Infotdgeova - LiberaMente - Il Forum


Lo scopo di questo forum è quello di analizzare in chiave critica la dottrina e l'organizzazione dei Testimoni di Geova

Qual è il vantaggio?

In questo spazio si discute di argomenti di vario genere relativi ai Testimoni di Geova e che non sono inclusi nelle altre sezioni

Moderatore: Cogitabonda

Qual è il vantaggio?

Messaggiodi Antonyos » 26/12/2020, 21:49

Poche ore fa sono venuto a sapere della morte di un tdg del mio paese, col quale avevamo stretto un bel rapporto, a prescindere dai tdg, era una persona come poche, sincera e spontanea, più di molti in generale, mi ha aiutato a crescere proprio come persona e ragazzo, entrambi venivamo "da fuori" e quindi avevamo una bella amicizia. Ora riflettevo su alcune cose, qual è il vantaggio di darsi da fare ben oltre ciò che possiamo, qual è il vantaggio di soffrire ostracizzando parenti e figli per chi vive questa situazione, qual è il vantaggio di spendersi e spendersi e fare rinunce di semplici hobby sport passioni, rispetto a chi non lo fa, ed entrambi allo stesso modo terminano la loro esistenza? (Parlo dal loro punto di vista prendendo per buono le dottrine) quale sarebbe il vantaggio di un tdg descritto sopra, rispetto mio nonno che non lo è mai stato ma fumava e bestemmiava male male ed ha fatto la sua vita, ed entrambi sono sotto la terra, se saranno entrambi risuscitati? Quale sarebbe questo vantaggio di essere tdg o meglio essere stati tdg negli anni scorsi dove si gridava alla fine ma non è arrivata? Sarebbe un discorso più utile ai fini di chi è vissuto gli anni passati è vero, ma applicabile anche nei prossimi anni.
Antonyos
Nuovo Utente
 
Messaggi: 98
Iscritto il: 15/05/2019, 13:57

Messaggiodi deliverance1979 » 26/12/2020, 23:30

Antonyos ha scritto:Poche ore fa sono venuto a sapere della morte di un tdg del mio paese, col quale avevamo stretto un bel rapporto, a prescindere dai tdg, era una persona come poche, sincera e spontanea, più di molti in generale, mi ha aiutato a crescere proprio come persona e ragazzo, entrambi venivamo "da fuori" e quindi avevamo una bella amicizia. Ora riflettevo su alcune cose, qual è il vantaggio di darsi da fare ben oltre ciò che possiamo, qual è il vantaggio di soffrire ostracizzando parenti e figli per chi vive questa situazione, qual è il vantaggio di spendersi e spendersi e fare rinunce di semplici hobby sport passioni, rispetto a chi non lo fa, ed entrambi allo stesso modo terminano la loro esistenza? (Parlo dal loro punto di vista prendendo per buono le dottrine) quale sarebbe il vantaggio di un tdg descritto sopra, rispetto mio nonno che non lo è mai stato ma fumava e bestemmiava male male ed ha fatto la sua vita, ed entrambi sono sotto la terra, se saranno entrambi risuscitati? Quale sarebbe questo vantaggio di essere tdg o meglio essere stati tdg negli anni scorsi dove si gridava alla fine ma non è arrivata? Sarebbe un discorso più utile ai fini di chi è vissuto gli anni passati è vero, ma applicabile anche nei prossimi anni.


Vedi Antony, 12 anni fa, feci la stessa identica osservazione ad un sorvegliante viaggiante.
Era da uno o due anni che non frequentavo più i TDG, ma non mi ero ancora disassociato.

Al che gli dissi.

Io avevo due nonni, uno TDG e l'altro non.
Uno è morto a 76 anni (il TDG), l'altro a 94 anni.
Il TDG ha fatto una vita più severa, semplice, ligia al dovere ed alle regole.
L'altro molto più libertino.

Ora, entrambi sono morti, ed entrambi dovrebbero essere risorti, visto che il salario che il peccato paga è la morte.
Quindi diciamo che con Dio, morendo, hanno pareggiato i conti entrambi (al netto di ulteriori revisited partoriti dal Corpo Direttivo).

Al che gli feci.... Mi spieghi che differenza fa se uno ha vissuto gli ultimi decenni della sia vita da TDG, mentre l'altro no?
Concretamente però...

Breve pausa riflessiva del Sorvegliante...

Risposta: "Per come l'hai messa tu niente...." :fronte: :fronte: :fronte:

Quale è la vera morale di questa mia osservazione.

Questa religione basa il suo successo sull'illusione e nel contempo la paura della fine del mondo imminente.
Siccome il Corpo Direttivo ha dato una data di scadenza a questo mondo, dicendo che dal 1914 sono iniziati gli ultimi giorni, la dirigenza geovista deve far credere ai TDG che la fine del mondo potrebbe essere domani.

Certo, prima deve esserci il famoso "Grido di Pace e Sicurezza", che innescherà la "Grande Tribolazione", ma già, quello sarà un evento voluto e scatenato da Geova, sarà l'inizio della VERA fine, il primo intervento divino negli affari umani.

Ora, questo continuo vivere sul "chi va là", è un continuo scorrere del tempo pensando che il momento che si sta vivendo sia l'ultimo.

E tale sensazione si ripete ciclicamente mese dopo mese, anno dopo anno, decennio dopo decennio...

I TDG sono cosi vittime di loro stessi, di una specie di "superstizione temporale da fine del mondo imminente"...

Per la serie: "Ma se abbandoniamo o lasciamo ora e poi viene Harmaghedon?"

Quel "Se poi viene Harmagheddon", è stato ripetuto molte volte in 150 anni di storia dei TDG, da che pastor Russel, nel lontano 1876, pensava che la fine sarebbe venuta entro il 1914.

Ognuna delle 5 generazioni di TDG che si alternarono da Russel ai giorni nostri pensava che la loro generazione era quella giusta.
Se consideriamo che ogni 25 anni cambia una generazione, e se consideriamo che ogni generazione ha una vita media di 80 anni, per quanto riguarda i TDG abbiamo quanto segue...

Prima generazione di TDG quella di Russel, periodo 1850 - 1930... :saggio:

Seconda generazione di TDG, successiva a quella di Russell, ovvero quella di Rhuterford, periodo 1875- 1955... :saggio: :boh:

Terza generazione di TDG, quella di Knorr e F. W. Franz, periodo 1900 - 1980... :boh: :help:

Quarta generazione di TDG, quella di Don Alden Adams, periodo 1925-2005, nata addirittura 11 anni dopo il 1914, e per la cui longevità avrebbe dovuto ricordare la fine di questo mondo nel XX secolo, ma niente da fare neanche per loro... :help: :mirror: :ciuccio:

Quinta generazione inoltrata di TDG, quelli del periodo 1950 - 2030... :mirror: :mirror: :mirror: :mirror: :ciuccio: :ciuccio: :ciuccio: :ciuccio: :fronte: :fronte: :fronte: :fronte:

Capisci si.... cinque generazioni che si sono avvicendate, ognuna delle quali afflitta dalla superstizione "E se abbandoniamo ora e poi viene Harmagheddon?...." :ciuccio: :ciuccio: :ciuccio:
« Senza aver visto la Cappella Sistina non è possibile formare un'idea apprezzabile di cosa un uomo solo sia in grado di ottenere. »
Johann Wolfgang von Goethe

Presentazione
Avatar utente
deliverance1979
Utente Gold
 
Messaggi: 6661
Iscritto il: 20/12/2009, 17:36

Non solo....quale sarebbe il vantaggio attuale di essere TDG?

Messaggiodi deliverance1979 » 27/12/2020, 11:32

Ma possiamo ampliare il discorso anche in questo periodo pre fine del mondo, che va dal 1914 in poi.

Tutto lo stile di vita teocratico dei TDG è vissuto da loro sotto "imposizione" della WTS in vista di farli separare "culturalmente" parlando dal mondo di Satana e prepararli come nuovi cittadini per il nuovo mondo di Geova...
Bene, cioè male...

Riflettiamo un mini secondo su questo concetto.

Perchè si fa tutto questo?
Perchè i TDG fanno tutto questo?

Per la relazione con Geova? :ironico: :risata:
Per la spiritualità personale? :ironico: :risata:

Che buffonate.
Dai, cioè, queste sono vaccate utili a spostare l'attenzione dei TDG da un qualcosa di tangibile che doveva venire e non è venuto, ad un qualcosa di astratto e ridicolo, non quantificabile, ne misurabile

La stragrande maggioranza dei TDG lo fa per il solo semplice fatto che nella loro mente è entrato l'autoconvincimento che dal 1914 in poi sono iniziati gli ultimi giorni e che presto verrà la fine, ovvero Harmagheddon, e se vuoi sopravvivere, quello che ti viene detto dal Corpo Direttivo è quanto bisogna fare..... o male che vada, qualora dovessero morire prima, verranno risorti nel nuovo mondo...

L'unico vero scopo è questo, investire su questa religione, in vista del futuro (imminente dicono poi i vertici dei TDG)...di una ricompensa reale, tangibile e quantificabile (il nuovo mondo di Geova), che però, fino a che non viene, sta solo nella loro testa....

Ma andiamo a tagliare con l'accetta, ancora di più questo argomento.

Facciamo finta che la fine del mondo sia una vaccata....(non è che ci sia poi da fare molto finta.... visti i precedenti 106 anni di false promesse ed aspettative create dal Corpo Direttivo per intortare le persone e farle diventare TDG...)

Quindi, diciamo che non viviamo negli ultimi giorni e che il 1914 è una normalissima data (se non per lo scoppio della prima guerra mondiale) senza una seconda interpretazione escatologica.
Che la Grande Tribolazione non verrà e neanche Harmagheddon dopo di essa.
Che non verrà quindi il Nuovo Mondo di Geova......

Ora, tolte queste cose concrete, la famosa "ciccia" dell'arrosto millenaristico proposto loro dal Corpo Direttivo, ai TDG, concretamente che cosa rimarrebbe?

Rimarrebbe solo il fumo, ovvero gli auto convincimenti astratti ed intangibili.

Quindi che i 144.000 sono chiamati ogni anno dallo Spirito Santo di Geova....salto di fantasia... non esiste nessun membro di questo fantomatico gruppo di prescelti narrato dalla bibbia, se non nella loro testa...:mirror: :mirror: :mirror:

Che il loro stile di vita pieno di rinunce e di diversità rispetto alle normali persone del mondo è la migliore scelta da fare nella propria vita....? :mirror: :mirror: :mirror:
Altro fatto di fantasia, visto che i TDG non vivono di più e/o meglio rispetto ai loro normali vicini di casa o colleghi di lavoro....
O che la loro presunta moralità offra dei vantaggi tangibili rispetto alle "normali e brave persone del mondo" che però non amano Geova... :ciuccio: :ciuccio: :ciuccio:

Che le loro ore di predicazione a vuoto (visto che tanto la fine non viene), sono utili ne più ne meno come tutti gli altri hobby o impegni sociali fatti dalle persone del mondo (forse meno che più) quali prestare servizio di volontariato in enti benefici, praticare sporti sport, suonare uno strumento, dipingere, camminare al parco e via dicendo...
Quindi, anche in questo caso, cosa rappresenterebbe questo ossessivo percorrere in lungo e largo (da 106 anni, quindi a intere generazioni morte di vecchiaia) il pianeta terra per portare un messaggio che sarebbe utile a cosa (se la fine non viene)? :mirror: :mirror: :mirror:

Che l'amore di Geova, a sto punto, cosa darebbe ai TDG più che a tutti gli altri?
Se Harmagheddon ed il nuovo mondo non vengono, cosa cambierebbe se Geova li ama o meno? Niente anche qui... nessun vantaggio rispetto a quelli del mondo..... :mirror: :mirror: :mirror:

Che loro, i TDG, grazie al Corpo Direttivo hanno la famosa "verità spirituale" ed hanno capito la bibbia ed il proposito di Geova, mentre il resto del mondo vive in fitte tenebre spirituali :ironico: :risata: ....allora c'è da chiedersi....
Ma se la fine di questo mondo non viene, la realizzazione pratica, materiale e tangibile di tutto questo non c'è, quindi che cosa rimane al povero TDG di turno....rispetto al suo parente, vicino, collega o altro abitante del pianeta terra che invece a sua detta vive nelle tenebre spirituali? :boh: :boh: :boh:

Una serie di regole e regolette castranti (rafforzate tutte da scritture scelte ad hoc dal Corpo Direttivo), utili solo ad ingabbiare l'individuo.
Come anche una serie di regole e virtù morali che però hanno anche centinaia o migliaia di altri movimenti religiosi, politici, filosofici che sono qui su questo mondo da secoli.

Anzi, a dirla tutta, è proprio il sistema sociale geovista, volto a far separare il TDG medio dalle attività del mondo, che con il passare degli anni lo limiteranno sempre di più nelle opportunità che potrebbe avere nella vita, vivendo quindi sempre un'esistenza di seria B o serie C piena di rinunce, in vista di un qualcosa che non si avvererà.

Ma se un TDG vive e sopporta tutto questo lo fa solo per mezzo del suo auto convincimento, misto anche ad orgoglio e vergogna (di non ammettere di aver puntato su un cavallo sbagliato, ovvero il Corpo Direttivo).
Quindi che cosa cambia rispetto ad una qualsiasi altra persona che è convinta di quanto crede? (feci anche questa osservazione al sorvegliante di turno...ovvero il metro di misura di auto convincimento tra un TDG ed una qualsiasi altra persona che crede alla sua visione di vita....anche lì, nessuna risposta)

Che se ripeterà un dato rituale mille volte accadrà un qualcosa di positivo per lui? (come andare alle adunanze o in servizio per il TDG)
O che dopo morto andrà in un'altra dimensione o ritornerà in vita solo se nella sua esistenza si è comportato in una determinata maniera? (come la risurrezione o il nuovo mondo per un TDG).
O che per la sua fede e disposto a morire, anche facendosi saltare in aria? (come il non accettare le trasfusioni o il non fare compromesso di fede per un TDG)

Quindi, alla fine della fiera, tolta la speranza del Nuovo Mondo (che è atteso invano da almeno 5 generazioni di TDG dal lontano 1876), cosa rimane di concreto, di misurabile e di oggettivo che dimostri concretamente come il suo credo, la sua visione millenaristica, ed il suo stile di vita sia al di la di ogni ragionevole dubbio superiore o migliore del resto del mondo?
« Senza aver visto la Cappella Sistina non è possibile formare un'idea apprezzabile di cosa un uomo solo sia in grado di ottenere. »
Johann Wolfgang von Goethe

Presentazione
Avatar utente
deliverance1979
Utente Gold
 
Messaggi: 6661
Iscritto il: 20/12/2009, 17:36

Messaggiodi Antonyos » 27/12/2020, 12:32

Pienamente d'accordo. Tutto quello avrebbe senso se la fine arrivasse/fosse arrivata entro una/due generazioni, ma tutti quelli che sessanta anni fa sono morti per l'intendimento errato all'epoca sul trapianto di organi che vantaggio hanno rispetto ai milioni di persone del mondo già morte che hanno fatto la loro vita ? Nessuno. In fin dei conti ciò che ho imparato anche dall'esperienza nei tdg è che ci sono brave e sane persone ovunque in qualunque religione, anche tra chi non crede, e che come hai detto tu, tolta la fine non rimane nulla, nessuna fantomatica relazione con Geova nessuna persona migliore. Mi spiace però che essendo dissociatomi non ho avuto l'opportunità di prendere più un caffè con questo caro tdg, ecco questo mi dà ai nervi.
Antonyos
Nuovo Utente
 
Messaggi: 98
Iscritto il: 15/05/2019, 13:57

Messaggiodi Sandro » 27/12/2020, 13:57

Sandro
Veterano del Forum
 
Messaggi: 1256
Iscritto il: 30/06/2019, 12:55

Messaggiodi Jeff » 27/12/2020, 14:09

Quando un amico se ne va ci lascia sempre un vuoto e, come nel tuo caso Antonyos, queste sono occasioni in cui possiamo riflettere sul senso della vita.
Il vantaggio di essere Testimoni di Geova? La prima risposta che mi viene in mente è la speranza. Ma è una risposta scontata perché tutte le religioni ti offrono la speranza .Anzi è la ragione stessa dell'esistenza delle religioni.
Ti parla uno che ci è stato dentro dall'età di 12 anni fino a 48 : essere Testimoni di Geova non è brutto, non devi fare sacrifici disumani per praticare la religione, hai anche delle soddisfazioni ,è vero che è una vita un po' impegnativa ma ti ci abitui. Non sei solo, fai parte di una comunità molto unita, loro lo chiamano gregge io preferisco chiamarlo branco. Se gli altri nonostante mille difficoltà e contraddizioni vanno avanti, vai avanti anche tu. È una vita e ne abbiamo già parlato in altri contesti che ha dei lati positivi che equilibrano un po' i lati negativi.
Non si può avere tutto nella vita: devi scegliere cosa vuoi. Loro ti presentano questo pacchetto, nessuno ti obbliga ad accettarlo ,prendere o lasciare sta a te la scelta. :sorriso:
Avatar utente
Jeff
Utente Junior
 
Messaggi: 450
Iscritto il: 24/04/2018, 7:42

Messaggiodi deliverance1979 » 27/12/2020, 15:28

Jeff ha scritto:essere Testimoni di Geova non è brutto, non devi fare sacrifici disumani per praticare la religione, hai anche delle soddisfazioni ,


caro Jeff, io personalmente devo ancora capire il lato positivo di questa religione... :boh: :boh: :boh:

Per parafrasare le frasi del "cattivo capitano Rhodes" nel film "Il giorno degli Zombi": Non stò in questa caverna per divertirmi, ma perchè me lo hanno ordinato!!! (tanto per rimanere in tema di film poco spirituali sconsigliati. :ironico: )

Ecco, io non sono diventato TDG perchè ero naif e non sapevo come riempire la mia vita piena di dubbi ed insicurezze nel mondo di Satana (che non mi dava le risposte che cercavo o che volessi sentirmi dire da qualcuno), ma perchè i miei genitori TDG me lo hanno imposto...attraverso "l'amorevole educazione teocratica..." :ciuccio:

1 - Se ci nasci, tale fede ti viene imposta, come per tutte le altre religioni, l'unica differenza è se fai parte di una religione oscurantista o più secolarizzata, ed i TDG non sono secolarizzati.

2 - E' vero che non devi fare sacrifici umani, ma sacrifichi la tua vita, le tue aspirazioni le tue ambizioni. E' una totale mortificazione delle proprie passioni, sacrificate appunto sull'altare di cosa... delle fanta vaccate astratte imposte dagli altri (famiglia in primis). C'erto, c'è sempre peggio dei TDG (come sempre, quando si entra nel campo dei paragoni, per alzare il voto ci si paragona poi a dello schifo peggiore).... ma è anche vero che c'è molto di meglio... :ok:

3 - Non ho mai trovato vera soddisfazione in nulla in questa religione. E' l'essenza stessa di questa religione a non essere una gioia. E' sempre una corsa contro corrente rispetto a quelli che non sono TDG e quindi a quelli del mondo. Me lo facevo piacere in vista della fine del mondo, l'unica vera motivazione per cui aveva senso sottostare e fare le molteplici buffonate imposte dal Corpo Direttivo, e basate su fanta vaccate astratte, mediocri e ridicole.

Ora, cosa c'è di più buono nel far parte dei TDG, rispetto ad altri gruppi religiosi, atei, agnostici o culturali?

Per me, che sono una mente curiosa e creativa, questo culto e la sua cultura rappresenta veramente la m...a totale.... la mortificazione della persona.
Un continuo stillicidio di no, di rinunce, di attenzioni a questo o quello, di comandi a non fare o fare questo o quello, di rimbrotti su come comportarsi o non comportarsi, di sensi di colpa basati sulla "moralità" teocratica.

E per cosa poi.
Per non fare attività lecite, legali ed innocque, ma considerate sconvenienti o sconsigliate dal Corpo Direttivo e dalla Congregazione? :fronte: :fronte: :fronte:

Purtroppo il mio giudizio su tale religione e sulla sua cultura, è appunto m...a...
Con questo non dico che i TDG siano cattive persone.
Sono dei poveracci ancorati all'illusione di una cosa che non verrà mai.....Il nuovo mondo di Geova.
e per via di tale illusione, fanno e si comportano in maniera oscurantista e grottesca.
E tutto questo grazie al loro Corpo Direttivo che li convince di tutto ciò attraverso allucinanti viaggi storico-fanta biblici che li convince di come dal 1914 siamo negli "Ultimi Giorni di questo mondo"....

L'unica cosa che mi motivava in anni e decenni di diversità, di sacrifici e di rinunce, era in funzione dell'auto convincimento (indotto dalla frequentazione alle adunanze e dall'educazione geovista), che presto sarebbe venuta la fine di questo mondo, e che per sopravvivere all'apocalisse biblica, ci si doveva adeguare all'educazione teocratica.
Ma senza una fine del mondo, non ha veramente alcun senso (come già ho ampiamente spiegato in precedenza), sottostare alle ridicole regole e regolette dei TDG che vorrebbero impostare la vita dell'individuo secondo i loro standard.

Senza Harmagheddon ed il nuovo mondo non hanno senso (nell'ordine....come direbbe Fantozzi):

1 - Andare in servizio (predicazione) e andare alle adunanze.
2 - Comportarsi secondo la "morale" teocratica che ti sconsiglia e vieta moltissime cose lecite.
3 - Limitarsi o vietarsi passioni, ambizioni ed inclinazioni lecite che compiono milioni di persone del mondo, senza che tale condotta infici sulla loro qualità di vita rispetto ad un TDG osservante.
4 - Imporsi di frequentare solo la comunità geovista pensando che in questa ci si troverà chissà quali "fiori" di persone... la comunità e le compagnie da scegliere le si fa in funzione di una propria visione di vita, di esperienze personali, e non perchè qualcuno (il Corpo Direttivo), ti dice che frequentare altri TDG (mediocri tra l'altro) è la cosa migliore da fare.

Ora, se a qualcuno per i suoi gusti personali, il proprio carattere o la propria personalità va bene tutto questo, sono contento per lui.... sperando però che questa sia una sua scelta, e non un'imposizione fatta per lui dalla sua famiglia, per la quale si è rassegnato a vivere....

Ma per me è stata sempre una sofferenza, confermata anche dal fatto che come diceva San Paolo e Cristo, la vita del cristiano era una maratona, o una porta stretta... non la fiera dei mediocri a cui adattarsi.
Per me, nel corso della mia vita lo è stato sotto molti punti di vista, perchè purtroppo ho sacrificato (o forse, per meglio dire sono stato costretto a sacrificare) molte mie passioni per tale religione.
Sicuramente per altri TDG per la loro indole o carattere sarà stato più facile.... sono contento per loro.... auguro loro una lunga permanenza in tale culto.
Ma per me è stata dura, 20 anni di tempo sprecato, e una spensieratezza sacrificata per il nulla cosmico.

E poi, diciamoci la verità, quanti TDG scimmiottano il mondo, ovvero cercano di vivere in maniera "smozzicata" e clandestina le proprie passioni che la WTS ed il suo Corpo Direttivo vietano e sconsigliano per i famosi motivi teocratici.
E' questa la vera vita?

La risposta sarebbe SI, se la famosa fine di questo mondo fosse arrivata a tempo debito.
Come dire, fai una dieta la fai per perdere peso, ti alleni duramente per vincere una gara, lavori sodo per uno stipendio.

Ma qui?
Qui, nel fantastico mondo teocratico delle fanta vaccate, che cosa è andato storto?

E' stato chiesto a milioni di persone di anteporre le proprie convinzioni politiche o personali.....per la famosa "verità o interpretazione della bibbia dei TDG da parte del Corpo Direttivo"

di sacrificare passioni ed ambizioni lecite per il mondo ma sconsigliate o vietate dalla teocrazia....."sempre per amore di Geova, e della verità della bibbia dei TDG da parte del Corpo Direttivo"

di sacrificare la vita (trasfusioni o compromessi di integrità) per questa religione..... "sempre per amore di Geova e della verità della bibbia dei TDG da parte del Corpo Direttivo"

di sacrificare amori (letterali con persone) nel mondo....."sempre per amore di Geova e della verità della bibbia dei TDG da parte del Corpo Direttivo"

di sacrificare le ambizioni e le passioni dei propri figli educandoli a loro volta come ottimi "sudditi" della teocratica organizzazione di Geova qui sulla terra...

di sacrificare tempo, energie e risorse per il bene della teocrazia, al fine di predicare ed espandere l'opera di questa religione...

E tutto questo per cosa?

In funzione di una fine del mondo che non è mai arrivata...(anche se adesso i geni del Corpo Direttivo la buttano sull'intangibile amore per Geova o relazione personale con Geova.... roba da psicanalisi folle, l'amichetto immaginario.... :ciuccio: :mirror: :fronte: )

Ora, cosa ci sarebbe di "bello e positivo" in tutto questo stile di vita preconfezionato dalla WTS e dal suo Corpo Direttivo? :boh: :boh: :boh:

Jeff ha scritto:Non si può avere tutto nella vita: devi scegliere cosa vuoi. Loro ti presentano questo pacchetto, nessuno ti obbliga ad accettarlo ,prendere o lasciare sta a te la scelta. :sorriso:


Caro Jeff, se ci nasci non hai nessun pacchetto da scegliere, non è una scelta, ma un obbligo fino alla "maggiore età", o forse oltre, fino "all'indipendenza economica".... ma, gli anni dell'educazione formativa e della personalità te li sei giocati, sei stato indottrinato nell'educazione teocratica geovista, con tutte le diversità, rinunce e treni persi imposti per te dalla tua famiglia che pensava come l'aderire a questa buffonata fosse "la migliore scelta da fare nella vita..." :ciuccio: :ciuccio: :ciuccio: per loro però, non per te... :fronte: :fronte: :fronte:
« Senza aver visto la Cappella Sistina non è possibile formare un'idea apprezzabile di cosa un uomo solo sia in grado di ottenere. »
Johann Wolfgang von Goethe

Presentazione
Avatar utente
deliverance1979
Utente Gold
 
Messaggi: 6661
Iscritto il: 20/12/2009, 17:36

Messaggiodi Jeff » 27/12/2020, 17:17

Il lato o lati positivi quali sono? Ogni persona trova i propri . Un esempio? Loro non fumano . Se vieni invitato a cena sei sicuro che non respirerai quella puzza tossica e anche i tuoi vestiti non puzzeranno. Mia figlia maggiorenne che è TdG non frequenta più le adunanze: è inattiva da minimo un anno. Le poche amicizie TdG l'hanno abbandonata. Ora frequenta un'amica che fuma. Quando torna a casa naturalmente i suoi vestiti puzzano. Pazienza li fa arieggiare sul balcone e amen...
Avatar utente
Jeff
Utente Junior
 
Messaggi: 450
Iscritto il: 24/04/2018, 7:42

Messaggiodi deliverance1979 » 27/12/2020, 18:43

Jeff ha scritto:Il lato o lati positivi quali sono? Ogni persona trova i propri . Un esempio? Loro non fumano .


Caro Jeff, io quando uscivo con i miei amichetti del mondo "considerati cattive compagnie", non fumava nessuno.
Poi nel corso degli anni si aggiunse qualcuno che invece fumava, ma la maggior parte no.

Per la serie, ci sono persone "salutiste" anche nel mondo, o comunque molto simili a certi "elevati" standard teocratici vantati dai TDG.

Poi come per tutte le cose, se vai a sceglierti le amicizie tra le famiglie sfasciate e borderline della società o in ambienti poco raccomandabili, prendi quello che trovi.
Se ti scegli compagnie del mondo che hanno invece un'educazione media, quella famosa del "buon padre di famiglia", allora troverai anche ragazzi e ragazze che non fumano, non si drogano, non rubano, hanno passioni ed hobby da trasmettere e via dicendo.

Poi c'è anche un altro aspetto da considerare, ovvero il fatto che gli adolescenti sono portati a mettersi in qualche pasticcio a causa di provare e sperimentare esperienze di vita.
Poi la stragrande maggioranza di loro cresce, matura e diventano persone normali.

A tal proposito posso dirti dei miei compagni di classe delle superiori (ho fatto le professionali), quindi tutta gente proveniente dalla working class, niente a che vedere con chissà quale famiglia di alta caratura sociale...
Compagni che frequentavo a scuola ma che non frequentavo nel tempo libero, e non perchè io ero un TDG e loro no, ma semplicemente perchè non avevo niente in comune con loro, proprio come non avevo niente in comune molti miei coetanei TDG, che infatti non avevo voglia di frequentare.

Avevo altre compagnie del mondo... con cui invece avevo molto in comune... ma questa è un'altra storia.

Comunque, questi miei compagni di classe, facevano la tipica vita "di mondo".... di un diciottenne/ventenne di fine XX secolo....
Discoteche, sesso con le ragazze o con diverse ragazze (quando capitava), fumavano le sigarette e qualche canna (ma non tutti), avevano motorini e moto modificati, facevano sport agonistico e qualche volta alzavano le mani o nelle partite di calcio o in discoteca, vestiti in maniera a volte trasgressiva.

Roba da ragazzi adolescenti per capirsi....

Ma questi atteggiamenti da ragazzi normali per il mondo, erano tutti comportamenti altamente censurati e vietati dalla WTS....roba da comitati giudiziari e disassociazioni se lo avessero fatto dei TDG (cosa che in qualche misura accadde...)

Eppure, questi miei compagni di classe dovevano essere morti a cataste o essere andati in prigione...o chissà cosa, stando alle onnipresenti esperienze citate dal Corpo Direttivo nelle proprie riviste...

Eppure, sono cresciuti, hanno poi messo la testa a posto (visto che l'ardore giovanile lascia spazio alla maturità dell'età adulta), qualcuno di loro ha famiglia e sono persone tranquille con i problemi della vita che affrontano tutti, nessuno escluso.

Ma questo loro sviluppo storico, non è andato bene è perchè è avvenuto chissà quale miracolo.
Ma semplicemente perchè molti di loro avevano comunque delle famiglie normali alle spalle che ha trasmesso loro dei valori di base.
E tutto questo senza avere la famosa "Verità dei TDG...."

Mentre invece, conosco anche di ragazzi TDG, nati in famiglie di TDG, repressi, che sfogavano la loro frustrazione in alcol, velocità con moto o auto, con conseguenze a volte catastrofiche.

Quindi, l'educazione teocratica, imposta ed obbligata, a che prezzo ottiene le stesse cose che invece nel mondo si ottengono comunque con altri metodi?

Che costo elevato paga chi nasce nei TDG in termini di autostima, passioni sacrificate, ambizioni castrate, treni persi, opportunità mancate e sensi di colpa?

Ne vale veramente la pena?
Onestamente parlando NO....

Io sono fermamente convinto che si diventa TDG (provenendo dal mondo) non perchè siano moralmente migliori di molte persone del mondo, o che la loro "presunta moralità teocratica" si dimostri meglio dell'educazione fatta da famiglie del mondo NORMALI.
Ma per l'illusione di aver trovato la famosa "verità" che permette la salvezza ad Harmagheddon e il biglietto di ingresso per il "Nuovo mondo di Geova"....

Mentre per chi ci nasce, la minestra è questa e punto.... non ci sono scelte.

Infatti, quando si pongono ai TDG dei confronti su questioni specifiche che mettono in paragone la loro presunta "morale o educazione teocratica", con il fatto che nel mondo non è che va tutto a scatafascio, e ci si deve spostare da un quartiere ad un altro con un mezzo blindato pieno di armi per quanto siano perversi e violenti quelli del mondo che sono parte del mondo di Satana, in tal caso i TDG per mancanza di argomentazioni reali ed oggettive che fanno?

La buttano sul fatto che la cosa più importante da fare è la "volontà di Geova", e che la condotta buona di molte persone del mondo è SI un requisito lodevole, ma non sufficiente per la salvezza, poichè NON FANNO la volontà di Geova... :ciuccio: :mirror: :fronte:
« Senza aver visto la Cappella Sistina non è possibile formare un'idea apprezzabile di cosa un uomo solo sia in grado di ottenere. »
Johann Wolfgang von Goethe

Presentazione
Avatar utente
deliverance1979
Utente Gold
 
Messaggi: 6661
Iscritto il: 20/12/2009, 17:36

Messaggiodi Antonyos » 27/12/2020, 21:36

Complimenti a deliverance per l'esposizione, posso confermare quanto detto, io stesso prima di unirmi ai tdg (ragazzo senza famiglia tdg, non oppositrice) avevo amici dei quali nessuno, nemmeno uno fumava ad esempio. E poi per dire io stesso che sono uscito dai tdg sono salutista, corsa palestra sana alimentazione ogni giorno, senza fumo o altro ma perché io sono così e voglio esserlo tdg mormone protestante cattolico che sia. Anzi tra i tdg ho visto gente correre con l'auto e rischiare incidenti e quindi la vita (hanno assunto quella fama tra l'altro) ragazzini viziati con il fondoschiena coperto. Sicuramente io stesso non butto nulla dell'esperienza, anzi ho conosciuto meglio il mondo e la gente, ed ho passato belle serate, indubbiamente c'erano anche ragazzi con i quali mi sono trovato bene, almeno da me.
Antonyos
Nuovo Utente
 
Messaggi: 98
Iscritto il: 15/05/2019, 13:57

Messaggiodi deliverance1979 » 27/12/2020, 23:20

Ma vedi Antonyos, io penso che tutti i TDG si trovino male in quella religione ed in quello stile di vita, anche se molti si.
Molti sono arresi e si sono arresi allo stile di vita imposto loro dalla propria famiglia.

La cosa che vedevo da TDG, era la vita surreale che eravamo costretti a vivere.
Stavamo nel mondo, ma ci dovevamo continuamente distinguere da esso.
Andavi a scuola, tutti facevano qualcosa e tu no, tu non potevi essere come loro.
E questo lo vedevano e lo capivano anche quelli del mondo, che anni dopo me lo dissero....

E quel continuo "non essere come loro", ovvero come quelli del mondo, abbraccia un vasto parco di passioni e di attività.
Per fare un esempio, non era come se uno frequentava un gruppo di ragazzi benestanti che facevano equitazione e tu, per essere come loro, volevi a tutti i costi il cavallo, ma siccome la tua famiglia non era benestante ti diceva..."bè figliolo, il cavallo no, ma prova il tennis, prova il calcio, prova il ciclismo..."

No, la vita del TDG di turno era un NO continuo su tutto senza scelte alternative che non fossero allineate con la mediocrità teocratico-spirituale della congregazione che ti dovevi far andare bene.
NO sugli sport, NO su molti giochi e divertimenti leciti, NO sulle feste del mondo, censure varie su ambizioni, passioni ed hobby...

E questi continui NO, non abbracciano una o due voci, ma decine e decine di attività lecite che molte persone fanno secondo la propria inclinazione, personalità o passione.
Ma il TDG di turno viene puntualmente scoraggiato, ostacolato e via dicendo, e senza valide alternative, se non appunto, i mediocri contentini di divertimento secondo la teocrazia... :ciuccio:

E tutto questo te lo facevi andare bene, perchè innanzi tutto non è che avevi altre alternative.
Secondariamente, "la fine di questo mondo era vicina"....

Ora, con tutti questi treni persi, con questa vita non vissuta in maniera spensierata, e con la fine del mondo che non è venuto, ti rigiro la domanda che tu hai fatto all'inizio: Quale è stato il vantaggio?
« Senza aver visto la Cappella Sistina non è possibile formare un'idea apprezzabile di cosa un uomo solo sia in grado di ottenere. »
Johann Wolfgang von Goethe

Presentazione
Avatar utente
deliverance1979
Utente Gold
 
Messaggi: 6661
Iscritto il: 20/12/2009, 17:36

Messaggiodi VictorVonDoom » 28/12/2020, 1:58

Jeff ha scritto:Il lato o lati positivi quali sono? Ogni persona trova i propri . Un esempio? Loro non fumano . Se vieni invitato a cena sei sicuro che non respirerai quella puzza tossica e anche i tuoi vestiti non puzzeranno.


Stica... un affarone!!! :risata:
Presentazione

"Nessuno dovrebbe sentirsi obbligato a seguire una forma di adorazione che considera inaccettabile o a scegliere fra le proprie credenze e la propria famiglia." (g 07/09 p.29)
Avatar utente
VictorVonDoom
Utente Master
 
Messaggi: 3550
Iscritto il: 14/05/2016, 20:25

Messaggiodi Mauro1971 » 28/12/2020, 8:09

ATTENZIONE: ALTA POSSIBILITA' DI CONTENUTI FORTEMENTE DISSACRANTI.


"Sradica le tue domande dal loro terreno, e ne vedrai penzolare le radici. Altre domande!" (F. Herbert)
"Io riconosco di essere un dilettante nella misura in cui io cerco ricavare diletto da tutto ciò che faccio" (Philo Vance)

Su di me
Avatar utente
Mauro1971
Utente Platinium
 
Messaggi: 10561
Iscritto il: 11/01/2011, 14:44

Messaggiodi Jeff » 28/12/2020, 13:29

Quella del fumo era una provocazione. Non era certo mia intenzione fare un resoconto dei vantaggi o svantaggi dell'essere Testimone di Geova e poi giungere alla conclusione che alla fine non è poi così male dedicare la propria vita alla Watch Tower. Se abbiamo passato molti anni nell'organizzazione c'era comunque qualcosa che ci ha tenuto dentro . Questo qualcosa può essere diverso per ogni individuo. Facciamo l'esempio delle amicizie. Io per carattere non ho mai avuto difficoltà a coltivare amicizie all'interno della congregazione. Nella massa ho sempre trovato delle persone con cui potevo confidarmi, trascorrere le vacanze, praticare sport. Sarei un bugiardo se affermassi che nella congregazione era solo e triste. Sarò stato più fortunato di altri ma io con i ragazzi della mia religione mi sono divertito. ho avuto anche delle delusioni d'accordo ma tutto fa parte della vita. Non puoi mica sprizzare gioia ogni secondo della tua esistenza. Che cosa voglio dire? Che chi è Testimone di Geova non ha nessuna intenzione di cambiare vita, gli piace così, è contento, non riesce a concepire per lui una vita migliore. Io stesso tempo fa per convincere un giovane che tentennava nella verità a meditare bene prima di lasciare l'organizzazione gli feci questo ragionamento :che cosa puoi fare nel mondo che nell'organizzazione non ti è concesso? Ballare? Praticare uno sport? Andare al cinema? Andare a mangiare una pizza? Certo non puoi fumare o drogarti o andare a donne...Per il resto tutto è concesso o quasi. Anche l'università non è preclusa. Puoi diventare avvocato ,ingegnere medico. Quindi stringi stringi dov'è tutta questa differenza ? La mia è una domanda retorica. Non scrivete romanzi per convincermi che la penso perfettamente come voi . :risata:
Avatar utente
Jeff
Utente Junior
 
Messaggi: 450
Iscritto il: 24/04/2018, 7:42

Messaggiodi Jeff » 28/12/2020, 13:32

VictorVonDoom ha scritto:
Jeff ha scritto:Il lato o lati positivi quali sono? Ogni persona trova i propri . Un esempio? Loro non fumano . Se vieni invitato a cena sei sicuro che non respirerai quella puzza tossica e anche i tuoi vestiti non puzzeranno.


Stica... un affarone!!! :risata:

Vuoi mettere minimo 10 anni in più di vita col bonus della vita eterna? :felice:
Avatar utente
Jeff
Utente Junior
 
Messaggi: 450
Iscritto il: 24/04/2018, 7:42

Messaggiodi VictorVonDoom » 28/12/2020, 14:22

Jeff ha scritto:che cosa puoi fare nel mondo che nell'organizzazione non ti è concesso? Ballare? Praticare uno sport? Andare al cinema? Andare a mangiare una pizza? Certo non puoi fumare o drogarti o andare a donne...Per il resto tutto è concesso o quasi. Anche l'università non è preclusa. Puoi diventare avvocato ,ingegnere medico. Quindi stringi stringi dov'è tutta questa differenza ? La mia è una domanda retorica. Non scrivete romanzi per convincermi che la penso perfettamente come voi . :risata:


Capisco quello che scrivi e se rispondo è in generale, non la prendere sul personale.

Vedi, il problema è già nella domanda: "cosa puoi fare che nell'organizzazione non ti è concesso". Già solo il fatto che uno si debba porre il problema nel fare o non fare una cosa, che non sia esclusivamente prima di tutto di non recare danno ad altri e, possibilmente, a se stesso, fa capire molto quale sia "tutta questa differenza".

Per poi andare nello specifico:

Ballare? Eh, vai poi a vedere quali siano i balli "appropriati" per un "cristiano", cioè quali siano i balli o i "principi" che, a cascata, le pubblicazioni, il sorvegliante, la congregazione, l'Anziano, il "fratello che inciampa" trovano appropriati. Un ballo lento, romantico, tete a tete :occhiol: ... ad una festa tra due ragazzi (che non siano sposati... forse fidanzati) è concesso?
Ma ballare dove poi? Alla festicciola tra sfigatelli TdG? Oppure discoteca o sale da ballo mischiandosi con le malvage "persone del mondo"?

Praticare uno sport? Eh, dipende cosa intendi. La partitella infrasettimanale tra frustrati o il pallone che rotola in libertà durante la scampagnata? Beh, ci mancherebbe pure. Ah, ovviamente che non diventi un'abitudine così serrata da ostacolare le continue adunanze, preparazioni varie, servizio di campo e tutte le infinite attività "spirituali". Quindi... anche qui... dipende di cosa stiamo parlando per non prenderci in giro. Se vuoi fare della carriera sportiva la tua, appunto, carriera... mi sembra che ne abbiamo parlato anche abbastanza e le pubblicazioni siano abbastanza chiare.

Andare al cinema? Eh, dipende da che film vuoi andare a vedere, giusto? Violenza, magia, horror... assolutamente "no no" (a meno che siano i video Watchtower di racconti biblici, li va bene, se è Geova a trucidare, violentare, spappolare, incenerire persone e fare magie, tutto concesso). Eppure le pubblicazioni e i video mostrano chiaramente come la condotta "esemplare" sarebbe addirittura andare via dalla proiezione se ti accorgi che il film non è "appropriato".

Andare a mangiare una pizza? Eh, dipende con chi. Che fa, ti metti a frequentare le cattive compagnie, cioè i compagni di scuola/colleghi di lavoro?

"Anche l'università non è preclusa?" Ragazzi, quando parliamo di cosa è "precluso" ad un TdG, di che stiamo parlando? Che non ti fucilano? O che non ti disassociano? Ma come ne parlano le pubblicazioni di questa, o altre, azioni, che anche se non sono "precluse" poi comportano tutta una serie di continue visite pastorali, essere considerato "non esemplare" e per questo non preso in considerazione per i famigerati "privilegi" in congregazioni, facendoti sentire quindi un emarginato, quando non addirittura emarginato davvero dagli altri virgulti della congregazione che aspirano a tali privilegi e non possono accompagnarsi con te per non condividere lo stesso "stigma"?

Quindi poi, sei REALMENTE TU che decidi di fare o non fare queste cose (e bada bene che mi sono limitato a descrivere azioni perfettamente lecite per chiunque) oppure E' QUALCUN ALTRO CHE DECIDE AL POSTO TUO? Sei tu a decidere cosa sia appropriato PER TE dalla vasta gamma di azioni a disposizione di un essere umano o la tua scelta è limitata ad un ventaglio (assai ristretto per la verità) di OPZIONI CHE QUALCUN ALTRO HA SCELTO PER TE (da usare comunque con moderazione e 1000 sensi di colpa se poi di riflesso non fai almeno il doppio per la congregazione)? Decidi liberamente o tante volte ti sottometti per non avere rotture di scatole ed essere emarginato dall'unica comunità che conosci e ti è concesso frequentare?

Eddai su... siamo seri.
Presentazione

"Nessuno dovrebbe sentirsi obbligato a seguire una forma di adorazione che considera inaccettabile o a scegliere fra le proprie credenze e la propria famiglia." (g 07/09 p.29)
Avatar utente
VictorVonDoom
Utente Master
 
Messaggi: 3550
Iscritto il: 14/05/2016, 20:25

Messaggiodi VictorVonDoom » 28/12/2020, 14:36

Rispondo anche alle seguenti:

Jeff ha scritto:Se abbiamo passato molti anni nell'organizzazione c'era comunque qualcosa che ci ha tenuto dentro .


Nel mio caso, e penso sia il caso di tutti quelli che ci nascono, semplicemente non solo non conoscevamo alternative, ma non era neanche facilmente praticabile l'esplorazione delle alternative. Quindi, o ti mangi questa minestra o ti butti dalla finestra.
Poi, sicuramente possediamo uno spiccato senso di adattamento e la nostra mente elabora una protezione fatta di razionalizzazioni e comfort zone... quindi si, potresti anche vivere serenamente. Ma tutto finchè non esci dai binari. Non devi mettere in discussione nulla, perchè se inizi appena appena a mostrare un tuo senso critico... allora li iniziano i dolori di parto.

La riprova del fatto che probabilmente non stavi li dentro così bene come ti eri illuso di essere è rispondere alla domanda: torneresti nell'organizzazione oggi stesso? Ora che sai e hai provato che si può vivere in modo diverso, senza il Corpo Direttivo che ti dice come allacciarti le scarpe, senza per questo finire per diventare uno stupratore, un drogato, un serial killer, un servo del Maligno, torneresti indietro? Se no... beh, allora qualcosa non torna in quella apparente serenità.

Jeff ha scritto:Nella massa ho sempre trovato delle persone con cui potevo confidarmi


Avresti potuto confidare a queste amicizie che non credevi più alle dottrine geoviste, al 1914, al Corpo Direttivo... ma restavi li dentro solo per non perdere i legami? E non parlo di una confidenza, cioè una frase buttata li magari in un momento di sbraco, ma proprio far sapere DAVVERO il tuo modo di pensare ad una di queste amicizie.
O c'era sempre il timore che qualcuno di questi si sentisse poi in dovere di riferire i tuoi dubbi agli anziani e li... vai con la Santa Inquisizione?
Presentazione

"Nessuno dovrebbe sentirsi obbligato a seguire una forma di adorazione che considera inaccettabile o a scegliere fra le proprie credenze e la propria famiglia." (g 07/09 p.29)
Avatar utente
VictorVonDoom
Utente Master
 
Messaggi: 3550
Iscritto il: 14/05/2016, 20:25

Messaggiodi deliverance1979 » 28/12/2020, 15:15

Victor ha riassunto bene il concetto di fondo.

Per chi nasce in questa religione, è tutto preconfezionato, preimpostato dalla WTS e dalla sua visione teocratica della vita quotidiana.

Di andare in servizio a farmi prendere per il c..o io non ne avevo alcuna voglia, ma tramite le imposizioni fatte dai miei genitori e dalla retorica geovista (attraverso i sensi di colpa su ciò che era giusto e ciò che era sbagliato), lo facevi.
La stessa cosa per i divertimenti, le passioni e via dicendo.

Quindi, personalmente parlando, dentro i TDG non ci stavo bene lo facevo per via dell'educazione ricevuta e della gabbia psicologica "La fine del mondo è vicina"....
Ma rotto questo incantesimo, i vaffanc... si sono sprecati.

L'essere diversi, il non fare questo o quello, il limitarsi su moltissime attività lecite non sono una parte spontanea del TDG, ma vengono imposte dal Corpo Direttivo per via della sua ideologia millenaristica di "purezza"...
Ideologia che però dopo 150 anni di tempo, si sta rivelando una m...a
Infatti la fine del mondo non è venuta, e 5 generazioni di TDG ormai scomparse, hanno allineato la loro vita a queste vaccate per che cosa?
Nulla...

Ma soprattutto noi che ci siamo nati e cresciuti, lo abbiamo fatto per che cosa?

La giustificazione del "tutto sommato si stava bene in congregazione..." è molto relativa.
E potrei dirti che SI, ma io preferivo di più fare altro (le attività del mondo che mi piacevano).

Solo che "l'altro" mi veniva puntualmente ostacolato, mentre la "congregazione" mi veniva imposta o comunque doveva essere la mia priorità.

Per me sono stati veramente anni di vita sprecati, semplicemente perchè ho vissuto un'esperienza che liberamente parlando, non mi sarei mai scelto di seguire... ed ho subito delle conseguenze per via di scelte "religiose" che altri hanno fatto per me.
E la fine del mondo non è venuta venuta... :ciuccio: :ciuccio: :ciuccio:

VictorVonDoom ha scritto:Ragazzi, quando parliamo di cosa è "precluso" ad un TdG, di che stiamo parlando? Che non ti fucilano? O che non ti disassociano? Ma come ne parlano le pubblicazioni di questa, o altre, azioni, che anche se non sono "precluse" poi comportano tutta una serie di continue visite pastorali, essere considerato "non esemplare" e per questo non preso in considerazione per i famigerati "privilegi" in congregazioni, facendoti sentire quindi un emarginato, quando non addirittura emarginato davvero dagli altri virgulti della congregazione che aspirano a tali privilegi e non possono accompagnarsi con te per non condividere lo stesso "stigma"?


Bè qui ci metto il carico io.
Quando si parla di cose precluse per un TDG significa che se questo è minorenne, tali cose gli saranno semplicemente VIETATE dalla propria famiglia, che farà di tutto per non fargliele fare.
No sport, no passioni lecite e no tutto quello che la WTS sconsiglia o che è considerato sconveniente per la "morale teocratica" della congregazione.

Quindi diciamo che fino ai 18 anni, sicuramente è cosi.
Poi, dopo i 18 anni, devi raggiungere l'indipendenza economica.

Cioè, qui si sta parlando di cose ultra lecite nel "mondo" che per un TDG sono puntualmente oggetto di dibattito e di conflitto con la propria famiglia.
Non è una bella vita da vivere.
Poi, possiamo raccontarci tutte le vaccate giustificative.
Ma se un ragazzo del mondo ha 100 cose lecite da scegliere e da praticare liberamente senza sensi di colpa o rotture di balle varie, il TDG ne ha si e no 10.
E tra queste 10 c'è sempre la raccomandazione del Corpo Direttivo di come tali cose devono sempre essere messe in second'ordine rispetto alle cose spirituali.

Cioè, il nato in una famiglia di TDG sta vivendo l'illusione religiosa dei propri genitori, con tutto quello che ne consegue.

Ahh, e in tutto il mio discorso, non ho mai citato altre tare culturali che potrebbero essere presenti nella famiglia, le quali ci sono anche nelle famiglie del mondo...(e per tare culturali non intendo dire genitori che non hanno le scuole superiori o titoli di studio accademici, ma mentalità grette, oscurantiste, limitate... puoi essere un cogl.... mentalmente limitato con la laurea appesa al muro, anche se si spera di no, ed un liberale illuminato con la terza media....)

Quindi, nel caso in cui queste tare fossero presenti anche in una famiglia di TDG, esse si sommerebbero alle limitazioni di default generate dalla famosa "verità" del Corpo Direttivo, che deve scandire la vita del TDG.
Una micidiale combo al ribasso...
E ci sono anche tali situazioni ancora più grottesche...
Ultima modifica di deliverance1979 il 28/12/2020, 15:26, modificato 1 volta in totale.
« Senza aver visto la Cappella Sistina non è possibile formare un'idea apprezzabile di cosa un uomo solo sia in grado di ottenere. »
Johann Wolfgang von Goethe

Presentazione
Avatar utente
deliverance1979
Utente Gold
 
Messaggi: 6661
Iscritto il: 20/12/2009, 17:36

Messaggiodi deliverance1979 » 28/12/2020, 15:20

VictorVonDoom ha scritto:Poi, sicuramente possediamo uno spiccato senso di adattamento e la nostra mente elabora una protezione fatta di razionalizzazioni e comfort zone... quindi si, potresti anche vivere serenamente. Ma tutto finchè non esci dai binari. Non devi mettere in discussione nulla, perchè se inizi appena appena a mostrare un tuo senso critico... allora li iniziano i dolori di parto.


Più che serenamente io la definirei una "rassegnata accettazione", che in molti casi, e per molti TDG, sfocia in una doppia vita.
Quindi, effettivamente queste situazioni, molto più normali di quanto si pensa, dimostrano proprio il lato oscuro di questa religione, e del fatto che tale fede, è stata per molti un obbligo e non una scelta.

Non solo, il fatto che la WTS del XXI secolo, nonostante dal 2020 abbia a disposizione quasi il doppio dei TDG (8,4 milioni di proclamatori) rispetto a quelli che c'erano nel lontano 1994 (4,7 milioni), e non riesca a mantenere in piedi tale baraccone, sta facendo venire a galla proprio questa loro enorme debolezza che si trascinano dall'interno.
Ovvero le milioni di conversioni forzate (figli di TDG) che sono tali non per scelta ma per obbligo, i quali non sentono propria questa religione semplicemente perchè gli è stata imposta dai propri genitori, e che vanno avanti per consuetudine e non per convinzione, sta mostrando i piedi d'argilla di questo "gigante teocratico".

E comunque, la fine del mondo, non è ancora venuta... :ironico:
« Senza aver visto la Cappella Sistina non è possibile formare un'idea apprezzabile di cosa un uomo solo sia in grado di ottenere. »
Johann Wolfgang von Goethe

Presentazione
Avatar utente
deliverance1979
Utente Gold
 
Messaggi: 6661
Iscritto il: 20/12/2009, 17:36

Messaggiodi Antonyos » 28/12/2020, 16:02

Beh ballare, studiare, dedicarsi ad uno sport, non te lo obbligano a non farlo però ti rompono le scatole con vari consigli biblici, principi, preclusione ad incarichi in congrega, aura di persona non esemplare o non abbastanza spirituale. Esempi: l'università è sempre stata demonizzata, ovviamente non ti dicono di non andarci categoricamente, ma sempre consigliato di non farla ed a volte ho sentito commenti pubblici assurdi da 70enni con mentalità retrograda che dicevano espressamente che non si doveva andare mentre i generi si ingrandivano con attività dentistiche rimunerative (altro che l'occhio semplice ma non voglio fare polemica, ognuno poi si costruisce la sua reputazione). Ballare? Come ha detto deliverance si va a vedere che tipo di ballo è, sensuale, di che origine, che movimenti. Le canzoni? Li ho visto e sentito le cose più sciocche della storia, gente che dice ha la famosa canzone asereje delle las ketchup, è contro Geova e satanica perché nel testo c'è la radice Ja, ma è un pensiero subliminale che si trova in rete ma che non trova riscontro. Io amavo e sono tornato ad amare metal ed heavy metal, potrei essere stato tdg ascoltando quella musica? No consiglietto di turno ed annessa ricerca sulla musica satanica e sui cantanti dalla vita discutibile. Mi piace il wrestling, spettacolo teatrale finto,ma spettacolare che mi piace, ancora, avrei potuto continuare a guardare in santa pace? No sport violentò non adatto ad un cristiano. Mi piace dragon ball, potevo continuare a guardare? No. Anzi una sera io e giovani tdg ci radunammo per vedere una puntata speciale di dragon ball super, non so se qualcuno lo conosce qui, e fin lì tutto ok. Pochi giorni dopo gli anziani ci chiamarono tutti singolarmente chiedendoci da chi fosse partita l'iniziativa, e mi dissero di fare una ricerca sul CD Rom della WT su dungeon e dragons, per vedere il punto di vista biblico e di come un divertimento del genere non è idoneo ad un tdg e che nel cartone c'era un demonietto, e sarebbe stato pericoloso per me, cioè parliamo di un cartone. Invece le figlie degli anziani che andavano a vedere i film Marvel lì tutto bene mah. Poi la cosa fini li, io diventai inattivo dopo un po', ed addirittura pensarono che me la fossi presa per il consiglio. Qualcuno fece la spia perché arrivò al loro orecchio diciamo anche queste cose dei volponi che stanno a vedere cosa fai e lo vanno a riferire. Tornerei oggi ? No categorico. Mi pento dell'esperienza? No nemmeno, perché ho imparato molto e forse dopo aver fatto il suo corso è terminata.
Sport? C'era un ragazzo che andava in palestra grande appassionato, mise su un bel fisico e veniva bollato come poco spirituale sminuendo la sua passione. Io ora sono iscritto ad una società di atletica e partecipo (covid a parte) a gare podistiche organizzate dal mondo malvagio con persone violente, avrei potuto farlo tranquillamente? No già mi sono piovute critiche.
Antonyos
Nuovo Utente
 
Messaggi: 98
Iscritto il: 15/05/2019, 13:57

Messaggiodi Mauro1971 » 28/12/2020, 16:59

Resto dell'idea che "Smoking with Swami" sia meglio di uno studio di libro. :risata: :risata: :risata: :risata: :risata: :risata:
ATTENZIONE: ALTA POSSIBILITA' DI CONTENUTI FORTEMENTE DISSACRANTI.


"Sradica le tue domande dal loro terreno, e ne vedrai penzolare le radici. Altre domande!" (F. Herbert)
"Io riconosco di essere un dilettante nella misura in cui io cerco ricavare diletto da tutto ciò che faccio" (Philo Vance)

Su di me
Avatar utente
Mauro1971
Utente Platinium
 
Messaggi: 10561
Iscritto il: 11/01/2011, 14:44

Messaggiodi deliverance1979 » 28/12/2020, 17:16

Antonyos, dragon ball super il cartone animato? :ironico:

E come mai ti hanno indirizzato a fare una ricerca sul mitico Dungeons & Dragons, che invece è un gioco di ruolo? :ironico: (io ero appassionatissimo di giochi di ruolo.... Gary Gigax, autore di Dungeons & Dragons era stato TDG e venne disassociato.... :ironico: ...è lo so, tra fuoriusciti ci si capisce...)

Stai evocando spiriti che non dovrebbero essere evocati.... praticamente le mie passioni....(heavy metal e musica rock compresa)...

Strano che Metallo Pesante, altro utente del forum non sia apparso... :ironico: :ironico: :ironico:

Comunque se proprio vogliamo approfondire ulteriormente l'argomento e mantenere la barra a dritta, posso iniziare ad elencare tutta una serie di attività consentite e non all'interno dei TDG.

Partiamo con lo Sport: La partita di calcetto con altri TDG, la partita di tennis con altri TDG, l'uscita in bicicletta o la corsetta in solitaria o con altri TDG, la frequentazione di palestra o altri sport in solitaria come ad esempio il nuoto, sono tranquillamente accettabili...

Ma se poco poco inizi a frequentare le persone del mondo nel mentre che pratichi tali attività, verrai sicuramente attenzionato (e quindi consigliato direttamente se sei maggiorenne, o facendo pressione sulla tua famiglia che è TDG), sulla pericolosità di frequentare le persone del mondo, che tradotto significa "lascia perdere" o "evita"...

Cosa ben diversa è invece l'attività sportiva agonistica, praticata sia in solitario, che in squadre.
In tal caso, nel 99% dei casi di famiglie TDG, mediamente credenti, nessun figlio o figlia TDG farà mai parte di una società sportiva del genere.
All'epoca di quando andavo a scuola io, chiesi più volte ai miei genitori, durante il periodo delle elementari e delle medie di poter aderire a club sportivi di calcio, basket e via dicendo...
La risposta a tutto questo era sempre NO...
E tutti i TDG miei coetanei (ad eccezione di coloro che avevano il padre non TDG, e neanche in tutti i casi, se era poi la madre TDG a comandare in casa su tali questioni) TDG con genitori TDG, nessuno ha fatto sport del genere (parlo del periodo 1980 - 90)
Neanche i famosi giochi della gioventù (fatti alle medie nel pomeriggio) venivano fatti fare ai TDG, perchè era come se fossero una sorta di porta aperta verso le tentazioni dello sport agonistico, e questo punto di vista era rimasto tale fino alla metà o fine degli anni 90 del XX secolo... forse oggi qualcuno oggi tra i TDG li pratica.... ma niente a che vedere con l'agonismo dei club privati.

Lo stesso dicasi di tutti gli altri sport agonistici che potrebbero essere svolti in solitaria, come atletica, tennis, nuoto e via dicendo, verrebbero vietati dal buon genitore TDG...
Ahh, si la vaccata delle sorelle Williams... perchè sono TDG? (e comunque, il loro padre e manager non è mai stato un TDG.... sarebbe cursioso di sapere se tornando indietro con la macchina del tempo e si potesse fare una dimensione parallela dove il padre delle Williams fosse un servitore di ministero o anziano di congregazione, se il percorso di tali due ragazze sarebbe stato lo stesso odierno....)

Le arti marziali e qualsiasi sport quale tiro al bersaglio, tiro al piattello, scherma, tiro con l'arco et simili, sono minimamente fattibili.
Anche il pugilato, fosse fatto anche solo per allenamento e non per combattimento, metterebbe in cattivissima luce la persona che lo pratica.

Attività pseudo sportive come ad esempio il soft air o il paintball (ovvero i giochi di guerra simulati), sono vietati in quanto "è come se addestrassero il cristiano a fare la guerra".... si lo so, sono veramente imbarazzanti...

Videogiochi, film, cartoni animati, giochi di ruolo e musica pesantemente censurati e limitati in base alla "morale teocratica" che censura tutto ciò che può avere a che fare con: Spiritismo o allusioni ad esso (animali che parlano, strani poteri, strani nomi o forme), violenza, aspetti che non sono cristiani.... in sostanza il 90% di queste cose è da buttare o prendere con le pinze.

Comunque, un genitore TDG non comprerà mai dei soldatini o dei giocattoli o videogiochi con armi ad un ragazzo (armi giocattolo....)

Da questo si evince che m...a di vita fa uno, che si vede censurare tutto in stile NKVD teocratico.

Dove ogni personale inclinazione, gusto musicale, artistico, viene livellato verso il mediocre mondo geovista e suddiviso tra ciò che è lecito e spirituale, da ciò che non lo è.

E fino a quando sei minorenne o economicamente dipendente, la famiglia geovista farà di tutto per limitarti su quante più cose sopra elencate, al fine di.....come dicono loro...."proteggerti spiritualmente".... :ciuccio: :ciuccio: :ciuccio:

Ma la cosa che fa veramente ridere è come i TDG giustifichino tutta questa loro censura motivandola che grazie al Corpo Direttivo, ed alla bibbia, che ci si tiene lontani dal mondo di Satana...
E che Geova ha fatto tutto questo per il nostro bene...

Geova.... :ciuccio: :ciuccio: :ciuccio:
Che ad oggi devo capire ancora se esiste... mentre invece le sue rotture di cogl... censure, umiliazioni e diversità, compiute attraverso la mia famiglia e le vaccate di questa religione, me le sono prese tutte pari pari per 20 anni della mia vita...

Senza contare poi tutte le rotture di balle sull'abbigliamento....
Basette si, basette no, abbigliamento attillato si, abbigliamento attillato no, la camicia nera o rossa.... il taglio di vestiti troppo appariscente o alla moda...
Cioè dai, se ci mettiamo ad elencare il bombardamento continuo a cui è sottoposto un TDG da quando nasce a quando cresce, è una cosa vergognosa....

E questo purtroppo, i nostri cari TDG non possono neanche negarlo, perchè se è vera l'affermazione secondo cui "loro devono distinguersi da quelli del mondo", poi tale distinzione si deve riverberare anche nelle attività che fanno.

Ora, negli anni 70 - 80 e 90 del XX secolo, tutti le cose sopra elencate venivano o non venivano fatte proprio in virtù di "essere diversi e separati dal mondo", ma perchè appunto si pensava che la Harmagheddon sarebbe venuto entro il XX secolo.
Quindi come dissi in precedenza, tali "sacrifici imposti dalla famiglia" erano fatti a fin di bene (o pensavano cosi)...

Poi, con il passare dei decenni, si è capito invece che tali imbarazzanti imposizioni, erano state una presa per il c..o, a loro volta, figlie della presa per il c..o maggiore, ovvero la visione millenaristica di questa religione.
« Senza aver visto la Cappella Sistina non è possibile formare un'idea apprezzabile di cosa un uomo solo sia in grado di ottenere. »
Johann Wolfgang von Goethe

Presentazione
Avatar utente
deliverance1979
Utente Gold
 
Messaggi: 6661
Iscritto il: 20/12/2009, 17:36

Messaggiodi Antonyos » 28/12/2020, 17:44

deliverance1979 ha scritto:Antonyos, dragon ball super il cartone animato? :ironico:

E come mai ti hanno indirizzato a fare una ricerca sul mitico Dungeons & Dragons, che invece è un gioco di ruolo? :ironico: (io ero appassionatissimo di giochi di ruolo.... Gary Gigax, autore di Dungeons & Dragons era stato TDG e venne disassociato.... :ironico: ...è lo so, tra fuoriusciti ci si capisce...)


Si il famoso cartone animato, l'avessimo mai fatto. Era un episodio speciale e stavamo noi cinque a vederlo una sera e mangiare qualcosa insieme. Mi dissero che gli era arrivato all'orecchio, e che il corpo direttivo non elenca tutti i film o cartoni giochi da non vedere ma anni fa aveva fatto un articolo speciale su dungeon e dragons dove c'erano dei principi utili e simili, per capire il pericolo di guardare o giocare a certe cose. Ovviamente mai letto l'articolo, mi aveva dato fastidio l'atto di spionaggio. Dissero che qualcuno poteva essere rimasto turbato da ciò che avevamo fatto.
Molto prima andai con altri ragazzi e ragazze, figlie di anziani a vedere doctor strange, della Marvel, supereroe e quindi violenza e magia. Allora mi chiedo i padri anziani si erano informati su quel film? Non potevano insegnare le figlie a non andarlo a vedere? Quindi se non sono in grado di insegnare ai figli non possono farlo nemmeno in congrega? Oppure quello va bene e quell'altro no?
Antonyos
Nuovo Utente
 
Messaggi: 98
Iscritto il: 15/05/2019, 13:57

Messaggiodi VictorVonDoom » 28/12/2020, 17:48

deliverance1979 ha scritto:Basette si, basette no,


Biiii,vero!!!! La guerra degli anni 90 alle basette... quanti ricordi! :risata: :risata: :risata:
Presentazione

"Nessuno dovrebbe sentirsi obbligato a seguire una forma di adorazione che considera inaccettabile o a scegliere fra le proprie credenze e la propria famiglia." (g 07/09 p.29)
Avatar utente
VictorVonDoom
Utente Master
 
Messaggi: 3550
Iscritto il: 14/05/2016, 20:25

Messaggiodi deliverance1979 » 28/12/2020, 19:32

Antonyos ha scritto:Allora mi chiedo i padri anziani si erano informati su quel film? N


Quello che piace ai miei denti non conosce ne amici ne parenti....(si dice dalle mie parti) :ironico:

La stessa cosa per me... ed i miei gusti...
I giochi di ruolo sbagliati, i film horror sbagliati... (però i morti erano finti.... e le fanta vaccate demoniche pure...)

La moto GP e la Formula 1, dove i morti ci escono per davvero, e dove invece si mette a rischio la propria vita e salute per vincere una gara, quelle SI, erano accettate perchè giovani TDG ed anziani erano appassionati di tale sport.

Ora io, potevo avere a che fare con queste persone qua?

Ma dai, io che compravo documentari sulla guerra in Vietnam o ero appassionato di storia militare... e mi guardavano come se fossi un alieno....

Per non parlare della media culturale dei TDG li dentro... :fronte: :fronte: :fronte:
Dai su lasciamo stare va
Decenni a sottostare alla censura geovista su vari campi di vita, di lavoro, di gusti personali, stile regime teocratico di serie B.
Il tutto perchè pensavi, no, mi correggo, ti era stato fatto credere che questa fosse la "VERA" religione e ne andava della tua vita.... invece poi si è rivelata la "VERA VACCATA del secolo, del XX secolo"
Magari a svegliarmi prima, quanti anni sprecati.

VictorVonDoom ha scritto:Biiii,vero!!!! La guerra degli anni 90 alle basette... quanti ricordi!


Ti ho stupito è... :ironico:
Ma ho altre chicche provenienti dai famigerati anni 80-90 del XX secolo...

Ma perchè, la barba non tagliata di uno o due giorni? :ironico:
O se avevi i capelli leggermente lunghi? :ironico:

La camicia nera o rossa erano vietate se dovevi svolgere parti sul podio, erano considerati colori politici, e per evitare malintesi tra le persone che potevano assistere all'adunanza, erano colori che molti anziani di congregazione o sorveglianti viaggianti disapprovavano ed ho conosciuto di fratelli che o si facevano prestare un'altra camicia o si cambiavano camicia o la parte loro assegnata non l'avrebbero fatta...

Le macchine sportive cabrio? (da noi considerate mondane, appariscenti, poco spirituali....come essere un James Dean de noantri...)

La guerra senza quartiere ai jeans strappati, o alle cavigliere per le donne, oppure sempre per le donne i doppi orecchini alle orecchie, oppure il brillantino (orecchino) sul naso... :fronte:

I tatuaggi roba d'altro mondo.... sei matto... :saggio: :saggio: :saggio:

Ed anche la battaglia ai famosi "Discopub" locati di perdizione, bistrattati nei discorsi "Bisogni locali" delle adunanze di servizio del Giovedì sera...

Non ci dicevano sempre: "Ricordatevi che voi dovete dare TESTIMONIANZA sempre, sia quando andate in servizio, che quando siete in borghese (senza giacca e cravatta.. :ironico: :ironico: )",
Di conseguenza, nei famigerati anni 70-90 del XX secolo, tutto ciò che non si confaceva con l'immagine del TDG modello, era criticata, sconsigliata, ripresa dalla famiglia, dagli anziani di congregazione, dai sorveglianti viaggianti.

Le partite di calcetto tra congregazioni, peggio ancora se le squadre in campo portavano anche magliette diverse...(agonismo...e competizione tra TDG....quando tutti dovrebbero essere fratelli e non ha importanza chi vince...) :ironico:

Dai, ne vogliamo parlare di quante vaccate abbiamo dovuto sopportare in decenni di frequentazione a questa ridicola religione.

E tutte queste cose venivano enfatizzate ed estremizzate come parte del mortifero "spirito del mondo"....

Vi risparmio poi la parte relativa ai comitati giudiziari fatti ai giovani per le parolacce, o la sigaretta o effusioni piccanti, come anche sesso con una sorella o persona del mondo... questioni normalissime per il mondo, ma per un TDG indottrinato fin da piccolo, e poi battezzato NO... ma questo sè un altro discorso...

Ed il bello di tutta questa ossessione nei confronti del mondo di Satana, di tutto questo controllo nella vita di ogni giovane TDG o TDG normale, di tutto questo stressarti la vita con tali vaccate (sempre sostenute dall'onnipresente paura della fine del mondo e di Harmagheddon imminente), mi viene da chiedermi:

Ma quanto beneficio pratico e concreto ha poi dato alle famiglie TDG tale vita impostata e castrata dalle "teocratiche norme" del Corpo Direttivo, rispetto alle NORMALISSIME famiglie del mondo, che invece hanno pascolato alla bene e meglio senza tante fisime, e compiendo tutte o gran parte le cose sopra citate?

No per sapere....

Quando io lo chiedevo, l'unica differenza che mi veniva sempre sbandierata da Anziani e Sorveglianti....era..... si, ma loro "Non amano Geova....e non fanno la sua volontà" :help: :help: :help: :fronte: :fronte: :fronte:
« Senza aver visto la Cappella Sistina non è possibile formare un'idea apprezzabile di cosa un uomo solo sia in grado di ottenere. »
Johann Wolfgang von Goethe

Presentazione
Avatar utente
deliverance1979
Utente Gold
 
Messaggi: 6661
Iscritto il: 20/12/2009, 17:36

Messaggiodi nardo » 28/12/2020, 22:12

Antonyos ha scritto:Quale sarebbe questo vantaggio di essere tdg o meglio essere stati tdg negli anni scorsi dove si gridava alla fine ma non è arrivata?


Nessuno, e questo a riprova di come la dottrina della doppia speranza e delle due classi è totalmente assente dal NT.
Ἐγώ εἰμι ἡ ὁδὸς καὶ ἡ ἀλήθεια καὶ ἡ ζωή· οὐδεὶς ἔρχεται πρὸς τὸν Πατέρα εἰ μὴ δι’ ἐμοῦ.
Avatar utente
nardo
Utente Junior
 
Messaggi: 393
Iscritto il: 20/02/2016, 22:09

Messaggiodi VictorVonDoom » 29/12/2020, 11:13

deliverance1979 ha scritto:Ma perchè, la barba non tagliata di uno o due giorni? :ironico:
O se avevi i capelli leggermente lunghi? :ironico:

La camicia nera o rossa erano vietate se dovevi svolgere parti sul podio, erano considerati colori politici, e per evitare malintesi tra le persone che potevano assistere all'adunanza, erano colori che molti anziani di congregazione o sorveglianti viaggianti disapprovavano ed ho conosciuto di fratelli che o si facevano prestare un'altra camicia o si cambiavano camicia o la parte loro assegnata non l'avrebbero fatta...

La guerra senza quartiere ai jeans strappati, o alle cavigliere per le donne, oppure sempre per le donne i doppi orecchini alle orecchie, oppure il brillantino (orecchino) sul naso... :fronte:

I tatuaggi roba d'altro mondo.... sei matto... :saggio: :saggio: :saggio:

Ed anche la battaglia ai famosi "Discopub" locati di perdizione, bistrattati nei discorsi "Bisogni locali" delle adunanze di servizio del Giovedì sera...


Un salto nella meravigliosa gioventù anni 90 degli italici TdG :risata: :risata: , almeno spero che tale mentalità troglodita sia stata tipica solo di noi provinciali italiotti (ma non credo proprio...), insomma una mentalità già latente che ha potuto trovare sfogo in questo culto fondamentalista.

Le camicie nere, le cavigliere... i discopub... i doppi orecchini, che meraviglia, pura poesia.

A quei tempi scorazzavano nelle congregazioni sorveglioni che non ti dico, altro che i manager aziendali impomatati dell'ultimo periodo (almeno fino alla mia dipartita :ironico: ).

Gli strali verso tutto quello che (lecito) avrebbe potuto interessare i giovani si sprecavano, poi passata la "visita" tali regole non scritte (furbi! :occhiol: ) venivano applicate senza pietà dagli anziani nei seguenti 4/5 mesi e via fino alla prossima visita.

Insomma, siccome tutto ciò che veniva "dal mondo", anche lecito, era opera di Satana e il giovane TdG doveva distinguersi dal mondo, doveva vivere, acconciarsi, vestirsi, pettinarsi, atteggiarsi... ecc.ecc. come una persona di circa 20/30 anni prima... così per non sbagliare :ironico:

Quindi se la basetta un po' più lunga andava di moda... no, mondana, quindi devi portarla corta.
Magari se oggi non è più di moda, allora lunga va bene.

Se era il periodo della cavigliera, allora no, mondana... non è appropriata.
Se ora è passata di moda, magari, allora nessuno dice nulla.

Gli ultimi strali che ho sentito prima di uscirmene, che mi hanno fatto venire il vomito, erano per i famigerati "tight pants"... siccome oggi vanno di moda vestiti non di 3/4 taglie più grandi, ma più sagomati, ecco che adesso sono quelli a non essere appropriati.
Magari fra 20 anni, quando passeranno di moda e sarai "fuori tempo" a portarli, allora saranno "concessi" anche ai TdG.

Insomma, tutto studiato in modo che il TdG si senta sempre fuori dal mondo, disadattato e a suo agio solo tra altri TdG, che seguiranno tutti la stessa "moda" degli altri, ovviamente.
Un mondo a parte.

Un ambientino niente male in cui vivere. Altro che "cosa non ti è concesso nell'organizzazione che puoi fare altrove"... :ironico:

Non è che voglio dire che uno debba PER FORZA seguire la moda, se no è antiquato. Ma deve essere, come è normale che sia ed è per tutti, una scelta personale, il gusto dell'individuo. Non che è il gruppo (che se ci nasci manco ti sei scelto, poi) a scegliere per te.
Presentazione

"Nessuno dovrebbe sentirsi obbligato a seguire una forma di adorazione che considera inaccettabile o a scegliere fra le proprie credenze e la propria famiglia." (g 07/09 p.29)
Avatar utente
VictorVonDoom
Utente Master
 
Messaggi: 3550
Iscritto il: 14/05/2016, 20:25

Messaggiodi deliverance1979 » 29/12/2020, 12:25

Caro Victor, io penso che noi abbiamo avuto l'ultimo rigurgito di educazione geovista più grottesco.

Quello del periodo 1984-1994, ovvero gli ultimi 10 anni del crepuscolo della "Generazione" del 1914 che non doveva passare, che che entro il 1994 doveva ricordare la "Fine di questo sistema di cose"

La contrapposizione religiosa tra noi e quelli del mondo, all'epoca era molto forte, tanto che quando andavi a scuola, elementari e medie, eri l'unico TDG della tua scuola, o forse insieme a te ce ne erano altri 3 - 4 della tua congregazione....
Ma su una scuola...

L'educazione geovista era impartita con lo scopo di far differenziare il giovane TDG dal resto dei giovani del mondo, anche su cose minime e lecite, quali l'abbigliamento, il taglio di capelli, la partecipazione a sport o ad eventi comuni per le persone del mondo.

All'epoca si credeva veramente che la fine del mondo fosse prossima, ed è per questo che i nostri genitori bigotti e paurosi, ci hanno indottrinato a questi livelli, mietendo poi i frutti di oggi.
« Senza aver visto la Cappella Sistina non è possibile formare un'idea apprezzabile di cosa un uomo solo sia in grado di ottenere. »
Johann Wolfgang von Goethe

Presentazione
Avatar utente
deliverance1979
Utente Gold
 
Messaggi: 6661
Iscritto il: 20/12/2009, 17:36

Messaggiodi VictorVonDoom » 29/12/2020, 12:59

VictorVonDoom ha scritto:Gli ultimi strali che ho sentito prima di uscirmene, che mi hanno fatto venire il vomito, erano per i famigerati "tight pants"... siccome oggi vanno di moda vestiti non di 3/4 taglie più grandi, ma più sagomati, ecco che adesso sono quelli a non essere appropriati.
Magari fra 20 anni, quando passeranno di moda e sarai "fuori tempo" a portarli, allora saranno "concessi" anche ai TdG.


Cioè, tanto per fare un esempio e far capire a qualche ignaro lettore di che livello di idiozia e oscurantismo stiamo parlando, ecco due immagini:

tight-pants-watchtower-june-2016-study-edition.jpg
tight-pants-watchtower-june-2016-study-edition.jpg (45.93 KiB) Osservato 523 volte


Immagine.jpg
Immagine.jpg (104.43 KiB) Osservato 523 volte


Abiti e acconciature perfettamente normali per le persone... normali, appunto, (però sono di moda oggi quindi orrore, peccato, satanismo, demonico, mondano!!!) ma che vengono stigmatizzate nelle pubblicazioni dei TdG.

E di riflesso, il povero giovane che non vuole vestirsi come una cariatide (già voglio dire... è dura l'abito completo al di fuori di un invito ad un matrimonio, anzi... manco li si usa più), non potrà nemmeno sentirsi libero di scegliere abiti un po' meno antiquati.

E' "consentito" vestirsi in quel modo? Beh, certo non ti sparano o disassociano per questo.

Ma come mostra la prima figura, ecco che l'apparato militare geovista formato da due anziani si muove per baston... ehm, consigliare il giovane "poco spirituale" e "non esemplare" su come debba vestirsi un TdG provetto.

Nella seconda, dove i due ragazzotti hanno magari "osato" di più del primo giovane sono additati come irrispettosi verso Geova e immodesti. Immagina di essere un giovane vestito con abiti più alla moda in congregazione come ti sentirai... una pasqua proprio!!!

Quindi "cosa non è consentito nell'organizzazione..."? Beh.. Ma per cortesia...
Presentazione

"Nessuno dovrebbe sentirsi obbligato a seguire una forma di adorazione che considera inaccettabile o a scegliere fra le proprie credenze e la propria famiglia." (g 07/09 p.29)
Avatar utente
VictorVonDoom
Utente Master
 
Messaggi: 3550
Iscritto il: 14/05/2016, 20:25

Messaggiodi deliverance1979 » 29/12/2020, 14:06

VictorVonDoom ha scritto:Cioè, tanto per fare un esempio e far capire a qualche ignaro lettore di che livello di idiozia e oscurantismo stiamo parlando,


Poi da notare anche la posa e la gestualità caricaturale dei due "bravi manzoniani" alla TDG maniera, messi in posa con fare quasi da sbruffoni ed acconciatura stravagante, che deve stonare con il contesto... :fronte:

E' tutta una propaganda sottile fatta a colpi di foto e marketing, soprattutto con continue tecniche di contrapposizione tra cosa è "teocraticamente" corretto da ciò che non lo è.

E questo solo per quanto riguarda l'abbigliamento...
Figurarsi in tutte le altre cose dove c'è più margine di manovra per una censura teocratica più marcata... dove si possono applicare più agilmente questa o quella scrittura che vede in maniera negativa una determina attività....
E dove quindi la propria famiglia, appecorinata a tale visione di vita, ha insindacabile potere nel decidere se puoi o NON puoi fare una determinata cosa ultra lecita per il mondo, ma sconveniente e sconsigliata per la WTS...

E non scordiamoci mai che la posta in gioco per i TDG "è la salvezza o distruzione ad Hamragheddon", quindi tutto questo sistema di censura, è sempre in funzione di tale "posta in gioco..." La famosa fine del mondo.... :ciuccio: :ciuccio: :ciuccio:
« Senza aver visto la Cappella Sistina non è possibile formare un'idea apprezzabile di cosa un uomo solo sia in grado di ottenere. »
Johann Wolfgang von Goethe

Presentazione
Avatar utente
deliverance1979
Utente Gold
 
Messaggi: 6661
Iscritto il: 20/12/2009, 17:36

Prossimo

Torna a Forum principale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti

Crisi di coscienza

Crisi di coscienza. Fedeltà a Dio o alla propria religione?
Parole franche di un testimone di Geova

Il libro biografia di un ex-membro del corpo direttivo tradotto in tutto il mondo che svela i segreti interni del gruppo. Ordinalo subito!
Sostienici