voglia semplicemente far notare che alcune confessioni religiose stanno in piedi solo perché hanno scelto minuziosamente quello che sosteneva le loro convinzioni e l'hanno 'decretato' canonico, demonizzando e screditando tutto il resto come se fosse pura invenzione (romanzi?).

La domanda è con che diritto decidi che il resto non è attendibile, frutto di fantasia, alla pari di un romanzo di Dan Brown, mentre altri libri, inizialmente sullo stesso piano, li elevi sul piedistallo?

Non potrebbe essere come per i TdG che estrapolano da un discorso solamente le frasi (magari ironiche) che prese a sé stanti sostengono le loro idee e mettendo tra dei bei puntini ( . . . ) tutto il resto che contraddice apertamente le loro tesi?

Quando Ray tornerà mi dovrà dare il voto! :risata:

:ciao:
ps: Cari e ferventi cattolici del forum, se vi attanagliate sulla difensiva fate sembrare questo intervento come polemica, ma polemica non vuole essere: sto solo tentando di spiegare parole non mie. Tanto più che potrebbe essere una domanda legittima per chiunque.



Semplicemente, perché solo la chiesa cattolica ( leggi : Universale ), può ventarsi di derivare direttamente da Cristo ed i suoi apostoli. Polymetis ve l'ha spiegato 3000000000000000000000000 di volte. Diciamo che è l'unica che ha il "pedigree" accertato :risatina:

Gli altri se lo inventano, poi, al momento di addurre prove a sostegno....tirano fuori i famosi puntini !. E tantissimi e fantasiosi voli pindarici, pur di darsi una qualsiasi credibilità !. :risata:

Guarda, Ray è una splendida persona, può credere in ciò che vuole, ma non può pretendere che, in un discorso basato su cosa la CC dica sulla resurrezione, possa usare il vangelo di Tommaso.

Perché per la CC non è Ray che decreta ciò che è canonico o meno. Forse, come diceva Franco, può decretare cos'è " cannonico" !. Quello glielo concedo !. :ironico: :risata:

Se la domanda fosse: " ognuno di voi, personalmente, leggendo questi versetti, cosa ci capisce ?", la sua risposta andrebbe anche bene.

Ma qui si parla di cosa dica in merito a quei versetti la Chiesa Cattolica.

:sorriso: :fiori e bacio:
Presentazione

" Amore non è amore se muta quando scopre un mutamento o tende a svanire quando l'altro si allontana.
Oh no !. Amore è un faro sempre fisso che sovrasta la tempesta e non vacilla mai;
Amore non muta in poche ore o settimane, ma impavido resiste al giorno estremo del giudizio;
Se questo è errore e mi sarà provato, io non ho mai scritto, e nessuno ha mai amato. "
William Shakespeare
Avatar utente
arwen
Utente Gold
 
Messaggi: 6558
Iscritto il: 03/05/2010, 9:48

Messaggiodi Shubby.1950 » 23/06/2013, 11:41

Omissis .... Tuttavia, leggendo brani come ad esempio
quello del martirio di Stefano (At 7, 55-60), possiamo dedurre che, siccome Stefano è
certo di incontrare Gesù dopo la morte, lasciando il suo corpo martirizzato nelle mani
dei persecutori, deve esistere un elemento, un principio che ne preservi l'identità post
mortem. A questo elemento la tradizione cristiana ha dato il nome di "anima".


Scusate ma non è la stessa cosa che dire: Dio (Geova) ha memorizzato tutte le informazioni per cui al momento opportuno avrà i dati per la resurrezione? :boh:
Sembrerebbero coincidere le cose. Anche i TdG credono nell'anima e non lo sanno!!!!! :ironico:
Shubby


La saggezza non è il risultato di un’educazione ma del tentativo di una vita intera di acquistarla.
Albert Einstein
Avatar utente
Shubby.1950
Utente Junior
 
Messaggi: 253
Iscritto il: 30/05/2013, 17:43

Messaggiodi Victor67 » 23/06/2013, 14:55

Ho messo nell'apposita sezione del forum la mia presentazione, scusandomi per non averlo atto prima, e proseguo le mie
riflessioni sul concetto di anima e di risurrezione nella Bibbia, che per mancanza di tempo dovrò dividere ulteriormente.
Chiedo scusa anche se non risponderò subito alle varie obiezioni sollevate dal mio intervento, cercherò di farlo prima possibile.

(seconda parte)

Il problema dell'anima immortale nasce quando occorre definire chiaramente quello
che succede dopo la morte. Questo problema non esisteva almeno fino all'epoca
dell'esilio in Babilonia (VI sec. a.C.). Fino a quel momento per un ebreo la
preoccupazione principale era quella di rispettare le leggi di Dio espresse nella
Torah. In tal modo, secondo la teologia ebraica della retribuzione, si sarebbe
guadagnato una vita lunga e serena, con molti figli che avrebbero permesso la
prosecuzione del suo nome nei tempi futuri. La discendenza dei figli era per il
patriarca l'equivalente dell'immortalità. Quello che accadeva dopo la morte non era
visto come un problema: si finiva tutti nello Sheol e lì si rimaneva. Per un ebreo del
VII sec. a.C. La retribuzione per il bene compiuto avveniva in questa vita, attraverso
una discendenza e molti beni materiali. Tale teologia è espressa molto bene nel libro
di Giobbe, che tuttavia comincia a metterla in crisi. L'antico ebreo non aveva
pertanto la necessità di immaginare un altro mondo dopo la morte, quindi per lui non
è molto importante riflettere sul concetto di anima come invece avveniva in ambiente
ellenistico. In seguito, dopo l'esilio a Babilonia, e soprattutto durante l'epoca dei martiri
con la persecuzione del re ellenistico Antioco IV Epifane (II sec. a.C.), ci si accorge che la
teologia della retribuzione non funziona più. Il giusto che nella sua vita si è
comportato bene non viene premiato da Dio, ma ucciso dal malvagio. Per questo la
riflessione teologica ebraica confluita nell'Antico Testamento sviluppa un altro
concetto: se la retribuzione per le opere buone non avviene nel corso della vita, deve
avvenire dopo la morte, altrimenti Dio non sarebbe giusto, il grido dell'oppresso
assassinato non avrebbe mai una risposta. Nasce così il concetto di risurrezione,
che ha la sua prima chiara attestazione solo nel libro di Daniele (12, 2-4).

(fine seconda parte)
Victor67
 

Sono tornatoooo....azz che casino... :-)

Messaggiodi Ray » 23/06/2013, 23:42

Scusate per l'OT....

Credo che Ray voglia voglia semplicemente far notare che alcune confessioni religiose stanno in piedi solo perché hanno scelto minuziosamente quello che sosteneva le loro convinzioni
:quoto100:

Si da il caso che anche i Protestanti accettano i quattro vangeli come canonici, quindi non si capisce dove Ray voglia collocare il vangelo di Tommaso, mi sorge un dubbio, non è che Ray voglia fondare una nuova religione con un nuovo cannone


Scusa Franco è questo che c'entra con i vangeli dei primi cristiani ? :conf:

La riforma protestante è arrivata a cose.... fatte nel 1500 circa ... quando il canone attuale era completato, quindi non capisco cosa vuoi dire.... :conf:

Immagine

Sul fatto di formare una nuova religione ...idea non male ma solo per il tornaconto economico. :felice: :felice: -Mica vuoi buttare via un 8 per mille,il problema è trovare nuovi adepti... e con l'era del web è difficile trovare polli...e quindi nisba.... :addio:

La domanda è con che diritto decidi che il resto non è attendibile, frutto di fantasia, alla pari di un romanzo di Dan Brown, mentre altri libri, inizialmente sullo stesso piano, li elevi sul piedistallo?


Appunto.... :strettamano: Un 10 e lode per Evolved.... :ok:


Semplicemente, perché solo la chiesa cattolica ( leggi : Universale ), può ventarsi di derivare direttamente da Cristo ed i suoi apostoli. Polymetis ve l'ha spiegato 3000000000000000000000000 di volte. Diciamo che è l'unica che ha il "pedigree" accertato


A parte che non è solo la chiesa latina che ha questo pedigree....o diritto ma c'è anche la chiesa ortodossa,e altre vedi foto....
Ma anche altre correnti cristiane, possono vantarre delle discendenze...solo non saprei se esistono adesso..... :occhiol: Esistono gli gnostici ? :boh:

Gli altri se lo inventano, poi, al momento di addurre prove a sostegno....tirano fuori i famosi puntini !. E tantissimi e fantasiosi voli pindarici, pur di darsi una qualsiasi credibilità


Allora mettiamo i puntini.... :risata: :risata: TUTTI I TESTI E LE SCRITTURE E I VANGELI CHE CI SONO ARRIVATI,ERANO CONSIDERATI SACRI DAI VARI GRUPPI DI PRIMI CRISTIANI....in epoche diverse.
Chiaro arwen se no perché furono scritti per dare nero alle pagine bianche ? Che poi per dire la verità furono scritti su pelle animale essiccata e papiri.. :risata:

Che poi la chiesa latina e ortodossa non riconosca certi vangeli non è che significa molto per chi crede che nessuna religione ATTUALE abbia la verità assoluta o sia stata approvata da D-o..... :spieg:

Guarda, Ray è una splendida persona, può credere in ciò che vuole, ma non può pretendere che, in un discorso basato su cosa la CC dica sulla resurrezione, possa usare il vangelo di Tommaso.


Grazie per lo splendido,anche se a Napoli significa tutt'altro..... :risata: :risata:

Anche tu sei una splendida persona ,e mica stiamo dicendo questo,queste sono solo idee, pensieri,personali accompagnate da concetti espressi da qualche studioso del cristianesimo del NT, purtroppo nessuno può essere sicuro di chi abbia ragione..... :boh:

Sulla resurrezione è vero il vangelo di Tommaso dice pochissimo quasi nulla essendo un vangelo gnostico...come dice Bart.H. Gesù nel V.T. viene dipinto non come un buon maestro ma come un rivelatore divino portatore della conoscenza per la salvezza sia agli uomini che alle donne...Gesù è il tutto presentein ogni cosa che permea il mondo...guida lo spirito fuori dalle tenebre per farlo ritornare in cielo,acquisendola consapevolezza necessaria alla salvezza.....
Comunque anche gli altri apocrifi non sono male..... :ironico:

Perché per la CC non è Ray che decreta ciò che è canonico o meno. Forse, come diceva Franco, può decretare cos'è " cannonico" !. Quello glielo concedo !.
Se la domanda fosse: " ognuno di voi, personalmente, leggendo questi versetti, cosa ci capisce ?", la sua risposta andrebbe anche bene.

Ma qui si parla di cosa dica in merito a quei versetti la Chiesa Cattolica

Perché per la.... :boh: :boh:

.....di cosa dica in merito a quei versetti la CC .....è vero ,ma io non conoscendo cosa dice la chiesa cattolica ho inserito un modesto contributo di come la pensavano alcune correnti del cristianesimo primitivo..
...mi scuso per l'OT. :stella:
Ray

Le falsificazioni e le varianti involontarie si accumulano man mano che un testo è ricopiato attraverso i secoli. Ogni scriba riproduce gli errori degli scribi precedenti e ne aggiunge di propri. Non possediamo alcun originale dei libri del nuovo testamento, ma neppure copie eseguite direttamente sugli originali, né copie di copie...Bart D. Ehrman
Genesi
Avatar utente
Ray
Utente Platinium
 
Messaggi: 11576
Iscritto il: 04/01/2012, 19:27
Località: "città nuova"

Prossimo

Torna a Argomenti dottrinali

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

Crisi di coscienza

Crisi di coscienza. Fedeltà a Dio o alla propria religione?
Parole franche di un testimone di Geova

Il libro biografia di un ex-membro del corpo direttivo tradotto in tutto il mondo che svela i segreti interni del gruppo. Ordinalo subito!
Sostienici